Muggiò Città@perta

Un'altra Muggiò è possibile

  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

  • Il PRC Muggiò su Facebook:

  • La Sinistra

  • Muggiò a Sinistra

  • Giovani Comunisti Monza Brianza

  • L’Altra Europa

  • SOTTOSCRIZIONE FEDERALE

  • NO alla modifica costituzionale

  • REFERENDUM SOCIALI

  • ISCRIZIONI 2015

  • Il fascismo è un crimine

  • I soldi dei caccia F35 vadano ai terremotati!

    Chiediamo che i fondi per i caccia F35 siano destinati interamente per la ricostruzione
  • SCIOPERO GENERALE

  • No alla Buona Scuola

  • In piazza con la FIOM

  • Ricordando il compagno Mandela

  • Electrolux non deve passare

  • 17 APRILE NO TRIV

  • Lotto per il 18 – iniziata la raccolta delle firme per indire il referendum

  • BASTA CEMENTO, PIU’ VERDE SUBITO! FIRMA ANCHE TU

  • ALCOA, la lotta continua

    ALCOA, la lotta continua
  • Col governo Monti cresce solo l’ingiustizia

  • Paghi chi non ha mai pagato

  • Manovra Monti – NO al governo dei banchieri

  • Manovra Monti – paghi chi non ha mai pagato

  • 2 SI per acqua bene comune

    2 SI per acqua bene comune
  • La legge è uguale per tutti: VOTA SI

    La legge è uguale per tutti: VOTA SI
  • MANDIAMOLI A CASA!

    Berlusconi e Marchionne vogliono la stessa cosa; comprimere i diritti e la democrazia a proprio vantaggio
  • A voi i profitti, a noi i lutti

  • Basta con il bipolarismo degli affari

    Basta con il bipolarismo degli affari

    Basta con il bipolarismo degli affari

  • Articoli Recenti

Posts Tagged ‘medici’

La privatizzazione della sanità – L’attualità della Costituzione – Il Frente Amplio

Posted by PRC Muggiò su martedì 23 gennaio 2018

vittorio-agnoletto

Carissim*,

  1. prosegue la campagna contro la privatizzazione della sanità in Lombardia, ed in particolare contro le delibere della giunta Maroni, che inseriscono la figura del  “gestore” per i cittadini malati cronici, circa 1/3 di tutta la popolazione lombarda. Il modello proposto in Lombardia si pone l’obiettivo di distruggere il SSN, Servizio Sanitario Nazionale, sostituendolo con un sistema assicurativo privato. La destra ha già dichiarato che quanto avviene in Lombardia funzionerà da apripista a livello nazionale e l’attuale ministra della sanità ha già avuto modo di dichiarare che guarda con interesse a quanto si sta sperimentando in Lombardia. Tutto fa temere che, se non riusciremo a fermare la controriforma lombarda, sarà tutto il SSN ad essere sotto tiro con il rischio di essere consegnato ai grandi “gestori” privati. Ecco perché credo che questo tema non interessi solo chi vive in Lombardia.
    Potete trovare tutto il materiale esplicativo sul mio sito:  http://www.vittorioagnoletto.it/milano-lombardia
    Gli ultimi documenti sono disponibili a questi link:
    Lettera aperta all’assessore Gallera 
    Rifiutate il gestore, stracciate la lettera
    Dott. Bosio non sfugga il confronto
    Per chi vive in Lombardia ecco le date dei  prossimi dibattiti organizzati dalla campagna “DIFENDIAMO LA SANITA’ PUBBLICA” :
    23 gennaio h. 21,00 c/o  La baia dei re, via Palmieri 8, Milano
    25 gennaio h. 21,00 c/o Chiesa S. Giorgi, vicolo S. Giorgio, Brescia
    30 gennaio h. 21,00 c/o , Biblioteca Comunale, via Piave 5, Cesate
  2.  “Attualità della Costituzione Repubblicana: un impegno per tutti i cittadini.” È il titolo di un interessante convegno organizzato da “Libertà e Giustizia” per il 31 gennaio dalle 17,00 alla sala Alessi a Palazzo Marino, in piazza della Scala a Milano al quale parteciperò come relatore insieme a Carlo Smuraglia, Gianni Barbacetto, Anna Torterolo, Gino Strada, Gherardo Colombo, Roberta De Monticelli e ad Albarosa Raimondi. http://www.vittorioagnoletto.it/event/attualita-della-costituzione-repubblicana-un-impegno-per-tutti-i-cittadini/

  3. Per chi invece è interessato alle vicende di politica estera sempre il 31 gennaio dalle 21,00 alla casa della Cultura, in via Borgogna 3 a Milano si svolgerà il dibattito Tomas Hirsch: l’esperienza del Frente Amplio cileno”. Lo storico esponente umanista appena eletto deputato, racconterà l’esperienza cilena dialogando con il sottoscritto, con Daniele Biella e con Anita Sonego.
    https://www.facebook.com/events/1731084423589884/

 Un caro saluto,
Vittorio

Posted in Politica, Società | Contrassegnato da tag: , , , , , , , | Leave a Comment »

Sciopero dei medici

Posted by PRC Muggiò su mercoledì 16 dicembre 2015

MILANO 15 – dicembre – 2015

COMUNICATO STAMPA

PRC/SE –  Lombardia: Sostegno convinto  allo sciopero dei medici contro la distruzione della sanità pubblica.

sciopero1Il PRC/SE  della Lombardia condivide pienamente le ragioni della lotta dei medici ospedalieri e sostiene lo sciopero del 16 dicembre indetto da tutte le sigle sindacali della categoria.
Il governo neoliberista di Renzi  persegue anche nella sanità lo smantellamento progressivo del pubblico e la fine dell’universalità dei diritti prevista dalla Costituzione.
Il taglio continuo delle risorse, il blocco del contratto, il mancato rinnovo del turno over e l’aumento del precariato, la restrizione burocratica delle prescrizioni per analisi ed esami tendono a impoverire sempre più la sanità pubblica e a ridurre progressivamente lo spazio dei servizi pubblici a vantaggio dei privati.
Non siamo di fronte solo all’ennesimo attacco ai diritti e alla dignità dei lavoratori, oramai in gioco è il diritto alla salute, la vita stessa delle persone, sempre più  discriminate nell’accesso alle cure in base alla classe di appartenenza.
E’ impressionante anche nell’eccellente Lombardia il numero  di malati che non si curano per problemi economici, di pazienti che vengono dimessi dagli ospedali ancora bisognosi di cure, mentre i ticket e  tempi d’attesa lunghissimi colpiscono in modo inaccettabile le fasce più deboli, i lavoratori e i pensionati.
Il PRC sostiene questo sciopero ed è  impegnato ad unificare le lotte di tutti i lavoratori pubblici e privati contro le privatizzazioni e lo smantellamento del ruolo pubblico nella tutela dei diritti costituzionali.

Posted in Lavoro, Politica | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

MEDICI PER TACCONA. Le amnesie dell’ex assessore Morlini

Posted by PRC Muggiò su domenica 20 novembre 2011

Ed alla fine rimase un solo medico di base alla Taccona. Continua la maledizione della Giunta Zanantoni che alla prima elezione vide ridursi il numero dei medici alla Taccona da tre a due e, alla seconda, da due a uno. Ricostruiamo brevemente i fatti.
Nel 1997 viene stipulato un contratto di locazione immobiliare ad uso non abitativo a tre medici di base, Dott. Grendele, Dott. Grigioni e Dott. Spinelli con una durata di sei anni. La possibilità di rinnovo della locazione per altri sei anni, non contemplata nella convenzione, ma prevista per legge, venne utilizzata al termine del primo sessennio, cioè nel 2003. A fine 2003, nel mese di Novembre, il un nuovo Medico chiede di poter utilizzare l’ambulatorio, nel giorno rimasto libero, il sabato: la sua domanda viene rigettata. Nel 2004 il Dott. Grigioni recede dal rapporto locativo per sopravvenuta età pensionabile. Nello stesso periodo il Dott. Morcelli, candidato poi nelle lista di Forza Italia di Muggiò, chiede di subentrare nella locazione al posto del Dott. Grigioni. I due medici rimasti, Dott. Grendele e Dott. Spinelli, di cui uno, (Grendele) candidato poi in una lista civica di appoggio al sindaco Zanantoni e molto amico dell’allora Assessore al Patrimonio, Geom. Morlini, ottengono di proseguire nella locazione senza il Dott. Morcelli. L’allora Funzionario del settore Patrimonio, Dott.ssa Perlini, alle dirette dipendenze del Morlini, dispone, su indicazione dei suoi superiori politici, di preferire la simpatica richiesta dei due medici superstiti, declinando la proposta del Dott. Morcelli per presunta continuità contrattuale da rispettarsi. In prossimità della tornata elettorale, siamo nella prima settimana di giugno 2004, viene stipulato frettolosamente un nuovo contratto di locazione, infarcito di errori macroscopici; la durata è di soli cinque anni (accogliendo la comoda tesi della continuità), anziché sei come da normativa di settore, non viene il rinnovo tacito, ma viene espressamente prevista la rescissione automatica del contratto alla sua scadenza ed, infine, le utenze (gas-enel) vengono incredibilmente poste in carico alle casse comunali, con rivalsa a consuntivo, nei confronti dei medici e conseguente aggravio burocratico e patrimoniale, alla faccia della razionalizzazione della spesa pubblica tanto decantata dai nostri eroi. Nonostante gli errori siano macroscopici i due medici locatari non sollevano alcuna obiezione, sottoscrivendo senza batter ciglio il contratto sottoposto.
Nel gennaio 2009, in prossimità della scadenza contrattuale (31-05-2009), il Comune di Muggiò invia ai locatari una comunicazione di cortesia, citando testualmente quanto riportato nel contratto, in materia di durata e disdetta, firmato nel 2004. Arriva subito una risposta dei medici, i quali dichiarano di contestare il contratto di locazione vigente per quanto riguarda la durata che secondo loro deve essere di sei anni e non di cinque (come mai quando lo hanno stipulato nel 2004 non si sono accorti dell’errore? Volevano forse evitare discussioni con gli amici amministratori?). Seguono alcuni contatti telefonici, una passaggio in Giunta Comunale, una nota del Servizio Patrimonio e una precisazione ulteriore dei medici in scadenza di locazione.
Finalmente nel maggio 2009 viene stipulato il nuovo contratto di locazione che prevede una regolare durata di sei anni, come da Legge n. 392/1978, e, sempre come da normativa vigente, sia il tacito rinnovo per altri sei anni che l’intestazione delle utenze (gas-enel) direttamente ai locatari, il calcolo del canone di affitto a prezzi minimi di mercato (ben 5.200 euro annui!) calcolati in base a una apposita ricerca di mercato effettuata dall’ufficio patrimonio. Il contratto prevede anche un termine di preavviso, in caso recesso di una delle due parti, di almeno sei mesi.
Tornato nel frattempo al potere Zanantoni, il Dott. Grendele recede dal contratto in data 03 febbraio 2010 con decorrenza dal 15 febbraio 2010, senza che gli vengano addebitate penali.
Viene quindi stipulato un nuovo contratto di locazione con l’unico medico rimasto, il Dott. Spinelli.

Alcune domande sorgono spontanee: se fosse stata accolta la richiesta del Dott. Morcelli, anno 2004, quanti sarebbero attualmente i medici di base alla Taccona? Perché l’Arch. Morlini, ai tempi assessore al Patrimonio, ha avvallato le clausole errate del contratto stipulato nel 2004?
Perché il battagliero Dott. Grendele accetta nel 2004 clausole che nel 2009 ritiene vessatorie?
Il Dott. Grendele ha pagato la penale per il mancato preavviso di sei mesi previsto dal contratto?

L’Arch. Morlini dichiara di non voler essere coinvolto in un polemica di così bassa lega, ma allora perché ha sostenuto in consiglio comunale che le responsabilità erano di altri per poi offendersi alle sacrosante reazioni di chi era stato ingiustamente tirato in ballo?
Forse che le polemiche di bassa lega vanno bene quando servono a demolire gli avversari e sono da stigmatizzare quando come un boomerang ritornano al mittente?

Ai posteri l’ardua sentenza.

P.S.: Naturalmente è tutto dimostrabile con documenti ufficiali.

Posted in Muggiò, Politica | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »