Muggiò Città@perta

Un'altra Muggiò è possibile

  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

  • Giovani Comunisti Monza Brianza

  • Il PRC Muggiò su Facebook:

  • L’Altra Europa

  • SOTTOSCRIZIONE FEDERALE

    Vintage ornate card in east style. Golden Victorian floral decor. Template frame for greeting card and wedding invitation. Ornate vector border and place for your text.

  • NO alla modifica costituzionale

  • REFERENDUM SOCIALI

  • ISCRIZIONI 2015

  • Il fascismo è un crimine

  • I soldi dei caccia F35 vadano ai terremotati!

    Chiediamo che i fondi per i caccia F35 siano destinati interamente per la ricostruzione
  • SCIOPERO GENERALE

  • No alla Buona Scuola

  • In piazza con la FIOM

  • Ricordando il compagno Mandela

  • Electrolux non deve passare

  • 17 APRILE NO TRIV

  • Lotto per il 18 – iniziata la raccolta delle firme per indire il referendum

  • BASTA CEMENTO, PIU’ VERDE SUBITO! FIRMA ANCHE TU

  • ALCOA, la lotta continua

    ALCOA, la lotta continua
  • Col governo Monti cresce solo l’ingiustizia

  • Paghi chi non ha mai pagato

  • Manovra Monti – NO al governo dei banchieri

  • Manovra Monti – paghi chi non ha mai pagato

  • 2 SI per acqua bene comune

    2 SI per acqua bene comune
  • La legge è uguale per tutti: VOTA SI

    La legge è uguale per tutti: VOTA SI
  • MANDIAMOLI A CASA!

    Berlusconi e Marchionne vogliono la stessa cosa; comprimere i diritti e la democrazia a proprio vantaggio
  • A voi i profitti, a noi i lutti

  • Basta con il bipolarismo degli affari

    Basta con il bipolarismo degli affari

    Basta con il bipolarismo degli affari

  • Articoli Recenti

Pagina 20, in fondo a destra, una colonnina, 32 righe Novembre 22, 2014 di Raul Mordenti

Posted by PRC Muggiò su venerdì 28 novembre 2014

Così, nascosta in una parte illeggibile del giornale, “La Repubblica” ha dato (o piuttosto non ha dato) la notizia dell’incriminazione di un agente americano, consulente di Cossiga e Andreotti, per l’omicidio di Aldo Moro. Il popolo non deve sapere quale ruolo decisivo e diretto hanno svolto gli americani (d’intesa con Cossiga, Andreotti e i servizi) per colpire la nostra democrazia.

Se qualcuno avesse ancora dei dubbi a proposito della necessità di uno sguardo comunista, capace di informare autonomamente sulle cose del mondo, l’episodio che segnaliamo dovrebbe farlo riflettere.
La notizia di cui parliamo avrebbe meritato secondo noi la prima pagina e un titolo a 9 colonne, perché è tale da cambiare il modo di leggere la storia d’Italia: il Procuratore Generale di Roma, dott. Luigi Ciampoli, chiede che si proceda contro Steve Pieczenik, funzionario del Dipartimento di Stato USA, per concorso nell’omicidio di Moro (“gravi indizi circa un suo concorso nell’omicidio”). Questo agente USA fu inviato a Roma dal suo Governo per gestire la crisi del sequestro Moro e riferiva quotidianamente a Cossiga e ad Andreotti, che per parte loro avevano attivato il loro pool di “esperti” (tutti rigorosamente piduisti).
Pieczenik – psichiatra esperto di terrorismo, laureato ad Harvard e specializzato al Mit – dichiara fra l’altro in un suo libro (scritto nel 2008 con il giornalista francese Emanuel Amara e intitolato Abbiamo ucciso Aldo Moro): “mi resi conto che portando la mia strategia alle estreme conseguenze (…) avrei sacrificato l’ostaggio”, e rivendica il falso comunicato, in cui si annunciava l’esecuzione di Moro e l’occultamento del suo corpo nel lago della Duchessa, che doveva servire a: “spingere le Brigate Rosse a uccidere Moro”. Costui è anche oggetto di un procedimento aperto da Obama per aver provocato “la morte di un uomo di Stato straniero” (“Il Fatto”, 14/11/14, p.11). E, sicuro come è dell’impunità data anche la totale inerzia del Governo italiano, Pieczenik arriva a confessare di aver operato una “manipolazione strategica” necessaria per evitare che in Italia si avvicinasse al Governo il PCI: “Fino alla fine ho avuto paura che lo liberassero”.
Ritorna anche, nell’inchiesta del PG di Roma, la notizia della presenza in Via Fani, al momento dell’agguato omicida, del colonnello del SISMI Camillo Guglielmi, che nel frattempo è deceduto; Guglielmi giustificò la sua presenza alle 9 del mattino a Via Fani con una scusa ridicola (disse che era lì perché …invitato a pranzo da un testimone che lo smentì). Secondo il dott. Ciampoli insomma: “L’uccisione di Aldo Moro non fu un omicidio legato solo alle Brigate Rosse. Sul palcoscenico di Via Fani c’erano i nostri servizi segreti e quelli di altri Paesi stranieri…”.
Di tutto ciò “Repubblica”, per non parlare della grande informazione radio-televisiva, non dà praticamente notizia: il popolo non deve sapere quale ruolo decisivo e diretto hanno probabilmente svolto gli americani (d’intesa con Cossiga, Andreotti e i servizi) per colpire in un punto vitale la nostra democrazia.

Nell’articoletto invisibile di cui parliamo, il titolo, nel tentativo di banalizzare l’inchiesta o di ascriverla alla bizzarria di un magistrato, pecca perfino di buon gusto: “Omicidio Moro: il Pg di Roma mette nel mirino l’uomo degli Usa” (considerando che nel mirino Moro c’è finito davvero e non metaforicamente).
Il tutto a pagina 20 (le pagine pari sono quelle che si leggono di meno), sotto la notizia della Panda di Marino in divieto di sosta e a fianco della notizia riassunzione di Boffo alla CEI, in fondo a destra, una colonnina, 32 righe, non firmato. O forse sì.

Pagina 20, in fondo a destra, una colonnina, 32 righe

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: