Muggiò Città@perta

Un'altra Muggiò è possibile

  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

  • Il PRC Muggiò su Facebook:

  • La Sinistra

  • Muggiò a Sinistra

  • Giovani Comunisti Monza Brianza

  • L’Altra Europa

  • SOTTOSCRIZIONE FEDERALE

  • NO alla modifica costituzionale

  • REFERENDUM SOCIALI

  • ISCRIZIONI 2015

  • Il fascismo è un crimine

  • I soldi dei caccia F35 vadano ai terremotati!

    Chiediamo che i fondi per i caccia F35 siano destinati interamente per la ricostruzione
  • SCIOPERO GENERALE

  • No alla Buona Scuola

  • In piazza con la FIOM

  • Ricordando il compagno Mandela

  • Electrolux non deve passare

  • 17 APRILE NO TRIV

  • Lotto per il 18 – iniziata la raccolta delle firme per indire il referendum

  • BASTA CEMENTO, PIU’ VERDE SUBITO! FIRMA ANCHE TU

  • ALCOA, la lotta continua

    ALCOA, la lotta continua
  • Col governo Monti cresce solo l’ingiustizia

  • Paghi chi non ha mai pagato

  • Manovra Monti – NO al governo dei banchieri

  • Manovra Monti – paghi chi non ha mai pagato

  • 2 SI per acqua bene comune

    2 SI per acqua bene comune
  • La legge è uguale per tutti: VOTA SI

    La legge è uguale per tutti: VOTA SI
  • MANDIAMOLI A CASA!

    Berlusconi e Marchionne vogliono la stessa cosa; comprimere i diritti e la democrazia a proprio vantaggio
  • A voi i profitti, a noi i lutti

  • Basta con il bipolarismo degli affari

    Basta con il bipolarismo degli affari

    Basta con il bipolarismo degli affari

  • Articoli Recenti

TERZA EDIZIONE DEL LIBRO SU PEPPINO IMPASTATO

Posted by PRC Muggiò su venerdì 25 maggio 2012

di Giovanni Russo Spena

Abbiamo voluto pubblicare la terza edizione di “Anatomia di un depistaggio” (Editori Riuniti University Press), l’inchiesta che abbiamo condotto sull’uccisione di Peppino Impastato, per attualizzare l’analisi sull’intreccio tra mafie, finanza, politica, ma anche perchè sono emersi avvenimenti importanti che confermano le conclusioni della nostra indagine.

Settori dello Stato sempre più sono sotto accusa per avere allontanato la verità con comportamenti omissivi, illegali e criminali. Negli scritti che abbiamo aggiunto in quest’ultima edizione (frutto di riflessioni di Umberto Santino, di Giovanni Impastato e mie) rileviamo come finalmente la magistratura stia indagando anche sulle responsabilità dell’avvenuto depistaggio da parte di settori della magistratura e dei Carabinieri. Non a caso pubblichiamo, nella nuova edizione, un inedito, cioè l’interrogatorio (condotto, in Commissione Antimafia, da me come presidente e dal senatore Figurelli) del generale Subranni, indagato, in questo periodo, in relazione alla trattativa Stato/mafie. Scrive Santino nella sua introduzione:”si torna a parlare di neofascisti, di servizi. Ricordiamo amicizie del capomafia Badalamenti con i Carabinieri, si rispolvera il vecchio fascicolo dell’assassinio di due carabinieri nella casermetta di Alcamo Marina nel gennaio del1976, e ora, dopo l’assoluzione di Giuseppe Gullotta, che era stato condannato all’ergastolo in seguito a confessioni strappate con torture, si cerca di far luce su quell’evento, collegandolo con altri delitti, tra cui quello di Peppino”. Dunque è bene che la magistratura riparta dalle conclusioni della nostra relazione in Commissione Antimafia. Ripartiamo dalla raggiunta verità (che quello di Peppino Impastato è stato un importante delitto politico/mafioso) per affrontare anche sul piano giudiziario la “protervia di chi non ha mai cessato di pianificare e avallare depistaggi, ma pure l’impegno di chi ha saputo sostenere una difficile sfida, anche quando sembrava che il muro dell’impunità e delle complicità non si sarebbe mai sgretolato. Tutt’altro che un episodio marginale, periferico, ma un esempio di forte significato nel quadro della storia d’Italia”. Peppino Impastato  fu, lo si ricorda poco, un sessantottino, precursore del movimento altermondialista; fu un comunista internazionalista, che lottava per un partito “sociale”. Lo ricordiamo anche in questo libro, perchè non diventi (per i giovani che lo amano) una icona imbalsamata, ma sia fulgido esempio di lotta contro le mafie e il capitale.


 

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: