Muggiò Città@perta

Un'altra Muggiò è possibile

  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

  • Il PRC Muggiò su Facebook:

  • La Sinistra

  • Muggiò a Sinistra

  • Giovani Comunisti Monza Brianza

  • L’Altra Europa

  • SOTTOSCRIZIONE FEDERALE

  • NO alla modifica costituzionale

  • REFERENDUM SOCIALI

  • ISCRIZIONI 2015

  • Il fascismo è un crimine

  • I soldi dei caccia F35 vadano ai terremotati!

    Chiediamo che i fondi per i caccia F35 siano destinati interamente per la ricostruzione
  • SCIOPERO GENERALE

  • No alla Buona Scuola

  • In piazza con la FIOM

  • Ricordando il compagno Mandela

  • Electrolux non deve passare

  • 17 APRILE NO TRIV

  • Lotto per il 18 – iniziata la raccolta delle firme per indire il referendum

  • BASTA CEMENTO, PIU’ VERDE SUBITO! FIRMA ANCHE TU

  • ALCOA, la lotta continua

    ALCOA, la lotta continua
  • Col governo Monti cresce solo l’ingiustizia

  • Paghi chi non ha mai pagato

  • Manovra Monti – NO al governo dei banchieri

  • Manovra Monti – paghi chi non ha mai pagato

  • 2 SI per acqua bene comune

    2 SI per acqua bene comune
  • La legge è uguale per tutti: VOTA SI

    La legge è uguale per tutti: VOTA SI
  • MANDIAMOLI A CASA!

    Berlusconi e Marchionne vogliono la stessa cosa; comprimere i diritti e la democrazia a proprio vantaggio
  • A voi i profitti, a noi i lutti

  • Basta con il bipolarismo degli affari

    Basta con il bipolarismo degli affari

    Basta con il bipolarismo degli affari

  • Articoli Recenti

Posts Tagged ‘Politica’

SCACCO ALLA ‘NDRANGHETA. Il nuovo libro di Marco Fraceti: presentazione pubblica

Posted by PRC Muggiò su domenica 23 marzo 2014

VOLANTINO

Posted in Società | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , , , , , , | Leave a Comment »

Non sono tutti uguali!

Posted by PRC Muggiò su venerdì 29 giugno 2012

Posted in Politica | Contrassegnato da tag: , , , , , | Leave a Comment »

Devo congratularmi con “Mario Il Grigio” (Monti)

Posted by PRC Muggiò su lunedì 9 gennaio 2012

Articolo pubblicato su: http://www.aldogiannuli.it/

Non stupitevi: devo proprio congratularmi con il senatore Monti. Non per la manovra economica (per carità!), che è un disastro: botte da orbi a ceti popolari e medi, diminuzione delle garanzie sociali, grandinata di tasse su immobili e consumi. E tutto senza nessun risultato, nè vicino nè lontano: lo spread continua ad impazzare, il rischio di fare default  è intatto, perchè non si sa come sostenere interessi al 7% su un debito arrivato al 120% del Pil, ripresa economica sempre meno vicina e credibilità internazionale al punto di prima: zero. Sotto questo aspetto va detto che il bilancio non  potrebbe essere peggiore: avevamo chiamato San Giorgio per abbattere il Drago e il Drago continua a farla da padrone senza neanche filarsi San Giorgio. Dunque non è per questo che ci congratuliamo.

E neanche per la gestione dell’ordine pubblico (che, come dimostrano gli episodi di Torino, Firenze e Roma) resta molto degradato; e neppure per un qualche sussulto di presenza in politica estera dove l’Italia continua a pesare quanto Andorra. Non parliamo poi della struttura del governo fatta con il “nuovo manuale Cencelli” ad uso di logge e curie. Persino il “Corriere della Sera”, primo artefice della candidatura Monti, ha da ridire in proposito.
Un voto scolastico ai primi 50 giorni del Presidente Monti? 3 meno meno ed, aggiungiamo, “per incoraggiamento”.

Ma allora, per cosa ci dobbiamo congratulare?
Ma per la capacità comunicativa, naturalmente! Anzi of course (come direbbe l’anglofono Monti). “Mario il grigio” è un genio della comunicazione e della guerra psicologica, che ha lungamente studiato il suo predecessore surclassandolo. Si, perchè, in fondo, il Cavaliere, con tutta la sua collezione di ville e miliardi, i suoi stuoli di escort  e giullari, alla fine, resta sempre un parvenu, un “commesso viaggiatore di successo“, come lo definiva Montanelli. Il populismo per lui è stato una tecnica di governo, ma anche un modo di essere, perchè lui non è niente di diverso dall’armata di borghesi piccoli piccoli che lo adora. Con tutti i suoi soldi resta un uomo della lunpeborghesia con lo stesso gusto trash, la stessa sottocultura da stadio, lo stesso umorismo da caserma.

Mario il Grigio no, lui è davvero un signore con una inappuntabile chioma grigio-argento, che veste in perfetto “grigio fumo di Londra”, ha una oratoria anche essa grigio “fumo di Londra”. E poi, fa la fila davanti ai musei con impeccabile understatement, sa stare a tavola e servirsi delle posate d’argento senza mettersene qualcuna in tasca e fa eleganti banciamano ad ogni signora che non si sognerebbe di definire “culona inchiavabile”. E questo lo rende assai più accetto nei salotti internazionali del suo sgangherato predecessore.  Ma è anche un grande uomo di comunicazione, che sa rendersi gradito anche a quella base populista che si spande fra la Lega ed il Pd. Volete qualche esempio? Pensate ai recentissimi bliz della guardia di Finanza a Cortina d’Ampezzo, a Portofino, Chiavari, Genova dove finalmente sono state snidate mandrie di evasori fiscali con il suv e la barca, in alberghi da 1.000 euro a notte e che dichiarano si e no 25.000 euro l’anno. Finalmente alla berlina i “ricchi”, che paghino anche loro!

Riflettiamoci un po’, siamo proprio sicuri che hanno beccato i ”ricchi”? Certo chi marcia in superberline, va in certi alberghi e al casinò è uno che, probabilmente, ha qualche milione di euro e se dichiara cifre di quel tipo è un maiale che merita di essere fatto nero (nulla da eccepire su questo, se non il fatto che i governi precedenti, compresi quelli di Prodi, D’Alema e Amato, potevano pensarci già da molto tempo). Ma se questi sono i ricchi, come classifichiamo i Berlusconi, i Tronchetti Provera, i Della Valle, gli Elkann ecc. che hanno fortune calcolate in miliardi e miliardi di euro? Ripeto, non milioni di euro, ma miliardi. Ricordiamo che nel solo caso della lite ereditaria dell’Avv. Agnelli la contesa riguardò fondi off shore -e sottratti alla successione- per circa 1 miliardo di euro (ed, all’epoca si pagavano ancora le tasse di successione).

Va bene, quelli di Cortina sono i “ricchi”, ma questi altri signori, allora, sono i ricchissimi. Il bliz di Cortina non sposterà di un millimetro la situazione del nostro fisco. Per fare qualcosa di serio occorrerebbe mettere le mani addosso ai ricchissimi, quelli con conti da miliardi di euro. Ma contro i ricchissimi, il governo Monti non ha alzato paglia: nessun discorso sui grandissimi patrimoni finanziari depositati, probabilmente, in qualche paradiso fiscale. E questi non li scoviamo andando a Cortina o Portofino dove non vanno, perchè posseggono intere isole tropicali o parchi di ettari in Engandina; ma se anche ne avessimo trovato uno a Cortina, non gli avremmo fatto nulla, perchè sicuramente quei consumi sarebbero stati compatibili con il reddito che, per quanto sotto dichiarato rispetto alla  realtà, sarà stato sicuramente di diversi milioni di euro e, dunque: “Tutto in regola Commendatore. Ossequi alla signora” e mano tesa alla visiera.

Non è attraverso i consumi che sapremo mai quanto sottodichiarano i ricchissimi e se pure qualcosa emergesse, al massimo gli toglieremmo un po’ di cipria dal naso.

Dunque, contro i “ricchissimi”, questo governo non ha osato neppure fare un fiato, così come sulle esenzioni fiscali agli enti economici della chiesa: Monti chiede meno di quanto il cardinal Bagnasco si dichiara pronto a concedere. Di tagli o rinvii ai programmi di spesa per la Difesa non ne parliamo nemmeno, a partire dai velivoli da combattimento Jsf.

Però, e qui sta la trovata geniale, diamo la sensazione che finalmente è arrivato il castigamatti che non guarda in faccia a nessuno. Un altro esempio? La decisione di tassare nuovamente i “fondi scudati”, quelli che rientrarono in Italia grazie al condono di Tremonti e contro il quale, per la verità, il Pd non fece nessuna vera opposizione. D’accordo, quella fu una cosa immonda ed i signori vennero condonati per un piatto di riso. Però, piaccia o no, il condono ci fu e giuridicamente è una pazzia rimetterlo in discussione. Sarebbe come dire: “Si l’amnistia te l’ho data e sei uscito, ma ora che ci penso era troppo generosa. Dai: vatti a fare altri sei mesi di galera!” Oppure chiedere una aggiunta alla cifra già versata per un condono edilizio. Giuridicamente la cosa non sta in piedi e, con ogni probabilità, se qualcuno porrà la questione alla Corte Costituzionale, questo provvedimento verrà cassato. Ed è un follia ancor di più sul piano economico, perchè, se domani si dovesse procedere ad un condono di qualsiasi genere, non ci crederebbe più nessuno. Non che i condoni siano una cosa degna di un paese civile, ma può sempre rendersi necessario farne qualcuno e, in questa maniera ci siamo bruciati i ponti dietro le spalle. Ma questo non ha nessunissima importanza per Monti, il cui problema è quello di galleggiare sulla crisi, arrivando a fine legislatura con un capitale di consenso popolare. Poi alle elezioni presentiamo un bel centro neo Dc.

Questi sono gli spot di una campagna elettorale che può durare da tre a quindici mesi. Per ora servono a far mandare giù le misure antipopolari assunte.

Semmai, il problema per Monti è un altro: che molte cose sono fuori dai suoi poteri e se l’Italia farà default o meno  ormai non dipende più da noi ma dalla Merkel: o si fa il fondo salvastati e la Bce compera i bond rimasti invenduti stampando moneta, oppure qui si va a fondo e con noi va a fondo anche l’Euro. E questo lo decide la Merkel, da sola, neppure con Sarkozy. Punto e basta. Non a caso Monti ha chiesto con Sarkozy misure “entro marzo”: perchè l’asta del 29 dicembre, a fatica è andata in porto, quella del 15 febbraio, con qualche fatica in più (sono il triplo della scadenza precedente), può essere retta, ma le altre due, marzo ed aprile (più o meno ciascuna di pari entità della precedente) potrebbero davvero affondare la barca. E, se non c’è lo scudo europeo, c’è da scommettere che  la “speculazione internazionale” (questo fantasma dietro cui si celano Wall street e la Casa Bianca) si accanirà per dare il colpo finale, all’Italia ed all’Euro.

Se questo dovesse succedere, fra le altre cose, sarebbe la fine del tentativo di “Mario il Grigio”. Ma anche qui l’uomo si è preparato una brillante via d’uscita: se le cose dovessero mettersi male già nelle prossime settimane, meglio arrivare alla rottura e far cadere il governo. Un voto contrario all’indirizzo di politica generale del governo ne provocherebbe le dimissioni, dopo di che non resterebbe che andare a nuove elezioni. Default per  default, tanto vale farlo  scaricando la colpa sulla irresponsabilità della classe politica. E alle elezioni, una lista che definiremmo “tecnico-centrista” vincerebbe facilmente. Ma per ottenere questo risultato, occorre che il Parlamento faccia un passo falso su un tema che susciti l’indignazione popolare. E l’occasione c’è: il taglio agli stipendi dei parlamentari. Tema che suscita la più profonda antipatia popolare verso i “politici” visti – a ragione- come dei parassiti e delle sanguisughe. Peraltro, questi sono anche dei morti di fame che piuttosto che rinunciare a mille euro al mese, venderebbero la madre e la nonna al mercato degli schiavi, per cui stanno mettendo tutti due i piedi nella trappola. E Monti ha già dichiarato che ritiene il provvedimento qualificante, aggiungendo “Questo governo non ha il problema di durare”. Come dire: “Se non vi tagliate gli stipendi, vi porto sparati al voto”.

Non so se i pezzenti di Montecitorio e di Palazzo Madama ci cadranno (sono abbastanza stupidi per farlo), ma se dovesse succedere sarebbero le elezioni e sia Pdl che Lega e Pd sarebbero massacrati a favore del “centro-tecnico”.

E voi dite che “Mario il Grigio” non è bravo? Come economista non vale granché, come statista vale ancora meno, ma come illusionista è un genio. Congratulazioni vivissime.

Aldo Giannuli

Posted in Politica | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , | Leave a Comment »

A Brunetta è stata assegnata la scorta

Posted by PRC Muggiò su mercoledì 7 luglio 2010

Posted in vignette | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Io sto con Emergency !

Posted by PRC Muggiò su martedì 13 aprile 2010

Aderisci all’appello:  http://www.emergency.it/appello/form.php?ln=It

 

Tre dipendenti italiani di Emergency – un medico e altri due cooperanti – sono stati arrestati a Lashkar Gah, nel Sud  dell’Afghanistan, insieme ad altre sei persone del posto, con l’accusa (secondo quanto riporta l’agenzia Associated Press) di aver partecipato a un complotto per uccidere il governatore della provincia di Helmand. Ne dà notizia Emergency, precisando che l’arresto è stato effettuato dal contingente Nato-Isaf e dallla National Security afgana.

“Si tratta di una sporca e oscura manovra. Ma la cosa più sconvolgente è che l’Italia da otto anni ha truppe in Afghanistan per sostenere un governo che muove accuse contro medici italiani e li arresta e non c’è un rigo di commento, una presa di posizione, una richiesta di liberazione immediata o una nota di protesta da parte della diplomazia italiana”. Gino Strada prova a trattenere la rabbia per le accuse “assurde” mosse contro gli operatori italiani arrestati ieri nell’ospedale di Emergency a Lashkar Gah, ma non ci riesce. Ancor di più, “con tutto quello che l’organizzazione fa da anni per la popolazione afgana”, lo lascia perplesso il silenzio del governo italiano.

da Repubblica.it

ALCUNE ADESIONI


  • Maurizio Costanzo, giornalista
  • Generale Fabio Mini
  • Don Gino Rigoldi
  • Ettore Mo, giornalista
  • Fabio Fazio, giornalista
  • Lella Costa, attrice
  • Inge Feltrinelli, editore
  • Carlo Feltrinelli, editore
  • Amanda Sandrelli, attrice
  • Giovanni Soldini, velista
  • Vauro, vignettista e scrittore
  • Frankie Hi Nrg, musicista
  • Fiorella Mannoia, cantante
  • Piero Colaprico, giornalista
  • Marco Santin
  • Cisco, musicista
  • Banda Osiris
  • Claudio Martini, ex presidente Regione Toscana
  • Paola Turci, cantante
  • Giorgio Poidomani
  • Bebo Storti, attore
  • Gianni Mura, giornalista
  • Milly Moratti, consigliere comunale di Milano
  • Diego Cugia, giornalista e scrittore
  • Nichi Grauso, imprenditore
  • Paolo Serventi Longhi, ex segretario FNSI
  • Alessandro Gassman e tutta la compagnia teatrale di roman e il suo cucciolo
  • Carla Gravina, attrice
  • Massimiliano Fuksas, architetto
  • Enrico Mentana, Giornalista
  • Filippo Rossi, direttore Fare Futuro Online
  • Sandro Ruotolo, giornalista
  • Marco Travaglio, giornalista
  • Serena Dandini, conduttrice Tv
  • Dario Vergassola, attore
  • Nichi Vendola, presidente Regone Puglia
  • Marco Berrì, Illusionista e Conduttore televisivo
  • Maurizio Maggiani, Giornalista
  • Moni Ovadia, Attore
  • Blas Roca Rey, Attore
  • Paolo Hendel, Attore
  • Gaspare e Zuzzurro, Attori
  • Giorgio Cordini, Musicista
  • Enrico Deaglio, Giornalista
  • Elio e le Storie Tese, Musicisti
  • Antonio Cornacchione, Comico
  • Samuele Bersani, musicista
  • Mario Pondero, fotografo
  • Neri Marcorè, attore
  • Gigi Manconi, politico
  • Massimo Cirri, giornalista
  • Lella Ravasi, psicoterapeuta
  • Silvia Vegetti Finzi, psicologa e scrittrice
  • Francesca Fornaio, giornalista
  • Ottavia Piccolo, attrice
  • Claudio Bisio, attore e presentatore televisivo
  • Stefano Bollani, musicista



ShinyStat

// // // //

NDAHAR – Tre dipendenti italiani di Emergency – un medico e altri due cooperanti – sono stati arrestati a Lashkar Gah, nel Sud  dell’Afghanistan, insieme ad altre sei persone del posto, con l’accusa (secondo quanto riporta l’agenzia Associated Press) di aver partecipato a un complotto per uccidere il governatore della provincia di Helmand. Ne dà notizia Emergency, precisando che l’arresto è stato effettuato dal contingente Nato-Isaf e dallla National Security afgana.

Posted in appello, Politica, Società | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

La proposta di uno studente

Posted by PRC Muggiò su lunedì 12 aprile 2010

C’è qualcosa da cambiare nello sguardo.

L’affondamento del partito è fin troppo visibile e ci si sente impotenti, come davanti a una vecchia nave ancora poderosa che viene fatta esplodere e affondare, insieme ai ricordi.

Oppure ci si sente come Novecento, il prodigioso musicista protagonista dell’omonimo romanzo di Baricco, che decide di rimanere sul relitto e farsi esplodere con esso, perchè il mondo all’esterno lo spaventa, lo fa sentire troppo piccolo e insicuro.

In ogni caso…si perde.

Alcuni detti recitano che dopo una lunga discesa c’è sempre una salita.
Verissimo.
Ma bisogna saper pedalare.
Bisogna saper riscoprire le proprie capacità ormai addormentate nelle molli i stituzioni.
Bisogna saper rinascere già grandi, già pronti a lottare.
Bisogna saper essere di nuovo bambini e guardare con il loro sguardo il mondo: uno sguardo nuovo, curioso, vivace.

Uno sguardo indagatore, a volte ingenuo, ma fermo e deciso nel distinguere le cose.

Dobbiamo ricominciare a vedere la politica con occhi nuovi, con l’ingenuità di un bambino, senza affogare nei troppi sofismi.
Un bambino sa cosa è giusto e cosa non lo è, un bambino non dice mai“se”, “ma”, “forse”, dice “sì” o “no”, un bambino vede tutto per la prima volta.

Dobbiamo tornare bambini se non vogliamo invecchiare.

Claudio, studente

Posted in Politica, scuola | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Risultati definitivi delle regionali dal Ministero

Posted by PRC Muggiò su martedì 30 marzo 2010

Regione: LOMBARDIA

Circoscrizione: MONZA E DELLA BRIANZA

Comune: MUGGIO’

Elettori 18.646
Votanti 11.981 64,25 %
Sezioni scrutinate presidente 19 su 19
Sezioni scrutinate liste circoscrizionali 19 su 19

Candidati presidente e liste Voti % Voti %
FORMIGONI ROBERTO
PER LA LOMBARDIA
6.068 52,32
Visualizza candidati di lista IL POPOLO DELLA LIBERTA’ 3.688 35,86
Visualizza candidati di lista LEGA NORD 1.942 18,88
Totale 5.630 54,74
PENATI FILIPPO LUIGI
PENATI PRESIDENTE ALTERNATIVA LOMBARDIA
4.348 37,49
Visualizza candidati di lista PARTITO DEMOCRATICO 2.657 25,83
Visualizza candidati di lista DI PIETRO ITALIA DEI VALORI 696 6,76
Visualizza candidati di lista SINISTRA ECOLOGIA LIBERTA’ 195 1,89
Visualizza candidati di lista PART.PENS. 173 1,68
Visualizza candidati di lista FED.DEI VERDI 89 0,86
Totale 3.810 37,04
CRIMI VITO CLAUDIO
MOVIMENTO 5 STELLE BEPPEGRILLO.IT
427 3,68
Visualizza candidati di lista MOVIMENTO 5 STELLE BEPPEGRILLO.IT 332 3,22
PEZZOTTA SAVINO
UNIONE DI CENTRO
422 3,63
Visualizza candidati di lista UNIONE DI CENTRO 296 2,87
AGNOLETTO VITTORIO EMANUELE
RIFOND.COM. – SIN.EUROPEA – COM.ITALIANI
284 2,44
Visualizza candidati di lista RIFOND.COM. – SIN.EUROPEA – COM.ITALIANI 216 2,10
INVERNIZZI GIANMARIO
FORZA NUOVA
48 0,41

Totale voti candidati presidente 11.597
Totale voti liste circoscrizionali 10.284
Schede bianche 79 0,65 %
Schede nulle 297 2,47 %
Schede contestate e non assegnate 8 0,06 %

Posted in Politica | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , | Leave a Comment »