Muggiò Città@perta

Un'altra Muggiò è possibile

  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

  • Giovani Comunisti Monza Brianza

  • Il PRC Muggiò su Facebook:

  • L’Altra Europa

  • SOTTOSCRIZIONE FEDERALE

    Vintage ornate card in east style. Golden Victorian floral decor. Template frame for greeting card and wedding invitation. Ornate vector border and place for your text.

  • NO alla modifica costituzionale

  • REFERENDUM SOCIALI

  • ISCRIZIONI 2015

  • Il fascismo è un crimine

  • I soldi dei caccia F35 vadano ai terremotati!

    Chiediamo che i fondi per i caccia F35 siano destinati interamente per la ricostruzione
  • SCIOPERO GENERALE

  • No alla Buona Scuola

  • In piazza con la FIOM

  • Ricordando il compagno Mandela

  • Electrolux non deve passare

  • 17 APRILE NO TRIV

  • Lotto per il 18 – iniziata la raccolta delle firme per indire il referendum

  • BASTA CEMENTO, PIU’ VERDE SUBITO! FIRMA ANCHE TU

  • ALCOA, la lotta continua

    ALCOA, la lotta continua
  • Col governo Monti cresce solo l’ingiustizia

  • Paghi chi non ha mai pagato

  • Manovra Monti – NO al governo dei banchieri

  • Manovra Monti – paghi chi non ha mai pagato

  • 2 SI per acqua bene comune

    2 SI per acqua bene comune
  • La legge è uguale per tutti: VOTA SI

    La legge è uguale per tutti: VOTA SI
  • MANDIAMOLI A CASA!

    Berlusconi e Marchionne vogliono la stessa cosa; comprimere i diritti e la democrazia a proprio vantaggio
  • A voi i profitti, a noi i lutti

  • Basta con il bipolarismo degli affari

    Basta con il bipolarismo degli affari

    Basta con il bipolarismo degli affari

  • Articoli Recenti

Posts Tagged ‘Consiglio Comunale’

Regolamento per la concessione di contributi e sussidi economici di Muggiò; un grave errore che causa una forte ingiustizia

Posted by PRC Muggiò su venerdì 31 ottobre 2014

Nel novembre 2009 la ex-Giunta di destra ha deliberato una versione del “Regolamento per la concessione di contributi e sussidi economici a persone fisiche” che criticammo ampiamente e sul quale proponemmo diversi emendamenti migliorativi (vedi qui); Tutte le proposte furono bocciate da PDL, Lega Nord e Brianza 2009, con l’astensione di PD e Lista Fossati (oggi lista Insieme per Muggiò). Assurda fu la posizione del PD che nel 2004 aveva votato contro il precedente regolamento sebbene fosse migliore della versione votata nel 2009.

A distanza di anni emerge però un ulteriore e grave errore in quel regolamemento, un errore a danno di uno dei soggetti più deboli destinatari degli interventi di sostegno, i disabili.

disabileLa vicenda è tecnicamente complessa e nasce dalla traduzione in atti amministrativi dei Decreti Legislativi 109/1998 e 130/2000 dove si fissano “criteri unificati di valutazione della situazione economica di coloro che richiedono prestazioni o servizi sociali o assistenziali non destinati alla generalità dei soggetti” (leggasi criteri ISEE  per accedere ai servizi sociali individuali). La normativa nazionale, art. 3 comma 2ter, recita: “Limitatamente alle prestazioni sociali agevolate assicurate nell’ambito di percorsi assistenziali integrati di natura sociosanitaria, erogate a domicilio o in ambiente residenziale a ciclo diurno o continuativo, rivolte a persone con handicap permanente grave, … omissis …, nonchè a soggetti ultrasessantacinquenni la cui non autosufficienza fisica o psichica sia stata accertata dalle aziende unità sanitarie locali, … omissis … al fine di favorire la permanenza dell’assistito presso il nucleo familiare di appartenenza e di evidenziare la situazione economica del solo assistito, anche in relazione alle modalità di contribuzione al costo della prestazione, … omissis”
Cosa vuole dire questo testo di legge? Vuole dire che per le persone con handicap grave necessarie di permaenza diurna o continuativa  in RSA, comunità alloggio e similari, il reddito ISEE da considerare è quello personale del singolo assistito e non quello familiare.

Su questo testo negli ultimi 5 anni si sono scontrate nelle aule dei tribunali amministrativi le ragioni delle famiglie con soggetti portatori di handicap contro le interpretazioni delle Amministrazioni Locali che hanno ignorato quel testo e continuato a computare all’interno dei requisiti ISEE i redditi di tutti i membri del nucleo familiare. Ma di recente è intervenuta una sentenza del Consiglio di Stato (la n. 05355/2013) che censura l’illegittima richiesta dell’Amministrazione di considerare il cumulo dei redditi familiari al posto del reddito personale del singolo assistito.

Torniamo ora al regolamento per la concessione di contributi e sussidi economici di Muggiò, anche a seguito delle giuste rimostranze di alcuni concittadini che si sono rivolti a noi lamentando la mancata applicazione delle norme nazionali.

Rileviamo che effettivamente nè la formulazione dell’ articolo 17 (Interventi economici per la fruizione di servizi residenziali per anziani e diversamente abili), nè quella dell’articolo 18 (Interventi di residenzialita’ temporanea) del nostro regolamento hanno in alcuna considerazione il diverso metodo di calcolo del requisito ISEE che deve essere applicato in questi casi.

C’è inoltre un ulteriore e delicato aspetto che deve essere chiarito nel nostro regolamento in merito ai documenti da allegare alla domanda di contributo , infatti il nostro art. 17 recita: “Il richiedente per accedere alla prestazione ha l’obbligo di dimostrare di avere richiesto innanzitutto ai propri familiari (per la definizione dei quali si rimanda ai precedenti artt. 11 e 12) gli alimenti per far fronte alla propria situazione di difficoltà economica. Insieme alla domanda di accesso ai benefici economici, il richiedente pertanto deve presentare idonea dichiarazione dei tenuti per legge attestante l’impegno a partecipare al progetto di aiuto, secondo le rispettive possibilità economiche, da definire successivamente sulla base del minimo vitale

Quando, per contro, la citata sentenza del Consiglio di Stato testualmente recita:  “Inoltre, proprio perché la disciplina in esame è diretta ad individuare solo un metodo di calcolo del reddito dell’avente diritto alla prestazione, essa non può essere interpretata nel senso di dilatare il novero dei soggetti obbligati a sostenere le spese della prestazioni erogate al disabile, ed in particolare non consente di considerare obbligati altri familiari. Insomma, obbligato al pagamento può essere ritenuto solo il soggetto che riceve la prestazione anche se il suo reddito viene calcolato con riferimento alla sua situazione familiare (cfr. Tar Lombardia Milano, sez. I, 7 febbraio 2008, n. 291). Ecco, allora, che la presenza di obbligati agli alimenti può rilevare ai fini del calcolo dell’ISEE familiare del disabile, ma non può integrare una causa di esclusione dal beneficio, come invece previsto dal regolamento impugnato.

 

Abbiamo già detto che nel 2009 l’Amministrazione Comunale votò un regolamento peggiore di quello in vigore nel 2004. Adesso, dopo i rilievi del Consiglio di Stato, non capiamo cosa si stia aspettando per correggere le norme illegittime presenti nel regolamento e sospendere le scorrette modalità applicate fino ad oggi dai servizi sociali.

Se negli scorsi anni si poteva avanzare un pretestuoso dubbio interpretativo, oggi non ci sono più alibi, ed ogni mese che passa è una colpevole vessazione nei confronti di una delle fasce più bisognose della nostra società.

Posted in Muggiò, Società | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , , , , , , | Leave a Comment »

COMUNICATO STAMPA

Posted by PRC Muggiò su martedì 27 maggio 2014

TESTATA_2013_se

ELEZIONI COMUNALI – L’esito del voto

Vogliamo ringraziare vivamente tutti gli elettori, i militanti ed i simpatizzanti che, pur consci della difficoltà della prova elettorale, con slancio e passione ci hanno confermato il loro sostegno votandoci e scegliendo anche la lista europea Per un’Altra Europa con Tsipras.
Il risultato elettorale ci consegna però una sconfitta netta per il progetto di cambiamento di un’altra Muggiò che abbiamo proposto.

Le divisioni delle forze che storicamente si richiamano alla sinistra, che pure pesano molto sulle cause di tale sconfitta (e peraltro mostrano la precarietà dello straordinario risultato del PD nel voto per le europee), non possono tuttavia essere un alibi alla mancanza complessiva di credibilità che la nostra proposta ha suscitato nella cittadinanza.

I cittadini hanno scelto “altro” perché vogliono altro.

Detto questo, la sconfitta elettorale incoraggia una riflessione e un’analisi sia sulle modalità che sui contenuti del nostro agire politico a favore della città che non ci spaventa e, anzi, ci stimola nella ricerca di maggiori relazioni con la città.

Per noi comunisti, che non siamo un comitato elettorale che si attiva nella parentesi di una campagna elettorale, le elezioni non costituiscono il fine, bensì sono uno dei tanti strumenti da affiancare alle lotte per una società libera dallo sfruttamento, giusta e solidale … la lotta continua!

VOTI AL CANDIDATO CAPIZZI: 245 su 12.719 – 1,93%

VOTI ALLA LISTA: 238 su 12.719 – 1,90%

fonte: comune.muggio.mb.it

Posted in Muggiò, Politica | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , , , , , , | Leave a Comment »

Intervista al candidato Sindaco Lorenzo Capizzi

Posted by PRC Muggiò su mercoledì 23 aprile 2014

Clicca sull’immagine per visualizzarla nella dimensione reale e renderla più leggibile.
intervista-capizzi

Posted in Muggiò, Politica | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Leave a Comment »

COMUNICATO STAMPA

Posted by PRC Muggiò su mercoledì 12 marzo 2014

TESTATA_2013_seElezioni comunali ed europee 2014

Rifondazione Comunista partecipa alle elezioni amministrative di domenica 25 maggio 2014 per il rinnovo del Sindaco e dei consiglieri comunali di Muggiò.

Inoltre Rifondazione sostiene e appoggia la lista “L’altra Europa con Tsipras” alle elezioni europee che si terranno nella stessa giornata, per una nuova Europa sociale, contro i trattati dell’austerità, per il lavoro e l’ambiente.

A Muggiò presentiamo una lista di candidati aperta a più istanze della sinistra, agli studenti, ai lavoratori, ai pensionati, ma prima ancora aperta alla tutela dell’ambiente e agli interessi della città e dei cittadini di Muggiò: “Rifondazione Comunisti Italiani – Per un’altra Muggiò a sinistra”.

La lista è guidata dal candidato Sindaco Lorenzo Capizzi, 55 anni, attuale consigliere comunale.

Vogliamo continuare con l’intenso lavoro svolto in questi 5 anni di opposizione alla destra (spesso solitaria) volendo unire una sinistra alternativa all’immobilismo del PD, alle larghe intese e al civismo “né di destra né di sinistra”; una sinistra che si riconosce nei valori della pace, della libertà, della solidarietà, dell’uguaglianza, della trasparenza, dell’antifascismo.

Rivendichiamo infatti i nostri ideali di sinistra per una società nuova e differente, e da 20 anni, a Muggiò, offriamo concretamente e non a parole capacità amministrative e di opposizione.

Il programma elettorale –disponibile online –, partendo dalle molte limitazioni a cui sono sottoposti tutti i Comuni italiani, non rinuncia a progettare una Muggiò nuova, futura e aperta: dalle tutele per il lavoro, alla salvaguardia dei beni comuni e del territorio, alla promozione della cultura e delle Associazioni.

DALLA PARTE DEI CITTADINI, DA SEMPRE!

copertina_elezioni

Posted in Muggiò, Politica | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Leave a Comment »

LA DIFFERENZA TRA I COMUNISTI ED I LIBERALI (a Muggiò)

Posted by PRC Muggiò su mercoledì 2 ottobre 2013

Nel bilancio di previsione votato dal Consiglio Comunale del 1/07/2013, abbiamo proposto di:

 

1)      correggere le azioni di contrasto all’evasione fiscale, oggi pregiudizialmente limitate a controllare solo le dichiarazioni della fascia povera della popolazione (chi chiede agevolazioni ISEE)

2)      rimuovere l’ingiusta tassazione IMU sugli immobili ALER e di cooperativa assegnati in proprietà indivisa applicandogli l’aliquota per la prima casa (applicare lo 0,40% mentre oggi pagano lo 0,51%)

3)      che la “tassa sulla cassa” (esumazioni) introdotta a Febbraio dalla Giunta fosse ridotta di due terzi così da non pesare sulle famiglie dei defunti anche per importi superiori all’IMU delle seconde case

4)      rimborsare il costo della marca da bollo (16€) che assurdamente viene imposto alle Associazioni sociali, ambientali, culturali e di volontatiato per le iniziative che comportano l’occupazione del suolo pubblico 

Sono richieste sensate e non ideologiche, per accettare le quali c’erano le disponibilità economiche di bilancio … se solo non ci fosse stato il pregiudizio ideologico e politico.

Nella discussione, a proposito dell’evasione fiscale, abbiamo tra l’altro sostenuto che bisognerebbe controllare le dichiarazioni di tutti i Consiglieri Comunali; perché nel momento in cui andiamo a fare azione antielusiva, … noi dovremmo essere i primi a dare l’esempio.

 

Invece PDL, Lega Nord, Fratelli d’Italia e Brianza 2009 hanno respinto tutti gli emendamenti ed anzi il sindaco Zanantoni, rispetto alle nostre affermazioni sulle azioni antielusive e l’auspicio a controllare le dichiarazioni dei redditi dei Consiglieri Comunali, ha testualmente detto: 

E’ proprio ideologicamente che è sbagliato, ma che cosa significa controllare le dichiarazioni dei redditi dei Consiglieri Comunali? E’ qua, è questa cosa che è sbagliata di fondo………. E’ questa la diversità vera, ideologica, tra noi liberali e lei comunista!

(pag. 59 del verbale del Consiglio Comunale del 01-07-2013)

 

SIAMO ORGOGLIOSI DI QUESTA DIVERSITA’ E FAREMO IN MODO CHE SI EVIDENZI SEMPRE DI PIU’, A DIFESA DEI DIRITTI E DELLA GIUSTIZIA SOCIALE DEI CITTADINI MUGGIORESI 

NB: il noto arcicomunista Governo Monti ha introdotto nel marzo 2013 l’obbligo di pubblicare, oltre alla dichiarazione dei redditi di tutti i membri del Consiglio Comunale (e, ove lo consentano, anche di tutti i loro parenti entro il secondo grado!!!):
   – tutte le somme percepite con oneri a carico della finanza pubblica,
   – i beni mobili e immobili posseduti,
   – le partecipazioni azionarie
   – gli incarichi nei Consigli di Amministrazione di qualsiasi società
…. e per evitare di introdurre l’ennesima legge “di facciata”, che poi viene amabilmente ignorata da politici e funzionari, ha previsto sanzioni pecuniarie da 500,00 a 10.000,00 euro in caso di mancata o incompleta comunicazione dei dati richiesti.
  
COME E’ POSSIBILE FAR AMMINISTRARE LA NOSTRA CITTA’ A UN SINDACO CHE PROCLAMA COSI’ SGUAIATAMENTE L’OPACITA’ AMMINISTRATIVA QUANDO ANCHE LE LEGGI DELLO STATO LIBERALE VANNO NELLA DIREZIONE OPPOSTA?

Posted in Politica | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , | 1 Comment »

IL CONSIGLIO COMUNALE… MA HAI VISTO?

Posted by PRC Muggiò su venerdì 28 giugno 2013

Ho visto cose che voi umani mai avreste immaginato…

Ho visto il PD per l’ennesima volta garantire il  numero legale in una sessione di bilancio invece di mettere in difficoltà la maggioranza.

Ho visto l’ex sindaco Fossati chiedere il rispetto dei tempi stabiliti dal Regolamento Comunale, quando si discuteva una interpellanza scritta sul costo delle esumazioni; solo perché lui doveva fare un’interpellanza (urgente?) sulla caduta  di un albero a Taccona.

Ho visto il pubblico applaudire un consigliere quando ha accusato il sindaco Zanantoni di utilizzare denaro, funzionari e giornali pubblici per la sua propaganda privata.

Ho visto il sindaco Zanantoni arrampicarsi sui vetri per giustificare la pubblicazione, in deroga ai tempi ma a sua insaputa (è la giustifica!), dell’articolo diffamatorio nei confronti di RCI, pubblicato su “ Muggiò Viva” a firma  di una lista civica di destra il cui consigliere era naturalmente assente. ( Anche se fosse stato presente, nessuno se ne sarebbe accorto visto il suo apporto ai lavori del Consiglio).

Ho visto il PD votare a favore del conferimento del ciclo idrico a Brianzacque (società senza i requisiti di legge fino al 6 giugno 2013 … e ancora da verificare dopo quella data) senza che nessun consigliere abbia mai visto lo Statuto di questa società.

Ho visto il PD votare contro un  emendamento di RCI che chiedeva l’estensione del contratto a tempo indeterminato ai lavoratori delle cooperative  impiegati nell’asilo nido comunale.

Ho visto l’appoggio e la solidarietà  di illuminati esponenti del PD  all’assessore Vantellino e al sindaco Zanantoni, durante la discussione della mozione RCI di censura per la mancata realizzazione delle rotonde da parte dell’ANAS, l’uscita anticipata di 2 consiglieri di minoranza e il  voto finale, del PD, identico a quello della destra.

Ho visto il “fratello d’Italia” junior fare un intervento in difesa del padre usando le stesse parole dell’articolo  diffamatorio di cui sopra… e ho capito chi l’aveva scritto.

Ho visto un centrodestra come al solito indifferente a problemi e ai bisogni della città e il PD sostenere con onesta rassegnazione lo status quo esistente.

Posted in Politica | Contrassegnato da tag: , , , , , , , | Leave a Comment »

QUANDO LA NAVE AFFONDA IL CAPITANO ABBANDONA LA NAVE

Posted by PRC Muggiò su mercoledì 28 novembre 2012

 

 

Come si vede da questa intervista al Giornale di Monza del 13 /11/2012 il sindaco Zanantoni, in vista del naufragio della nave del PDL, sta cercando una scialuppa di salvataggio che lo traghetti verso un’altra sponda politica. 

Però sul simbolo con cui è stato eletto c’era scritto con BERLUSCONI e non con ALBERTINI, per cui sia coerente, se non gli va più la compagnia che frequenta ne tragga le dovute conclusioni. Anche perchè sia che si candidasse alle elezioni regionali, sia che fosse eletto, le sue dimissioni ci sembrerebbero più che opportune.

Posted in Politica | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

LA COERENZA NON E’ UNA VIRTU’…. DEL SINDACO ZANANTONI

Posted by PRC Muggiò su mercoledì 28 novembre 2012

VERBALE DEL CONSIGLIO COMUNALE del 4 giugno 2012.

 

Nel Consiglio Comunale di lunedì 26 novembre 2012 le minoranze hanno garantito il numero legale altrimenti il Consiglio non si sarebbe potuto fare a causa delle assenze dei consiglieri di maggioranza.

LE DICHIARAZIONI DI 6 MESI FA VALGONO ANCORA O ERANO SOLO PAROLE AL VENTO?

UN PO’ DI COERENZA PER FAVORE!!!

Posted in Politica | Contrassegnato da tag: , , , , , | Leave a Comment »

Distretto del Commercio – UN COSTO PRIMA O POI PER LA COLLETTIVITA’ CI SARA’

Posted by PRC Muggiò su venerdì 13 gennaio 2012

Pochi, pochissimi sapranno che a Novembre 2011 è stata presentata un’interrogazione sul Mancato finanziamento del progetto di “Distretto del commercio” predisposto dal comune di Muggiò, e che abbiamo indicato quell’episodio, assieme ad altri, quale indice della incapacità amministrativa di questa Giunta.
Nella risposta dell’Assessore (incompleta alla luce delle informazioni che oggi rendiamo pubbliche; è un problema che sempre più spesso ci capita di rilevare) è stato ribadito più volte che il costo del progetto, basato su una consulenza di “Officine Creative”, è stato zero, ma noi quella sera avevamo ipotizzato che “un costo prima o poi per la collettività ci sarà”… ED INFATTI, l’Assessore non ne ha fatto menzione, ma noi siamo riusciti a reperire la Delibera di Giunta n. 51 del 19.04.2011 nella quale è testualmente scritto:
“- … di nominare lo Studio Officina Creativa Snc manager del Distretto, secondo quanto previsto dall’art. 12 della richiamata D.G.R. n. 1822/2011;
 – di prevedere che la quota di finanziamento aggiuntivo funzionale al coordinamento e gestione del progetto di cui al comma 16 della richiamata D.G.R. n. 1822/2011, pari al massimo a €20.000,00 complessivi, sarà destinata, nella misura eventualmente erogata dalla Regione Lombardia a tale scopo, e solo in caso di accoglimento della proposta e conseguente finanziamento del distretto, al compenso allo Studio Officina Creativa snc quale manager del Distretto

Posted in Economia, Muggiò, Politica | Contrassegnato da tag: , , , , , , | Leave a Comment »

Bilancio di previsione 2011 – scarsa trasparenza e demagogia

Posted by PRC Muggiò su venerdì 1 aprile 2011

Martedì 28 marzo è stato approvato il bilancio di previsione 2011; un programma opaco e non veritiero (nel senso della incompletezza degli importi allocati rispetto ai programmi annunciati dall’Amministrazione, eclatante la partita delle opere pubbliche), che assorbe sempre più risorse dei cittadini muggioresi, aumenta indiscriminatamente i costi di molti servizi sociali e taglia ingiustificatamente la manutenzione degli immobili comunali di edilizia economica popolare.

Opaco e non completo

cerca di nascondere l’assenza di contenuti dietro la demagogica bandiera degli aiuti ai lavoratori in crisi occupazionale… peccato che i fondi a disposizione sono costituiti da un residuo di ben 35.000€ del bilancio 2010 e solo 3.000€ vengono stanziati nel 2011; il residuo è conseguenza diretta

  • della discriminazione tra lavoratori in crisi (ad esempio esclude i giovani con contratti a termine che non viene rinnovato ed esclude gli extra comunitari con permesso di soggiorno inferiore a 5 anni)
  • della assoluta insufficienza degli importi erogati (praticamente un obolo)
  • dalla bocciatura degli emendamenti di Rifondazione-Comunisti Italiani, con l’incomprensibile astensione del PD, volti ad estendere la platea dei beneficiari e degli importi erogati

il risultato è una regolamentazione di facciata che impedisce di erogare somme dignitose rispetto al problema che si dice di voler affrontare; si potrebbero stanziare anche 100.000€, tanto è impossibile erogarli.
Sempre in tema di trasparenza e completezza analizziamo il programma delle opere pubbliche; il Sindaco ha parlato di

  • lavori urgentissimi per rifacimento del manto stradale pari a 250.000€… nessuna traccia all’interno del programma OOPP 2011 anche se c’è l’obbligo di inserimento delle opere il cui importo supera i 100.000€ (si aggira la legge?)
  • progetto strategico per collocare il “Dopo di noi” all’interno dell’area ex-Ravizza (udite utite, all’interno della ex-Ravizza in cambio di modifica della destinazione d’uso industriale e di volumetrie esorbitanti; ma non è stato un cavallo di battaglia elettorale di Lega e PDL che quell’area doveva rimanere industriale? E che dire dell’idea di ghettizzare dei cittadini deboli come saranno gli utenti del “Dopo di noi” in un luogo inospitale, senza verde e saturo di palazzoni?) con un impegno pubblico di 4-5 milioni di euro… nessuna traccia all’interno del programma OOPP 2011-2013
  • progetto strategico per realizzare 47 appartamenti di edilizia economica al posto del “cubo” di via gandhi con un impegno pubblico (della provincia) di 3 milioni di euro… nessuna traccia all’interno del programma OOPP 2011-2013
  • progetto di risanamento nel 2013 della parte interna del cortile di palazzo Brusa per un importo di 900.000€… ma come? fino al 22 febbraio 2011 l’opera era stimata in 1.500.000€ e poi, “per ovvie ragioni di quadratura contabile” sparisce un costo di ben 600.000€?

Assorbe sempre più risorse

tagliati i fondi per laboratori scolastici, acquisti della biblioteca, contributi alle associazioni locali….

Aumenta indiscriminatamente i costi di molti servizi

inutile commentare, le cifre parlano da sole

  • +85,0% servizio trasporto disabili
  • +10,5% assistenza scolastica pre-post scuola
  • +13,5% centri estivi
  • +7,2% Asilo nido
  • +1,7% assistenza domiciliare
  • ticket per ogni pratica del servizio alloggi
  • +1,7% tutta l’area Promozione, Sport ed Eventi

Taglio alla manutenzione degli immobili ERP

sebbene gli inquilini delle case popolari versino, solo per gli affitti, circa 240.000€ annui (e con il recupero delle spese si superano i 300.000€), gli importi delle manutenzioni ordinarie sono state tagliati annualmente dalla giunta Zanantoni, passando

  • da 116.991€ del 2009,
  • a 91.700€ nel 2010 (ma pagati i fornitori solo per 10.000€, come mai?)
  • per scendere alla vergognosa previsione 2011 di 50.000€;

cos’è, gli affittuari delle case popolari sono diventati una nuova gallina dalle uova d’oro per il bilancio comunale? E come se non bastasse oltre al danno la beffa; si procede alla vendita degli immobili ERP con atti la cui legittimità è ancora tutta da verificare

Un piatto veramente indigesto; il nostro voto è stato contrario!

Posted in Muggiò, Politica | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , | Leave a Comment »

Riforma Brunetta; ma quali sono i benefici per Muggiò?

Posted by PRC Muggiò su sabato 27 marzo 2010

Con la prima variazione al bilancio 2010 la giunta Zanantoni inizia a scoprire le carte sui veri costi della tanto declamata riforma Brunetta (un aggravio di ben 300.000€ per la futura assunzione di 4 Dirigenti) e sulla pochezza di benefici e risultati a favore della cittadinanza; solo per citare i casi più recenti

  • lo sperpero di 120.000€ per il loculo/pollaio nel cimitero ignorando colposamente di attuare il progetto predisposto dalla precedente amministrazione, progetto che avrebbe risolto definitivamente il problema
  • lo spreco di oltre 30.000€ tra spese di rappresentanza del Sindaco (aumentate del 66%), giornalino comunale, addetto stampa a facezie similari

solo guardando a queste cifre emerge che in un momento di crisi così acuta l’amministrazione Zanantoni si permette di dissipare allegramente oltre 450.000€!

Ma l’aspetto più irriguardoso nel gestire gli interessi comunali inizia ad emergere solo adesso, e non è tanto lo sperpero di denaro pubblico (già di per sè da denunciare con forza), ma guardando le modalità con le quali questa amministrazione di destra ha deciso di far fronte agli oneri necessari a pagare i futuri Dirigenti, e cioè tagliando il costo del personale interno e quindi i servizi ai cittadini.

Ecco le impressionanti previsioni di taglio per gli stipendi dei dipendenti comunali tra l’anno 2010 e l’anno 2012:

  • -23.500€ personale assunto a tempo determinato (tagliato un posto di lavoro)
  • -1.500€ personale servizi Demografici
  • -7.700€ personale servizio Tributi
  • -24.700€ personale servizi Sociali (tagliato un posto di lavoro)
  • -6.900€ personale servizio gestione alloggi comunali
  • -25.100€ personale servizio ecologia e smaltimento rifiuti (tagliato un posto di lavoro)

Nei documenti è già scritto, nero su bianco, che oltre 89.000€ di questa spesa per gli stipendi dei Dirigenti verrà dal taglio a stipendi (e quindi personale) dei servizi alla cittadinanza.
Ecco lo “STILE” Zanantoni, più dirigenti e meno servizi… mentre permane l’inazione di questa Giunta sulle politiche del lavoro ed il sostegno al reddito dei giovani precari, delle aziende e dei lavoratori in crisi occupazionale.

Posted in Muggiò, Politica | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

PGT: la destra lo sfregia, la destra se lo approva

Posted by PRC Muggiò su domenica 17 gennaio 2010

Con la votazione delle 82 osservazioni al PGT adottato ad aprile 2009, la nuova maggioranza di destra fà ben intendere qual’è il suo concetto di “governo del territorio”.

  • MULTIPLEX nel Parco Grugnotorto; riduzione delle aree del parco di almeno 20.000mq, nessuna limite di volumetria (truffati gli elettori di destra: nel programma elettorale di Zanantoni era scritto “Risoluzione della questione “Multisala” senza alcuna previsione di ampliamenti volumetrici”!), e nessun limite di destinazione d’uso ai privati che vorranno portare avanti quella speculazione. In cambio di simili regali nessuna cessione di area o indennizzo al Parco per lo scempio subito e per quello che subirà. Dovè l’interesse pubblico per simili scelte?
  • Parco Grugnotorto; create le premesse giuridiche per togliere altri 6.000mq di parco trasformando un’area agricola in area industriale
  • Perequazione; introdotta la possibilità di monetizzare le aree dovute. A forte rischio la possibilità di realizzare la prevista fascia di tutela ambientale lungo il Villoresi e l’acquisizione di aree nel Parco Grugnotorto
  • Aree industriali/artigianali D2 (100.000mq); sarà più facile la trasformazione in zone residenziali perchè si è allentato il richiamo alle finalità socio/ambientali cui una possibile trasformazione doveva rispondere (risparmio energetico, alloggi per finalità sociali, servizi alla persona, dotazione parcheggi ecc.)
  • Sottotetti; liberalizzazione completa, permettendone il recupero a residenza non solo per quelli esistenti ma addirittura nei futuri PA (Piani Attuativi dove  la volumetria massima è “convenzionata”), permettendo che abbiamo ingressi indipendenti dalla abitazione principale, permettendo di progettarli e realizzarli, senza pagare gli oneri, con gli indici propri della residenza (salvo le finestre)
  • Centro storico; aumento degli indici e delle altezze realizzabili. Adesso sono ammessi 4 piani!

Il risultato finale è un PGT che non governa le spinte più estreme della speculazione edilizia, ma che anzi gli fornisce una cornice di tutela legale. Da oggi Muggiò è più esposta a queste minacce e già la destra annuncia il ricorso massiccio ai PII per stravolgere ulteriori parti del PGT che dice di non condividere (ma in C.C. non ha detto quali sono!).

Convinto il voto contrario di tutto il centro-sinistra.

Posted in Ambiente, Muggiò, Politica | Contrassegnato da tag: , , , , , , , | Leave a Comment »

LEGA NORD. IL CONFLITTO D’INTERESSE NON RISOLTO

Posted by PRC Muggiò su venerdì 18 dicembre 2009

Settimana scorsa tutte le parti interessate (il Sindaco Zanantoni, il Segretario Provinciale della Lega Romeo) ci avevano dato le piu’ ampie assicurazioni che le dimissioni del Vicesindaco Galimberti erano solo un episodio circoscritto, di carattere personale, e che tutto sarebbe continuato come prima.

Dalla data delle dimissioni però il rappresentante della Lega Nord non si e’ piu’ presentato in commissione urbanistica, ed oggi (domenica 13 dicembre) ci viene comunicato che il Consiglio Comunale previsto per lunedi’ 14 dicembre sarà annullato perchè la maggioranza non è in grado di garantire il numero legale.

L’incapacità di garantire il numero legale ha l’effetto di accorciare ai minimi termini i tempi di discussione sulle osservazioni al PGT, impedendo di discutere adeguatamente delle scelte cementificatorie adottate da questa maggioranza (parco del grugnotorto, svuotamento dello strumento della perequazione, edificazione sfrenata di sottotetti e box, rimaneggiamenti nel centro storico).

Così, per oscure lotte di potere interne alla maggioranza, si mortifica il ruolo del Consiglio Comunale costretto ad assistere impotente a ciò che succede sopra la sua testa.

Se per un conflitto d’interesse così “veniale”, il presidente del CAI nella commissione sport e tempo libero, ci si dimette da vicesindaco, come mai per la Presidenza del Consiglio Comunale affidata ad un professionista edile, per la coabitazione con una lista civica presieduta da un “progettista edile-imprenditore”, per le scelte urbanistiche sul PGT tutto tace ed apparentemente nulla si muove?

MUGGIO’ NON SI MERITA QUESTO CLIMA TORBIDO. LA LEGA NORD CHIARISCA ALLA CITTADINANZA SE CONDIVIDE GLI STRAVOLGIMENTI CHE SARANNO INTRODOTTI NEL PGT CON LA VOTAZIONE DELLE OSSERVAZIONI.

—————————————————————————————

MERCOLEDI’ 16 DICEMBRE LA LEGA HA RISOLTO IL SUO CONFLITTO E SCIOLTO OGNI DUBBIO. Schiacciata dalle pressioni del suo responsabile Provinciale o per libera scelta il risultato non cambia. 

VOTA A FAVORE DI S.L.P. ED ALTEZZE ILLIMITATE NEL PROSSIMO PIANO INTEGRATO DI INTERVENTO CHE DEVASTERA’ NUOVAMENTE IL PARCO DEL GRUGNOTORTO E GALIMBERTI, PRESENTANDO UNA LETTERA DI SCUSE, RIENTRA IN GIUNTA COME SE NULLA FOSSE… I GUAI PER IL PARCO GRUGNOTORTO NON POSSONO CHE PEGGIORARE!

Posted in Muggiò, Politica | Contrassegnato da tag: , , , , | 1 Comment »

Zanantoni e la Lega peggiorano anche i sussidi a poveri ed indigenti

Posted by PRC Muggiò su domenica 6 dicembre 2009

Il 23 Novembre è stato votata dal Consiglio Comunale un aggiornamento al “Regolamento di disciplina per la concessione di contributi e sussidi economici a persone fisiche”.

Il nostro Consigliere ha presentato sette emendamenti volti a salvaguardare la laicità dei trattamenti, i disoccupati, i poveri e le famiglie con maggiori problemi di sussitenza:

1)      All’art. 5, tra le tra le diverse finalità dei  “Campi d’intervento”, chiarire che i contributi alla persona è giusto che siano indirizzati alla protezione e tutela del bambino, ma non è giusta l’affermazione ideologica di tutela del bambino a partire dal concepimento; non esiste traccia nel regolamento di nessuna azione finalizzata alla tutela del bambino a partire dal concepimento… per il semplice motivo che non si può aiutare chi ancora non è nato! La tutela del bambino dal concepimento si realizza solo se si tutela la maternità a partire dal concepimento. Questo emendamento è stato parzialmente accolto.

2)      All’art. 14, “Interventi di integrazione al minimo vitale” (è il reddito al di sotto del quale le persone e le famiglie non dispongono di risorse adeguate al soddisfacimento dei bisogni primari di vita) l’aumento della soglia da 460 a 480 euro, riconoscendo l’inflazione pregressa che illegittimamente è stata disapplicata dagli uffici (460 è l’importo vigente nel regolamento del 2004).

3)      Ancora all’art. 14, il ripristino degli adeguamenti ISTAT alla suddetta soglia che fissa il minimo vitale; l’adeguamento ISTAT era presente nel regolamento del 2004, è stato illegittimamente disapplicato nei 5 anni trascorsi, e cancellato nella versione odierna.

4)       Sempre all’art. 14, la cancellazione della clausola vessatoria nei confronti dei disoccupati a cui, unici rispetto a tutte le diverse categorie di cittadini, dopo due anni di disoccupazione possono essere sospesi i contributi di integrazione al minimo vitale.

5)      All’art. 20, contributi per “soggiorni climatici per cittadini diversamente abili”, ripristinare la certezza dei contributi che nel nuovo regolamento sono diventati facoltativi. Sui soggiorni climatici, il regolamento è peggiorato sia per gli anziani che per i diversamente abili, ma pensiamo che la penalizzazione degli anziani non possa essere estesa anche ai diversamente abili.

6)      All’art. 25, “Istruttoria della domanda”, ridurre a 45 giorni la durata massima entro cui espletare gli accertamenti del caso; anche quì registriamo un peggioramento confrontanto i 90 giorni adottati in questa versione contro i 60 giorni previsti nel 2004. Si fa un gran parlare di Brunetta e della grande efficenza introdotta dalle sue “riforme”, ma questi sono i risultati veri che registriamo a Muggiò.

7)      Il ripristino di un articolo dedicato ai controlli sulle domande di presentate dai richiedenti

pecoroni

Dopo un acceso dibattito… patetico il risultato della votazione!

Il PD ha appoggiato solo l’emendamento che reintroduceva gli adeguamenti ISTAT al minimo vitale ma ha osteggiato tutti gli altri, approvando la clausola vessatoria contro i disoccupati, bocciando sia il recupero dell’inflazione illegittimamente disapplicata dagli uffici che l’allungamento dei tempi di istruttoria delle domande.

La destra si è strumentalmente appiattita sulle posizioni del PD, ma con l’aggravante di aver addirittura votato contro il proprio Sindaco, il quale ha votato a favore dell’ emendamento che reintroduceva gli adegamenti ISTAT del minimo vitale. Durante il voto infatti, i consiglieri di maggioranza  hanno meccanicamente votato come il Capogruppo PDL (era distratto a suo dire) e per questo si sono meritati un bel titolo da l’Esagono:  “Se in Consiglio ci vanno i pecoroni”.

Posted in Muggiò, Politica | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Galimberti sbatte la porta. Lega Nord nel caos

Posted by PRC Muggiò su domenica 6 dicembre 2009

Le dimissioni di Mario Galimberti, Vicesindaco ed Assessore ai lavori pubblici di Muggiò della Lega Nord, rivelano la crisi della Giunta di centrodestra a soli 4 mesi dal suo insediamento.

In un momento in cui sarebbe necessario intervenire con politiche attive di sostegno ai lavoratori delle aziende in crisi, ai disoccupati ed ai precari, questa Giunta non trova di meglio che azzuffarsi per dei posti nelle commissioni comunali!

Noi ci siamo chiesti da subito come avrebbero fatto a convivere coloro che avevano promosso un referendum cittadino sulla candidatura Zanantoni, alludendo alla sua pessima amministrazione e poca trasparenza, con chi ne difendeva a spada tratta l’operato. Oppure chi diceva di aver sempre difeso il parco del Grugnotorto con chi l’aveva pesantemente devastato con l’operazione multiplex.

Evidentemente le soluzioni imposte dall’esterno, basate sulla spartizione di posti di potere, non hanno ottenuto il risultato sperato ma anzi si sono dimostrate controproducenti e deleterie per la comunità cittadina.

Ognuno si assuma le proprie responsabilità e si chieda se è adeguato per amministrare la città di Muggiò.

Posted in Muggiò, Politica | Contrassegnato da tag: , , , , , | Leave a Comment »

Il Consiglio Comunale ha votato: NON DATE DA BERE AGLI ASSETATI

Posted by PRC Muggiò su sabato 21 novembre 2009

Centrodestra contro l'acqua pubblica

Anche a Muggiò il forte appello che Rifondazione ed il centro-sinistra ha rivolto alla maggioranza di destra, con una mozione per dichiarare l’acqua un servizio pubblico locale privo di rilevanza economica, è stato respinto.

Paradossalmente la maggioranza di Zanantoni ha espresso un giudizio negativo sui suoi stessi rappresentanti che oggi gestiscono il ciclo dell’acqua in Brianza: Brianza Acque ed ALSI infatti hanno entrambe una maggioranza di centro-destra nei loro Consigli di Amministrazione.

La mozione da noi proposta ha ricevuto 7 voti favorevoli (R-CI, PD, 1 voto dalla Lega), 3 astenuti (1 lega, 2 PDL) e 9 voti contrari (Zanantoni ed il resto del centrodestra).

In ogni caso le mobilitazioni di questi giorni, promosse dai movimenti per l’acqua, hanno registrato un crescente successo di partecipazione e di discussione. Per questo la lotta per il riconoscimento dell’acqua quale Diritto umano universale, indivisibile, inalienabile e lo status dell’acqua come bene comune pubblico deve proseguire.

Non possiamo fermarci solo perché gli invasati della mercificazione ad ogni costo, a partire dai parlamentari fino ai sottomessi consiglieri comunali, sono proni alle logiche del profitto.L’acqua deve essere sottratta a queste spregiudicate logiche mercantili fatte a scapito della collettività.

E quello della battaglia sull’acqua pubblica sarà uno dei terreni sui quali si misurerà l’utilità della Federazione della Sinistra (Prc, Pdci, Lavoro e Solidarietà e Socialismo 2000), in prima linea nella promozione di un referendum per bloccare ogni ipotesi di privatizzazione.

Posted in Ambiente, Muggiò, Politica | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il Piano Casa colpisce anche a Muggiò

Posted by PRC Muggiò su giovedì 15 ottobre 2009

Il Consiglio Comunale del 14 Ottobre ha approvato le disposizioni in materia di applicazione del Piano Casa; i punti salienti della delibera riguardano:

  • l’estensione della possibilità di derogare agli indici urbanistici nelle aree industriali
  • permettere di derogare agli indici urbanistici nelle aree destinate alla Edilizia Residenziale Pubblica
  • agevolare la deroga agli indici urbanistici relativi alla dotazione del verde
  • la non salvaguardia dei “caratteri identitari” del nostro comune (solo a titolo d’esempio non sono salvaguardate le cortine storiche ai lati della chiesa di piazza Garibaldi; oppure la “Casa Mariani” posta davanti al Comune; oppure le aree agricole a nord del Bosco in Città…) 

Prestando fede alle stime d’impatto fornite dall’Assessore Regionale Boni (Lega Nord), e rapportandole alla realtà muggiorese, a Muggiò nei prossimi due anni potranno essere realizzati 22.000 mc di residenza in deroga (equivalenti a 220 abitanti  che cementificano una superfice di 6/7.000 mq; un campo di calcio!).

Un Consigliere Comunale PDL ha rivendicato che questo Piano è in linea con il programma amministrativo del sindaco Zanantoni. Ne prendiamo atto, a conferma dei nostri giudizi negativi; questa amministrazione ha nel suo dna (leggasi programma amministrativo) la deroga alle norme e la forzatura delle regole.

Posted in Ambiente, Muggiò, Politica | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nuovo addetto stampa e conflitto d’interessi

Posted by PRC Muggiò su martedì 6 ottobre 2009

         Al Sig. Sindaco
    del Comune di MUGGIO’ 
    Dott. Pietro Zanantoni

Preso atto della determinazione del Direttore Generale n. 419/21-07-2009 con la quale si assegna al sig. Alessandro Crisafulli “Incarico per attività di comunicazione per il Comune di Muggiò”,

rilevato che lo stesso, per pubblicare i Comunicati Stampa del Sindaco e dell’Amministrazione utilizza (sembrerebbe in via esclusiva) il sito web della lista politica Brianza 2009 (http://www.brianza2009.org/comunicati_stampa.html) mentre non vi è traccia del suo lavoro nella pagina del sito comunale istituzionalmente dedicata a tali comunicati (http://www.comune.muggio.mb.it/tool/home.php?s=0,1,24)

 

si chiede

 

  • se non si ravvisi nessun conflitto d’interessi in questo modo di operare da parte del sig. Crisafulli,
  • se, chi e perchè lo ha eventualmente autorizzato ad utilizzare un sito di partito per svolgere un’attività istituzionale
  • nel caso non fosse stato autorizzato, se non si ritiene necessario interrompere il rapporto professionale in corso per l’evidente strumentalizzazione politica operata con i soldi di tutti i cittadini muggioresi

 

 Il capogruppo di Rifondazione – Comunisti Italiani

                     Lorenzo Capizzi

Posted in Muggiò, Politica | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il Referendum consultivo è realtà

Posted by PRC Muggiò su sabato 28 febbraio 2009

In data 26 Febbraio 2009 il Consiglio Comunale ha finalmente
approvato il Regolamento Comunale sullo svolgimento dei Referendum Consultivi. Si tratta di una previsione presente all’interno dello Statuto comunale che, all’art.11, recita

Referendum consultivo

Referendum consultivo

Il Comune indice referendum consultivi per conoscere l’orientamento prevalente della comunità su materie di esclusiva competenza comunale. Possono essere oggetto di referendum consultivo tutte le materie consentite dalla legge.” ed ancora, più avanti, “La consultazione referendaria si considera valida quando abbiano partecipato al voto più del 50% degli aventi diritto. L’esito del referendum si considera favorevole al quesito sottoposto, qualora in tal senso si sia espressa la maggioranza dei voti validi.

Per troppi anni (dall’aprile 1995) questo strumento di partecipazione popolare alla vita politico amministrativa del comune è risultato inutilizzabile per l’assenza di un regolamento che fissasse le modalità operative con le quali è possibile proporre i quesiti, piuttosto che le modalità ed i tempi per la raccolta delle firme e la verifica della loro autenticità. Il referendum può essere uno strumento importante per far pesare il parere dei cittadini sui beni comuni (come l’acqua e il gas, nell’occhio interessato delle multinazionali con inevitabili conseguenze negative sul portafoglio degli utenti), ma anche sulla qualità dei servizi e sulla gestione del territorio e dell’ambiente (le 3.000 firme raccolte contro il Multiplex nel parco del Grugnotorto non si sarebbero potute cestinare come ha fatto la precedente amministrazione di centro-destra).

C’è voluta la spinta di Rifondazione Comunista e della amministrazione Fossati per rendere esigibile  questa forma di partecipazione democratica, scelta che ha riscontrato l’assenso anche della minoranza tanto è vero che il regolamento è stato approvato dal C.C. all’unanimità.

Il nostro solo rammarico è che lo Statuto limita questo istituto ai soli referendum “consultivi”, mentre sarebbe auspicabile la sua estensione anche a possibili quesiti “propositivi” e “abrogativi”… e purtroppo non c’erano le condizioni politiche per poter mettere all’ordine del giorno la modifica dello Statuto del comune.

Posted in Muggiò, Politica | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

LA FAIPO’ DEI GIOVANI NON E’ PIU’ RINVIABILE!

Posted by PRC Muggiò su venerdì 21 novembre 2008

Per la Faipò dei giovani

Per la Faipò dei giovani

Il 20 Novembre 2008, proprio nella giornata internazionale dei diritti dell’infanzia, il Consiglio Comunale dei Ragazzi (CCR) ha incontrato il Consiglio Comunale “degli adulti” per informarlo sui lavori svolti e sui progetti che sono stati scelti come temi di lavoro per i prossimi mesi.
I ragazzi hanno scelto di lavorare su due temi:

  • il miglioramento dell’ambiente e del verde della città
  • l’ipotesi di chiedere l’installazione di armadietti scolastici per tenere i libri a scuola anzichè doverli portare tutti i giorni avanti ed indietro da casa

Il CCR (di cui fanno parte i bambini di quarta e quinta elementare più i ragazzi delle scuole medie) è uno dei punti programmatici con il quale Rifondazione Comunista e centrosinistra hanno vinto le elezioni comunali del 2004, ed è logico che siamo soddisfatti del lavoro fin qui svolto. A questo punto è giusto esprimere un valutazione politica sul progetto e sulle sue evoluzioni.

Partiamo dalla scelta di utilizzare la ricorrenza odierna per evidenziare i lavori del CCR.

Quasi 20 anni fa, nel novembre 1989, le Nazioni Unite hanno adottato per acclamazione la “Convenzione sui diritti dell’infanzia”, una Convenzione che riconosce ad ogni bambino una serie di diritti fondamentali ed inalienabili tra i quali, all’articolo 12, “garantiscono al fanciullo capace di discernimento il diritto di esprimere liberamente la sua opinione su ogni questione che lo interessa”.
Ma la Convenzione delle Nazioni Unite non è evidentemente un punto d’arrivo, piuttosto fissa un punto di partenza con cui affrontare le troppe tristi realtà del mondo reale, dove la maggioranza dei bambini vive in condizioni di povertà e di sfruttamento.
Diamo merito alle Nazioni Unite, che con la Convenzione ha saputo indicare le garanzie ed i valori umani da perseguire, ma dall’altra parte “gli adulti” di tutto il mondo devono intensificare il loro impegno contro la brutalità delle condizioni di sfruttamento di milioni di bambini, troppo spesso vittime nelle guerre (anche umanitarie), piuttosto che vittime dei boicottaggi internazionali, piuttosto che vittime della miseria e dell’ignoranza in cui il capitalismo li rinchiude.
Se c’è una morale nel celebrare il CCR proprio in questa giornata, la morale è che i diritti umani, degli adulti così come quelli dei bambini o degli adolescenti, non basta proclamarli, ma devono essere garantiti, protetti e, soprattutto, attuati.

L’altra considerazione riguarda il processo di partecipazione e protagonismo che l’Amministrazione Fossati ha attivato nei confronti di questi bambini e ragazzi.

Per Rifondazione Comunista il coinvolgimento di questi bambini nel progetto del CCR non deve essere un momento limitato nel numero e nel tempo e quindi, in definitiva, essere di fatto un’esperienza di partecipazione democratica a termine.
Limitato nel numero nel senso che l’obiettivo non può essere limitato a stimolare la partecipazione ed il contributo di 25 bambini (gli eletti del CCR), in quanto in quella fascia d’età i bambini di Muggiò sono diverse centinaia, e tutti meritano la nostra attenzione.
Limitato nel tempo nel senso che un progetto di partecipazione democratica quale quello del CCR non solo non dovrebbe essere legato alla episodicità degli stanziamenti di un progetto (che di anno in anno si decide se finanziare o meno), ma si rivelerebbe una finzione se, paradossalmente, al compimento del 15mo anno venisse a cessare la possibilità dei ragazzi di influenzare democraticamente le scelte degli adulti.

Noi pensiamo che tutti i cittadini devono poter influenzare le scelte che li riguardano: i bambini/ragazzi, ma anche gli adolescenti, i giovani, gli adulti, gli anziani… TUTTI!
In questo caso ci dobbiamo quindi porre il problema di come riconoscere analoghi diritti di protagonismo a quella ampia fascia di ragazzi che va dai 14 ai 18/25 anni, per evitare il paradosso per cui il dodicenne di oggi può influenzare le scelte che lo riguardano ma poi lo stesso ragazzo, al maturare di una nuova età, si vede negata la possibilità di contribuire democraticamente alla elaborazione delle politiche pubbliche che lo riguardano (come minimo fino al compimento della maggiore età).

La scelta di istituire il CCR diventa quindi una scommessa impegnativa, una scommessa per la quale siamo ai primi passi e per la quale Rifondazione Comunista è impegnata non solo a raggiungere risultati duraturi a beneficio dei bambini, ma a garantire spazi di partecipazione e di democrazia a quei ragazzi in età dai 15 ai 25/28 anni che da sempre sono esclusi da qualsiasi politica giovanile.

UNA CONSULTA GIOVANILE E LA FAIPO’ DEI GIOVANI NON E’ PIU’ RINVIABILE!

Posted in Muggiò, Politica | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »