Muggiò Città@perta

Un'altra Muggiò è possibile

  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

  • Giovani Comunisti Monza Brianza

  • Il PRC Muggiò su Facebook:

  • Muggiò a Sinistra

  • L’Altra Europa

  • SOTTOSCRIZIONE FEDERALE

    Vintage ornate card in east style. Golden Victorian floral decor. Template frame for greeting card and wedding invitation. Ornate vector border and place for your text.

  • NO alla modifica costituzionale

  • REFERENDUM SOCIALI

  • ISCRIZIONI 2015

  • Il fascismo è un crimine

  • I soldi dei caccia F35 vadano ai terremotati!

    Chiediamo che i fondi per i caccia F35 siano destinati interamente per la ricostruzione
  • SCIOPERO GENERALE

  • No alla Buona Scuola

  • In piazza con la FIOM

  • Ricordando il compagno Mandela

  • Electrolux non deve passare

  • 17 APRILE NO TRIV

  • Lotto per il 18 – iniziata la raccolta delle firme per indire il referendum

  • BASTA CEMENTO, PIU’ VERDE SUBITO! FIRMA ANCHE TU

  • ALCOA, la lotta continua

    ALCOA, la lotta continua
  • Col governo Monti cresce solo l’ingiustizia

  • Paghi chi non ha mai pagato

  • Manovra Monti – NO al governo dei banchieri

  • Manovra Monti – paghi chi non ha mai pagato

  • 2 SI per acqua bene comune

    2 SI per acqua bene comune
  • La legge è uguale per tutti: VOTA SI

    La legge è uguale per tutti: VOTA SI
  • MANDIAMOLI A CASA!

    Berlusconi e Marchionne vogliono la stessa cosa; comprimere i diritti e la democrazia a proprio vantaggio
  • A voi i profitti, a noi i lutti

  • Basta con il bipolarismo degli affari

    Basta con il bipolarismo degli affari

    Basta con il bipolarismo degli affari

  • Articoli Recenti

1 su 5 ce la fa!

Posted by PRC Muggiò su venerdì 2 settembre 2016

Dopo due anni di Amministrazione Fiorito dovremmo riproporre la pagellina a Sindaco e Assessori pubblicata più di una volta sul blog di Rifondazione Comunista di Muggiò.

Scarica il dodicesimo numero del giornalino: CLICCA QUA
Scarica il tredicesimo numero del giornalino: CLICCA QUA

E invece no. Questa volta è diverso… lo spiegheremo alla fine dell’articolo.

Una valutazione sullo stato di attuazione del programma è sempre un buon metodo di confronto tra il dire e il fare della politica locale. Certo è che anche le migliori aspettative spesso si scontrano con la dura realtà dei tagli ai bilanci e delle ristrettezze economiche.
Il programma elettorale del Partito Democratico è già stato oggetto di un approfondito confronto con la realtà svolto dalla lista civica Ora per Muggiò, felicemente fuoriuscita dalla maggioranza.

Ci accontentiamo di valutare i “5 buoni motivi per cambiare davvero” la città utilizzati in campagna elettorale dal PD e che ci aspettiamo siano quelli più identificativi del progetto politico dell’attuale amministrazione.5motivi

Questi slogan, recuperati sulla pagina Facebook di “Maria Fiorito Sindaco di Muggiò” e non aggiornata da gennaio 2015, sono molto evocativi. Con Fiorito Sindaco Muggiò può cambiare davvero. Che poi cambi in meglio o in peggio non è dato saperlo! Anche renzifioritoMatteo Renzi sta cambiando l’Italia, affossando i diritti dei lavoratori, forzando la Costituzione ed il Parlamento, assecondando le esigenze della finanza e del capitalismo. Non a caso la stessa Fiorito non nasconde il proprio sostegno al premier Renzi, anche con manifesti di propaganda che ne accomunano gli intenti: Renzi cambia l’Italia, Fiorito cambia Muggiò.

Punto 1: sostegno al lavoro e alle famiglie.

Se per sostegno si intende il Fondo di Solidarietà, gestito dalle parrocchie e finanziato coi soldi pubblici, e poi omettiamo di ricordare che non si è adeguata a tempo debito la normativa ISEE per le famiglie disabili, omettiamo di ricordare di aver ignorato per settimane le proteste dei lavoratori Imperial licenziati da un giorno all’altro, omettiamo di ricordare di non aver speso un euro per implementare strutture come l’AFOL, omettiamo di valutare l’utilizzo acritico dei voucher… allora hanno raggiunto l’obiettivo.

Punto 2: una città viva e ben curata.

Una città è viva se favorisce il dialogo e le iniziative dei cittadini e delle associazioni locali. Quest’anno invece il dialogo è ben rappresentato dall’assenza della sagra dello sport e della festa dei popoli.

E di ben curato cosa troviamo? Strade? Case comunali? Biblioteca? Parco del Grugnotorto? La cura del verde è stato oggetto di recenti polemiche, a cui il Sindaco stesso ha risposto di non avere a disposizione abbastanza fondi.

Ora qualcuno ci spieghi a che serve l’assessorato al Decoro urbano.

Punto 3: valorizzare le “idee sane di tutte le forze responsabili”.

Quasi nulla di alternativo alle proposte del cerchio magico PD è stato valutato e realizzato, dal registro delle unioni civili ad una gestione più efficiente della Multiservizi ad una trasparenza amministrativa realmente effettiva.

Al contrario sono frequenti gli attacchi di esponenti PD alle altre forze politiche e associative locali, non per ultimi i post contro l’associazione Taccona, ritenuta “sgangherata” da Suppa; ma non si salva nessuno, dalla destra di Zanantoni (e potremmo anche capirlo), al M5S, alla vecchia presidente della Multiservizi, oppure le accuse di Carlo Fossati al PRC, che invitava al silenzio definendolo “insignificante”.

Evidentemente siamo tutti forze irresponsabili e dalle idee malsane.

Suona però strano rileggere il comunicato stampa del 31 maggio 2014 in cui Maria Fiorito, dopo gli incontri con M5S, Ora per Muggiò, PRC, SEL, afferma che “tutte le forze con cui abbiamo esaminato le proposte programmatiche hanno dimostrato grande responsabilità”. Slogan strumentale o ansia da ballottaggio?

Punto 4: burocrazia zero e rimozione dei dirigenti.

La rimozione dei dirigenti (ottima intuizione, sostenuta anche dal programma di Rifondazione Comunista) e la sburocratizzazione non sono state all’altezza delle aspettative, forse per errori di calcolo e non conoscenza della macchina amministrativa, forse per l’assenza di proposte alternative e riorganizzative, forse per un atteggiamento aristocratico nei confronti dei lavoratori che anziché responsabilizzarli punta solo a strumentalizzarli.

Di fatto sono aumentati i disagi per i cittadini e per i dipendenti comunali. Le stesse organizzazioni sindacali denunciano un clima più teso ed evidenziano il malcontento dei dipendenti relativo alle scelte organizzative (cambio degli uffici, delle mansioni e degli orari).

Questionario RSU: CLICCA QUA
I risultati: CLICCA QUA

Punto 5: il primo sindaco donna.

Ok. Vi piace vincere facile. Questo lo avete raggiunto! … anche se il progresso della città non è solo questo.

1 su 5.

Poteva andare peggio.

Niente pagellina per ora.

La vorremmo fare insieme a quelle forze politiche e sociali, insieme alle compagne e ai compagni “sparsi” per la città, insieme a quelli che non si riconoscono in questa giunta di centrosinistra – piegata alle logiche renziane del cambiare tutto per non cambiare niente – e che non si riconoscono nei progetti politici sconclusionati e iniqui della destra.

Forse è ora di ricostruire, insieme, quello che centrodestra e centrosinistra hanno distrutto.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: