Muggiò Città@perta

Un'altra Muggiò è possibile

  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

  • Giovani Comunisti Monza Brianza

  • Il PRC Muggiò su Facebook:

  • L’Altra Europa

  • SOTTOSCRIZIONE FEDERALE

    Vintage ornate card in east style. Golden Victorian floral decor. Template frame for greeting card and wedding invitation. Ornate vector border and place for your text.

  • NO alla modifica costituzionale

  • REFERENDUM SOCIALI

  • ISCRIZIONI 2015

  • Il fascismo è un crimine

  • I soldi dei caccia F35 vadano ai terremotati!

    Chiediamo che i fondi per i caccia F35 siano destinati interamente per la ricostruzione
  • SCIOPERO GENERALE

  • No alla Buona Scuola

  • In piazza con la FIOM

  • Ricordando il compagno Mandela

  • Electrolux non deve passare

  • 17 APRILE NO TRIV

  • Lotto per il 18 – iniziata la raccolta delle firme per indire il referendum

  • BASTA CEMENTO, PIU’ VERDE SUBITO! FIRMA ANCHE TU

  • ALCOA, la lotta continua

    ALCOA, la lotta continua
  • Col governo Monti cresce solo l’ingiustizia

  • Paghi chi non ha mai pagato

  • Manovra Monti – NO al governo dei banchieri

  • Manovra Monti – paghi chi non ha mai pagato

  • 2 SI per acqua bene comune

    2 SI per acqua bene comune
  • La legge è uguale per tutti: VOTA SI

    La legge è uguale per tutti: VOTA SI
  • MANDIAMOLI A CASA!

    Berlusconi e Marchionne vogliono la stessa cosa; comprimere i diritti e la democrazia a proprio vantaggio
  • A voi i profitti, a noi i lutti

  • Basta con il bipolarismo degli affari

    Basta con il bipolarismo degli affari

    Basta con il bipolarismo degli affari

  • Articoli Recenti

L’hotel fantasma di Muggiò inaugurato dopo 15 anni di misteri

Posted by PRC Muggiò su lunedì 29 luglio 2013

Fu tentata anche la strada della clinica contro i disturbi alimentari, senza successo. Pochi giorni fa il taglio del nastro dell’albergo. Mancavano le autorizzazioni, è stato sequestrato

di Alessandro Crisafulli

 
L'hotel di Muggiò (Brianza)

L’hotel di Muggiò (Brianza)

di Alessandro Crisafulli

Muggiò, 26 luglio 2013 – In città, chi lo conosceva, lo ha sempre definito l’albergo «fantasma». Perché dentro quell’edificio squadrato su quattro piani, si sono ripetutamente affollati dubbi, interrogativi, ombre. Molto più numerosi degli utenti. Quindici anni di mistero, attorno a una struttura che si innalza sulla Monza-Saronno e fu costruita con i fondi dei Mondiali di Italia 90. Dalla prima chiusura nel 1997, quando fu trasformato in una casa di riposo abusiva, al recente sequestro, perchè riconducibile alle proprietà degli eredi di Salvatore Izzo. Attraverso l’ultima farsa: l’inaugurazione di domenica 7 luglio, con tanto di complessino e maxi buffet.

Una storia contorta, complessa, oscura. Sporca. La struttura, autorizzata come albergo, viene chiamata inizialmente Residence Armonia. In realtà la società proprietaria, gestita da un avvocato siciliano, la trasforma – senza tutte le necessarie autorizzazioni – in residenza per anziani. Il giochino viene presto scoperto e, nel ’97, scatta il blitz: all’interno, vigili, carabinieri, Asl trovano una trentina di anziani in condizioni precarie, accertando una serie di irregolarità.

Il Residence viene chiuso, ne nasce una battaglia legale. Si registra anche un tentativo, a vuoto, di trasformarlo in clinica e centro studi contro i disturbi alimentari come anoressia e bulimia. La società fallisce e l’edificio va in mano a un curatore fallimentare. Per diversi anni rimane chiuso, abbandonato. Fino a quando, un paio di anni fa, viene acquisito da un’altra società. Che decide di trasformarlo, questa volta davvero, in albergo. Viene chiamato Hotel Imperial: «Da questa posizione si raggiungono facilmente gli aeroporti di Linate e Orio al Serio, il centro di Milano e la nuova Fiera di Rho , l’autodromo di Monza, le città di Bergamo, Como, Lecco», si legge sul sito ufficiale ancora online, dove spiccano le immagini delle lussuose camere.

Domenica 7, viene fissato il taglio del nastro, «avevo persino ricevuto l’invito – racconta il sindaco Pietro Zanantoni – che ho subito consegnato alle forze dell’ordine, perché non erano a posto con le autorizzazioni. Siamo sempre stati molto attenti su quanto succedeva dentro quell’edificio e dopo l’inaugurazione abbiamo fatto controlli quotidiani: non ci risulta mai entrato nessuno». Le insegne sfavillanti sono state coperte, le bandiere colorate delle Nazioni che sventolavano, rimosse. Le ombre hanno di nuovo vinto le luci.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: