Muggiò Città@perta

Un'altra Muggiò è possibile

  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

  • Giovani Comunisti Monza Brianza

  • Il PRC Muggiò su Facebook:

  • L’Altra Europa

  • SOTTOSCRIZIONE FEDERALE

    Vintage ornate card in east style. Golden Victorian floral decor. Template frame for greeting card and wedding invitation. Ornate vector border and place for your text.

  • NO alla modifica costituzionale

  • REFERENDUM SOCIALI

  • ISCRIZIONI 2015

  • Il fascismo è un crimine

  • I soldi dei caccia F35 vadano ai terremotati!

    Chiediamo che i fondi per i caccia F35 siano destinati interamente per la ricostruzione
  • SCIOPERO GENERALE

  • No alla Buona Scuola

  • In piazza con la FIOM

  • Ricordando il compagno Mandela

  • Electrolux non deve passare

  • 17 APRILE NO TRIV

  • Lotto per il 18 – iniziata la raccolta delle firme per indire il referendum

  • BASTA CEMENTO, PIU’ VERDE SUBITO! FIRMA ANCHE TU

  • ALCOA, la lotta continua

    ALCOA, la lotta continua
  • Col governo Monti cresce solo l’ingiustizia

  • Paghi chi non ha mai pagato

  • Manovra Monti – NO al governo dei banchieri

  • Manovra Monti – paghi chi non ha mai pagato

  • 2 SI per acqua bene comune

    2 SI per acqua bene comune
  • La legge è uguale per tutti: VOTA SI

    La legge è uguale per tutti: VOTA SI
  • MANDIAMOLI A CASA!

    Berlusconi e Marchionne vogliono la stessa cosa; comprimere i diritti e la democrazia a proprio vantaggio
  • A voi i profitti, a noi i lutti

  • Basta con il bipolarismo degli affari

    Basta con il bipolarismo degli affari

    Basta con il bipolarismo degli affari

  • Articoli Recenti

IL PGT CHE SOSTERREMO IN CONSIGLIO COMUNALE

Posted by PRC Muggiò su sabato 27 settembre 2008

Una comunità è tale quando condivide e sostiene una serie di beni comuni; nell’antichità si sarebbe parlato di aria, acqua, terra e fuoco. Oggi l’equivalente di quei beni comuni sono la lotta per la qualità dell’aria (trasporti pubblici e non privati; lotta agli inquinamenti in tutte le forme in cui si manifestano), la battaglia per mantenere nelle mani pubbliche tutto il ciclo integrato dell’acqua (dalla captazione, all’erogazione, alla depurazione), la lotta per il lavoro e la casa (lotta al precariato sociale e dignità delle persone), la lotta per garantire nelle mani pubbliche i servizi a rete che gravitano nel settore dell’energia (gas, luce). In quest’ottica l’attuazione del PGT deve rispondere non tanto a fabbisogni di mercato ma principalmente ai bisogni delle fasce di reddito che sono e rischiano di essere emarginate dalla fruizione dei beni e servizi della Città.

 

Obiettivo principale del PGT sarà quindi di consentire uno sviluppo armonico della nostra città nel rispetto dell’ambiente e del territorio per garantire una migliore qualità della vita. Muggiò dovrà mantenere quei caratteri urbani che l’assimilano ai paesi della Brianza, più che ai comuni limitrofi dell’area nord di Milano.

 

Per questo bisognerà:

a)     arginare la pressione insediativa della vicina metropoli milanese;

b)     prevedere edifici contenuti in altezza e densità; indici superiori ai 1.8 mc/mq, ed altezze superiori ai 18 metri, non sono compatibili con uno sviluppo armonico della nostra citta.

c)      conservare le aree agricole; ampliare e attrezzare le aree verdi esistenti

d)     elaborare un piano di recupero delle aree dimesse, al centro e in periferia – nell’ottica di un contenimento del consumo del territorio non ancora cementificato – con particolare riguardo al recupero urbanistico ed edilizio del vecchio nucleo storico; le linee guida ed i parametri di riferimento per considerare interventi nelle aree dismesse sono:

·        obbligo di PII e vincolo nelle altezze convenzionate (massimo 5 piani per impedire negli anni futuri la trasformazione dei sottotetti); le aree adiacenti ai perimetri dei PII non potranno subire cambi di destinazioni d’uso “impliciti”

·        recupero in loco di standard urbanistici che siano superiori agli indici del Piano delle Regole (verde, parcheggi pubblici, risparmio energetico ed uso di fonti energetiche alternative)

·        priorità alle richieste il cui standard qualitativo realizza interventi, o parti di interventi significativi, individuati nel Piano dei Servizi

·        programmazione, durante la validità quinquennale del PGT, del quantitativo massimo di aree dismesse ammesse al recupero per realizzare parti necessarie del Piano dei Servizi

e)     prevedere un corretto e adeguato inserimento delle attività produttive e commerciali:

f)        elaborare un piano dei servizi, che rappresenti un avanzamento politico rispetto a quello esistente, perché in grado di rispondere ai veri bisogni della città.

 

Tra gli obiettivi generali deve essere annoverato non tanto il recepire i contenuti degli strumenti urbanistici sovracomunali che hanno ricadute sul territorio di Muggiò (Piano Territoriale Paesaggistico della Regione; Piano Territoriale di Coordinamento della Provincia e gli indirizzi del Piano d’Area per la Brianza; gli strumenti predisposti dal Parco del Grugnotorto), quanto la scelta di interloquire con quei livelli sovracomunali al fine di orientarli (per quanto nelle possibilità dell’Amministrazione) coerentemente alla nostra visione della città pubblica.

 

In particolare questa azione sarà volta a

  1. contrastare ogni ipotesi insediativa nelle aree nord della citta (aree Pam Antares) per conservarle a destinazione agricola su tutti e tre i comuni di Muggiò, Desio e Lissone
  2. rafforzare il Parco del Grugnotorto e specialmente la tutela delle sue aree, sostenendo l’accorpamento delle aree nel Parco Nord con conseguente estensione dei vincoli regionali sulle nostre aree
  3. contrastare nuove ipotesi di centri commerciali che venissero individuati nelle vicinanze di Muggiò
  4. sostenere i progetti di estensione della mobilità pubblica, specie se su ferro, individuando la Stazione ferroviaria di Lissone e la metro-tramvia di Cinisello, il rinnovamento della linea tranviaria Milano-Desio, la futura stazione metropolitana di Monza/Cinisello, quali assi privilegiati di accesso a Milano

 

BENE CASA. Vogliamo introdurre nel Piano delle Regole una norma che rende obbligatoria la messa sul mercato dell’affitto, per un determinato numero di anni, una percentuale degli immobili realizzati tramite Piani Attuativi, indipendentemente dal fatto che tali Piani Attuativi siano di iniziativa pubblica o privata.

 

MOBILITA’. Purtroppo i danni derivanti da decenni di mancata/insufficiente programmazione della mobilità sono quasi irreparabili e la realizzazione delle bretelle Nova/Muggiò/Desio e tangenzialina su via Baradello sono l’ultima possibilità per incanalare il traffico di attraversamento e garantire la continuità del tessuto urbano tra centro e periferie. Bisognerà, inoltre, ricercare un sistema di integrazione tra trasporto su ferro (Lissone, Cinisello, Nova Milanese) e su gomma (nuovo centro di corrispondenza Bus/auto presso il Multiplex), pubblico e privato, per ridurre gli inquinamenti e i consumi energetici, per aumentare la sicurezza e la disponibilità a percorsi ciclopedonali, in una parola per migliorare la vivibilità dei quartieri cittadini.

 

Per la riqualificazione ambientale e paesaggistica della Città bisognerà rafforzare un sistema di aree verdi, sia con aree a carattere specifico di parchi (Parco Casati, Parco Superga …) e giardini, sia potenziando la funzione ecologica delle aree agricole (Parco del Grugnotorto), sia avvalendosi della presenza del Canale Villoresi, lungo il cui tracciato ci impegniamo a non permettere cambi di destinazione d’uso, per un’ampiezza di almeno 100mt.

 

 

Col PGT si proverà ad affrontare un nuovo rapporto tra programmazione degli interventi e sostenibilità, soprattutto in riferimento al tema dell’energia, individuando come ulteriore criterio per le realizzazioni inserite nel Piano non solo i tradizionali parametri urbanistici, edilizi ed ambientali, ma anche quelli propri del risparmio energetico e della utilizzazione delle fonti energetiche alternative.

 

Sarà fondamentale mettere in atto politiche di ‘contenimento’ del consumo di territorio attraverso la quantificazione di obiettivi e ‘soglie dimensionali’ nel quinquennio di vita del Piano, differenziati tra interventi residenziali e interventi terziario direzionali e produttivi, tenendo conto del fatto che nel PRG vigente gli spazi assegnati al terziario paiono esuberanti rispetto ai fabbisogni e che questo non può tradursi in un trasferimento automatico delle volumetrie precedentemente ipotizzate in analoghe volumetrie residenziali.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: