Muggiò Città@perta

Un'altra Muggiò è possibile

  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

  • Il PRC Muggiò su Facebook:

  • La Sinistra

  • Muggiò a Sinistra

  • Giovani Comunisti Monza Brianza

  • L’Altra Europa

  • SOTTOSCRIZIONE FEDERALE

  • NO alla modifica costituzionale

  • REFERENDUM SOCIALI

  • ISCRIZIONI 2015

  • Il fascismo è un crimine

  • I soldi dei caccia F35 vadano ai terremotati!

    Chiediamo che i fondi per i caccia F35 siano destinati interamente per la ricostruzione
  • SCIOPERO GENERALE

  • No alla Buona Scuola

  • In piazza con la FIOM

  • Ricordando il compagno Mandela

  • Electrolux non deve passare

  • 17 APRILE NO TRIV

  • Lotto per il 18 – iniziata la raccolta delle firme per indire il referendum

  • BASTA CEMENTO, PIU’ VERDE SUBITO! FIRMA ANCHE TU

  • ALCOA, la lotta continua

    ALCOA, la lotta continua
  • Col governo Monti cresce solo l’ingiustizia

  • Paghi chi non ha mai pagato

  • Manovra Monti – NO al governo dei banchieri

  • Manovra Monti – paghi chi non ha mai pagato

  • 2 SI per acqua bene comune

    2 SI per acqua bene comune
  • La legge è uguale per tutti: VOTA SI

    La legge è uguale per tutti: VOTA SI
  • MANDIAMOLI A CASA!

    Berlusconi e Marchionne vogliono la stessa cosa; comprimere i diritti e la democrazia a proprio vantaggio
  • A voi i profitti, a noi i lutti

  • Basta con il bipolarismo degli affari

    Basta con il bipolarismo degli affari

    Basta con il bipolarismo degli affari

  • Articoli Recenti

Archive for the ‘federalismo’ Category

I lombardi snobbano Maroni. Dimostrata la inutilità del referendum.

Posted by PRC Muggiò su martedì 24 ottobre 2017

maroni_berlusconi_referendum_tablet_lapresse_2017_thumb660x453Comunicato stampa:

Referendum autonomia: La Segreteria Regionale del Prc/SE Lombardia ha dichiarato: «I lombardi snobbano Maroni. Dimostrata la inutilità del referendum».

I lombardi hanno disertato il voto al referendum truffa di Maroni. Più del 60% si è rifiutato di prestarsi al gioco di un quesito generico, di una spesa inutile di soldi pubblici, organizzata nel solito modo clientelare e bugiardo.

Ha fatto flop anche il mito del voto elettronico, che oltre che togliere senso al controllo popolare delle schede tramite gli incaricati al seggio, ha rallentato le operazioni invece di semplificarle (ancora in questo momento non abbiamo i dati definitivi).

Il fallimento politico e organizzativo era nell’aria e Maroni ha cercato di attenuarlo abbassando la percentuale di votanti attesa: la base elettorale delle forze che appoggiavano il SI, dalla Lega a Forza Italia, a Fratelli d’Italia lombardi al centro destra di Albertini, a parte del PD guidata da prestigiosi sindaci ed al Movimento 5 Stelle non si è mobilitata per questa scadenza elettorale,la somma dei voti dei sì è molto inferiore ai voti presi alle regionali.

Il centro-destra dunque non è invincibile, per contrasti interni e soprattutto per come mette in pratica politiche neoliberiste condannando il suo stesso elettorato alla precarietà, alla solitudine sociale, all’assenza di welfare,  a una vita dove tutto deve essere pagato caro.

Di questa crisi è anche segnale la grande differenza di affluenza alle urne fra i territori. Il voto di Milano e dell’Hinterland ,di Pavia e di Mantova ci parlano di territori che non sono più affascinati dalla politica del «più mercato,meno stato», o da «padroni in casa nostra».

Il centro destra lombardo dunque non è invincibile,non scalda più i cuori della sua gente e stenta a convincerli delle sue avventure: si può contrastare e battere con una opposizione chiara e determinata, con la costruzione di una alternativa. Rifondazione Comunista lavora per costruirla nella società e nella rappresentanza politica.

Il tempo è ora.

 

Milano, 23 ottobre 2017

La Segreteria Regionale di Rifondazione Comunista/Sinistra Europea Lombardia

Posted in federalismo, Politica | Contrassegnato da tag: , , , , , , | Leave a Comment »

Referendum truffa

Posted by PRC Muggiò su giovedì 14 settembre 2017

21731667_1974910672785257_6381065039976598135_o

Posted in federalismo, Politica | Contrassegnato da tag: , , , , , , , | Leave a Comment »

Lo Stato non risarcirà più per le calamità naturali

Posted by PRC Muggiò su martedì 22 maggio 2012

Mentre si contano i danni e le vittime lo Stato programma la privatizzazione della ricostruzione

Le calamità naturali – terremoti, alluvioni, tsunami e chi più ne ha, più ne metta – saranno, dunque, a carico del cittadino, che dovrà far ricostruire l’edificio crollato o danneggiato a sue spese, come spiega chiaramente il decreto legge: “Al fine di consentire l’avvio di un regime assicurativo per la copertura dei rischi derivanti da calamità naturali sui fabbricati a qualunque uso destinati, possono essere estese tutte le polizze assicurative contro qualsiasi tipo di fabbricato appartenente a privati“. Decisione presa per “garantire adeguati, tempestivi ed uniformi livelli di soddisfacimento delle esigenze di riparazione e ricostruzione. Cosa che lo Stato non può più permettersi per cronica carenza di fondi“.

Decisione, come minimo, curiosa dato il recente emendamento bipartisan approvato dalla commissione Affari Costituzionali del Senato, che prevede il fondo per gli eventi imprevisti e, dunque, anche per le calamità naturali. La norma stabilisce che il fondo della Protezione Civile per far fronte alle calamità naturali sia finanziato tramite l’aumento delle accise regionali sulla benzina. I cittadini, dunque, già pagano, ma adesso saranno chiamati a pagare doppiamente per far fronte ad eventi naturali, a carattere catastrofico; eventi naturali, fra l’altro, che bisognerebbe prevenire e non affrontare solo dopo l’avvenuta tragedia. Occorre puntare, ad esempio, sulla ristrutturazione antisismica delle strutture nelle zone ad alto rischio sismico, liberare i fiumi dell’aggressione cementizia, non favorire l’abusivismo e le speculazioni territoriali, rispettando le regole di un territorio fragile come quello dell’Italia e non spendendo denaro pubblico in opere alquanto discutibili ed inutili o togliendo addirittura l’aiuto economico alla popolazione in caso di calamità naturale.

Nessun politico si sta impegnando per prevenire queste emergenze, tramite piccole opere di manutenzione del territorio. Investire in sicurezza consente di risparmiare da 5 a 7 volte rispetto a quanto si spenderà in emergenza – come ha più volte spiegato il geologo Mario Tozzi – preparando anche i cittadini ad affrontare situazioni di emergenza, tramite esercitazioni e la diffusione di una cultura alla prevenzione che manca totalmente qui in Italia. Con questo nuovo decreto legge che riforma la Protezione Civile, adesso verrà anche da domandarsi quale nuovo significato acquisirà la parola “Stato”, se ai cittadini non verrà più garantito neanche un minimo aiuto in caso di catastrofi, dopo averli tassati e non aver utilizzato neanche uno dei loro centesimi per la prevenzione

da attualissimo.it, Lunedì 21 Maggio 2012

Posted in Ambiente, Economia, federalismo, Politica, Società | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

20 anni di Lega Nord

Posted by PRC Muggiò su giovedì 5 aprile 2012

Questo slideshow richiede JavaScript.

Posted in Berlusconi, federalismo, Politica, vignette | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

I nostri emendamenti al Bilancio di previsione 2012

Posted by PRC Muggiò su martedì 3 aprile 2012

Preso atto che l’Amministrazione di centro-destra ha scelto di indirizzare le sue azioni di contrasto all’evasione fiscale unilateralmente ed esclusivamente verso le fasce povere della popolazione (verifiche sulle dichiarazioni ISEE), e che questo penalizzerà ulteriormente la condizione dei lavoratori e giovani che vivono e vivranno l’aggravarsi della crisi economica nel 2012, i nostri emendamenti vogliono

  • riportare la potesta’ d’indirizzo politico su queste politiche al Consiglio Comunale
  • adeguare le politiche di sostegno ai lavoratori in crisi occupazionale alzando a 18.000€ la soglia ISEE per accedere ai sostegni comunali

Inoltre per sostenere la rete di solidarietà e le relazioni sociali che la vita associativa comunale mette in campo, in quanto riconosciamo alla vita delle Associazioni la capacità di contrastare l’emarginazione sociale insita nella recessione e nella perdita di reddito (se non direttamente del posto di lavoro), i nostri emendamenti propongono di

  • semplificare gli adempimenti amministrativi delle associazioni accettando le domande di occupazione del suolo in carta libera ed esentandole dal pagamento della TOSAP
  • esentare le associazioni e le forze politico sindacali dal pagamento del canone patrimoniale non ricognitorio (la nuova tassa sull’ombra!)

Posted in Economia, federalismo, Muggiò | Contrassegnato da tag: , , , , , | Leave a Comment »

AUMENTO n. 1 – più 15% l’addizionale comunale IRPEF, siamo allo 0,7%

Posted by PRC Muggiò su martedì 3 aprile 2012

Non molto diversa da una foglia di fico la decisione dell’Amministrazione di alzare da 12.000 a 15.000€ la soglia di esenzione all’addizionale comunale IRPEF.
L’aumento della soglia, di per sè positiva, estende l’esenzione a circa 3.300 cittadini rispetto ai 1.800 circa che erano inclusi nella precedente esenzione.
Peccato che contemporaneamente si alza dallo 0,6% allo 0,7% (il 15% di aumento) l’aliquota applicata ai rimanenti 10.700 contribuenti muggioresi, riversando su questi ultimi un aggravio di imposizione di ben 300.000€ a fronte di un mancato introito di soli 100.000€.
Non male come “magheggio”, e non male le affermazioni dell’Assessore leghista al Bilancio che ha svelato a chiare lettere che per anni esistevano ampi margini di spesa non necessaria (ha parlato di 400.000€!) che hanno penalizzato i cittadini con assurdi utili di bilancio inutilizzabili per il Patto di Stabilità.

LUMBARD, TAS E PAGA I TASS!

Posted in federalismo, Muggiò, Politica | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »