Muggiò Città@perta

Un'altra Muggiò è possibile

  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

  • Il PRC Muggiò su Facebook:

  • La Sinistra

  • Muggiò a Sinistra

  • Giovani Comunisti Monza Brianza

  • L’Altra Europa

  • SOTTOSCRIZIONE FEDERALE

  • NO alla modifica costituzionale

  • REFERENDUM SOCIALI

  • ISCRIZIONI 2015

  • Il fascismo è un crimine

  • I soldi dei caccia F35 vadano ai terremotati!

    Chiediamo che i fondi per i caccia F35 siano destinati interamente per la ricostruzione
  • SCIOPERO GENERALE

  • No alla Buona Scuola

  • In piazza con la FIOM

  • Ricordando il compagno Mandela

  • Electrolux non deve passare

  • 17 APRILE NO TRIV

  • Lotto per il 18 – iniziata la raccolta delle firme per indire il referendum

  • BASTA CEMENTO, PIU’ VERDE SUBITO! FIRMA ANCHE TU

  • ALCOA, la lotta continua

    ALCOA, la lotta continua
  • Col governo Monti cresce solo l’ingiustizia

  • Paghi chi non ha mai pagato

  • Manovra Monti – NO al governo dei banchieri

  • Manovra Monti – paghi chi non ha mai pagato

  • 2 SI per acqua bene comune

    2 SI per acqua bene comune
  • La legge è uguale per tutti: VOTA SI

    La legge è uguale per tutti: VOTA SI
  • MANDIAMOLI A CASA!

    Berlusconi e Marchionne vogliono la stessa cosa; comprimere i diritti e la democrazia a proprio vantaggio
  • A voi i profitti, a noi i lutti

  • Basta con il bipolarismo degli affari

    Basta con il bipolarismo degli affari

    Basta con il bipolarismo degli affari

  • Articoli Recenti

Posts Tagged ‘rifondazione’

“La sinistra” si presenta: una lista unitaria e alternativa per le europee

Posted by PRC Muggiò su mercoledì 10 aprile 2019

di Stefano Galieni – Left –

Il messaggio è chiaro e inequivocabile: «Una sola lista a sinistra del Pd e alternativa in Europa». Lo hanno spiegato con accenti diversi i partecipanti alla conferenza stampa dove è stato reso noto il simbolo con cui un fronte di forze antiliberiste, femministe, antirazziste ed ecologiste, si presenta alle prossime elezioni europee del 26 maggio.

Il progetto illustrato a Roma, presso l’Hotel Nazionale, in piazza Montecitorio, è semplice: mai come questa volta saremo costretti a parlare di Europa e il Parlamento di Strasburgo di fatto impone di riconoscersi in quelle che sono le fondamentali “famiglie europee”. Quella socialista, incarnata in Italia dal Pd, quella liberale dell’Alde, in cui confluiranno gli eventuali eletti di Più Europa, attenti ai diritti civili ma distanti anni luce dalla sinistra rispetto ai diritti sociali e alle tematiche ambientaliste spesso incompatibili con i grandi interessi. E poi i Verdi con cui in Europa spesso si sono condivise battaglie fondamentali per il futuro e per il presente del pianeta ma che spesso non arrivano a criticare alle radici il modello di sviluppo.

Tralasciando ovviamente le famiglie del centro destra (che nel continente hanno governato da decenni con le forze socialiste) restano il gruppo Gue/Ngl e il Partito della sinistra europea, European left per come è scritto sul simbolo, di cui la lista presentata oggi, “La Sinistra”, fa parte. I sondaggi danno questa sinistra in Europa in crescita, da noi si è riusciti oggi a definire un percorso che potrà portare nuova linfa ad un progetto e ad un gruppo peraltro nato proprio a Roma nel lontanissimo 2004. Una sinistra che prova a riunirsi, non per la sopravvivenza di ceti politici, come un pensiero populista dominante tende a raccontare, ma per un patrimonio di contenuti comuni, di battaglie sociali e politiche, per un simile approccio al mondo, al presente e al futuro, che le altre forze in campo non hanno.

Lo ha segnalato molto bene nel suo intervento Eleonora Forenza, europarlamentare uscente, disegnando le ragioni di questo “terzo spazio” incompatibile tanto con il liberismo sfrenato che ha accomunato con le politiche di austerity liberali, popolari e socialisti, quanto con il nazionalismo xenofobo e oscurantista delle destre sovraniste che governano anche in Italia. «I movimenti delle donne, quelli ambientalisti e antirazzisti che hanno riempito le piazze di primavera – ha sottolineato Forenza che si ricandiderà alle elezioni – sono la dimostrazione che c’è una parte di Paese che vuole avere un futuro diverso da quello che gli viene imposto oggi. Noi siamo e rivendichiamo di essere quelle e quelli dei porti aperti. Il governo italiano è quello che utilizza la parola “solidarietà” come richiesta da fare all’Europa per fermare i migranti; noi siamo invece solidali con i 49 richiedenti asilo della Mare Jonio, criminalizzati da Salvini e dal M5s».

Maurizio Acerbo, segretario del Prc-Se ha sottolineato come, a differenza di quanto affermato dalle sedicenti opposizioni in Italia, da noi il problema non sia risolvibile dando qualcosa ai poveri ma affrontando alla radice il tema delle diseguaglianze sociali. Una parola che ha accomunato tutti gli interventi è stata quella di una “patrimoniale” con cui ristabilire anche la logica per cui bisogna prendere da chi ha di più e non continuare a strozzare chi non ha più niente. L’Europa delle politiche neoliberiste volute da tutti, dei trattati votati da tutti, a cominciare da Maastricht, tranne che dalle forze che si riconoscono oggi in questa lista, ha prodotto in questi anni 110 milioni di poveri, una cifra enorme. «Venendo qui – ha concluso Acerbo – ho visto i manifesti di Fratelli d’Italia in cui si diceva di volere cambiare totalmente l’Europa. Quasi a voler far credere che siano stati gli ufo a votare le norme che ci hanno ridotto così. Se Salvini oggi rischia di raggiungere risultati enormi è colpa di un centro sinistra che non ha voluto ascoltare le nostre richieste e gli allarmi che lanciavamo».

Nicola Fratoianni, segretario di Sinistra italiana Si, partendo anche dalla fine di una esperienza come Liberi e uguali, delinea i tanti punti che rendono il progetto de “La Sinistra” diverso e non assimilabile ad altri. «Le nostre posizioni sui trattati, sulla riduzione dell’orario di lavoro a parità di salario, sulla guerra, sul diritto d’asilo, sui diritti sociali – ha ribadito – non sono neanche “rivoluzionarie”, di patrimoniale parla anche il Partito democratico americano, lavorare meno è ormai pratica anche in alcuni Paesi europei e fa parte del dibattito politico normalmente. Da noi sembra impossibile». Entro la settimana verranno resi noti i nomi delle candidate e dei candidati, che si vogliono non solo come espressione dei partiti ma soprattutto della ricchezza del mondo associativo e dei movimenti con cui si è in relazione. Una lista quindi chiara e netta nei contenuti ma aperta al mondo ampio di chi si oppone ad un modello di vita considerato inaccettabile. Domenica 14 aprile si svolgerà una assemblea di lancio della lista a Roma, al teatro Quirino, in via delle Vergini 7 a partire dalle 10.

Posted in Politica, Società | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , | Leave a Comment »

Campagna elettorale

Posted by PRC Muggiò su martedì 6 febbraio 2018

mercatino.jpeg

Posted in Politica | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , | Leave a Comment »

Aperte le iscrizioni per il 2017

Posted by PRC Muggiò su lunedì 30 gennaio 2017

manifesto_tesseramento_muggio

 

Posted in Politica | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , | Leave a Comment »

2×1000, un piccolo gesto che non costa nulla. Ma vale molto!

Posted by PRC Muggiò su martedì 5 aprile 2016

l19

Posted in appello | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , | Leave a Comment »

Festa regionale del PRC [Seriate 27/6 – 5/7]

Posted by PRC Muggiò su sabato 20 giugno 2015

dibattiti festa

Posted in Politica | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , | Leave a Comment »

Atene chiama

Posted by PRC Muggiò su mercoledì 11 febbraio 2015

atene

Massima mobilitazione del PRC a sostegno del governo di Syriza

Ordine del giorno approvato all’unanimità dalla direzione PRC, 7-02-2015

Mobilitazione a sostegno del governo di Syriza, mercoledì 11 febbraio presidi in ogni città, sabato 14 febbraio tutti a Roma

La direzione nazionale del Partito della Rifondazione Comunista impegna tutto il partito alla massima mobilitazione per la riuscita delle manifestazioni unitarie a sostegno del governo greco guidato dal compagno Alexis Tsipras.

Come Partito della Sinistra Europea abbiamo indetto una settimana di mobilitazione in tutti i paesi dall’11 al 17 febbraio per fare pressione sui governi affinché rispettino il voto del popolo greco e cambino le regole imposte dalla BCE e dalla Troika. Si tratta non solo di solidarietà con il paese che più ha subito le conseguenze delle politiche europee, ma di diffondere la consapevolezza che la causa greca è quella di tutti i popoli e di tutti i lavoratori e lavoratrici d’Europa.

Grazie alla vittoria di Syriza, per la prima volta in Europa c’è un governo che mette apertamente in discussione l’agenda neoliberista.

Il tentativo da parte della BCE, della Merkel e dei suoi alleati di soffocare sul nascere il governo di Syriza e di costringerlo a rinnegare il suo programma è volto a impedire che si diffonda su tutto il continente lo spettro della possibilità di uscire dalla crisi ponendo fine all’austerity neoliberista.

Il popolo greco e il suo governo in questo momento stanno difendendo i diritti di tutti i popoli europei e la stessa democrazia. E’ totalmente priva di fondamento ed inaccettabile la campagna volta a contrapporre le richieste dei greci agli interessi degli italiani come degli altri popoli.

In questo quadro la posizione del Presidente del Consiglio Matteo Renzi di sostegno al’operazione di strangolamento della Grecia decisa dalla BCE non può che essere al centro della mobilitazione in quanto è in palese contrasto con gli stessi interessi del popolo italiano e rappresenta la prosecuzione dell’offensiva che sta conducendo contro i diritti dei lavoratori e per la svendita dei beni comuni.

– Ovunque possibile vanno organizzati presidi e manifestazioni nella giornata di mercoledì 11 febbraio in concomitanza con la riunione dell’Eurogruppo dove il governo greco ufficializzerà le sue richieste.

– Tutte le strutture del partito devono impegnarsi, insieme ai comitati per L’Altra Europa con Tsipras e alle altre organizzazioni che hanno aderito a partire da Fiom e Arci, per garantire la massima partecipazione alla manifestazione nazionale unitaria “Dalla parte giusta. E’ cambiata la Grecia, cambiamo l’Europa” indetta per sabato 14 febbraio a Roma.

Non possiamo lasciare da soli i greci a combattere.

cambia-la-grecia-manifestazione

Posted in Politica | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Leave a Comment »

Propaganda e affissioni pubbliche: cosa non torna

Posted by PRC Muggiò su martedì 3 febbraio 2015

Di seguito riportiamo gli articoli del Giornale di Monza di martedì 3 febbraio 2015 e del Cittadino di sabato 7 febbraio 2015.

Clicca qui per leggere il testo completo dell’esposto.

espostoClicca qui per leggere il testo completo dell’esposto.

esposto1

Clicca qui per leggere il testo completo dell’esposto.

Posted in Muggiò | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , , , , , , | Leave a Comment »

[Monza 16/12] Kobane e il popolo curdo non sono soli!

Posted by PRC Muggiò su venerdì 12 dicembre 2014

kobane_def retro_kurdi

Posted in Società | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , | Leave a Comment »

12 DICEMBRE SCIOPERO GENERALE: DIRITTI, LAVORO, REDDITO

Posted by PRC Muggiò su mercoledì 3 dicembre 2014

sciopero

Posted in manifestazione | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , , , , , , | Leave a Comment »

Rotonda di via Falcone. Un successo…all’italiana

Posted by PRC Muggiò su mercoledì 26 novembre 2014

Nel silenzio delle istituzioni è stata realizzata con colpevole ritardo la rotonda di viOLYMPUS DIGITAL CAMERAa Falcone. Si tratta di una delle opere stradali di “mitigazione” e risarcimento legate all’interramento di viale Lombardia a Monza (300ml di euro per interrare 3 km di strada!).

La rotonda, che doveva servire per fluidificare il traffico sulla via Falcone, “strada di cantiere”, è stata realizzata senza oneri per l’Amministrazione comunale di Muggiò solo grazie alla costante azione di denuncia svolta con convinzione da Rifondazione in Consiglio Comunale, rivendicando al contempo la tutela ambientale dovuta ai cittadini muggioresi.

OLYMPUS DIGITAL CAMERAPurtroppo la sua realizzazione a cantiere di viale Lombardia ormai chiuso è la plastica rappresentazione dei mali e della inadeguatezza dei funzionari pubblici e degli amministratori locali (dove i rappresentanti politici invece, spesso si limitano a scaldare i banchi), che realizzano, se le realizzano, le opere necessarie agli eventi con ritardi indegni del terzo millennio in cui viviamo e spesso a prezzo di malversazioni e speculazioni private (ad esempio anche la vicenda EXPO si è tristemente avviata su questo medesimo percorso, con gli ormai soliti avvisi di garanzia per corruzione e con le “vie d’acqua” che saranno realizzate ad evento ormai ampiamente concluso).

Che dire? Piuttosto che l’ignominia del silenzio istituzionale su questi gravi episodi di cattiva gestione delle risorse pubbliche abbiamo deciso di inaugurare noi la rotonda… affinchè si parli dei tanti errori compiuti e della necessità inderogabile di affermare un’altra gestione delle risorse pubbliche.

Posted in Muggiò | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , , , | Leave a Comment »

SCUOLA LAVORO SINISTRA

Posted by PRC Muggiò su mercoledì 29 ottobre 2014

tsipras

Posted in Politica | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , | Leave a Comment »

Giornalino del PRC Muggiò ottobre-novembre 2014

Posted by PRC Muggiò su giovedì 23 ottobre 2014

PrimaOttNov2014

Clicca sull’immagine (oppure qui) per leggere il giornalino completo

Posted in Muggiò, Politica | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , | Leave a Comment »

IL GOVERNO DEI SERVI

Posted by PRC Muggiò su giovedì 9 ottobre 2014

Governo, Ferrero: Mentre la Francia disobbedisce, Renzi pone la fiducia per assecondare la Merkel: un governo di servi contro cui occorre lo sciopero generale

di Paolo Ferrero

Gli ultimi atti del governo sono vergognosi: mentre il governo francese disobbedisce ai trattati e pone le condizioni per cambiare le politiche economiche europee, il governo Renzi pone la fiducia sulla demolizione dell’articolo 18 per assecondare la Merkel: è un governo di servi contro cui occorre dichiarare subito lo sciopero generale. Il tempo delle scelte per cambiare le politiche europee è ora, mentre c’è una contraddizione tra Francia e Germania, e non bastano più le chiacchiere, nè da parte di Renzi nè da parte della Camusso che alle giuste critiche deve far seguire i fatti. Serve lo sciopero generale per obbligare Renzi ad un radicale mutamento delle politiche economiche, per allargare i diritti dei lavoratori invece di restringerli.

————————————————————————————–

RENZI-DORIAN-GRAY

Renzi non ha la nostra fiducia!

di L’Altra Europa con Tsipras

No al colpo di mano contro i diritti

La decisione di mettere la fiducia sul Jobs Act è un fatto di gravità estrema: si tratta di un gesto di rottura violenta delle prerogative del Parlamento e del dibattito politico e sociale.

Si vogliono spazzar via con un diktat elementi fondanti della nostra civiltà. Chiamiamo tutte e tutti a mobilitarsi contro l’arroganza renziana, contro questa inaudita  prevaricazione, per difendere la democrazia e i diritti.

Proprio mentre è presidente di turno della UE, in complicità con le politiche europee che sanno proporre solo austerità, tagli e privatizzazioni, il governo di Matteo Renzi ha sferrato l’attacco finale ai diritti del lavoro, ricorrendo addirittura al voto di fiducia.

  • Il Jobs Act demolisce quello che resta dell’art.18 e rende definitivamente precarie le nostre vite. Non crea lavoro, ma la libertà di licenziamento.
  • Non assicura maggiore uguaglianza, ma anzi determina più precarietà per tutti.
  • Demolisce la cassa integrazione e non garantisce un reddito di cittadinanza – che ci avvicinerebbe, questo si, a molti paesi europei – ma nega alle persone la possibilità di vivere in modo dignitoso.
  • Mette i lavoratori sotto controllo con l’uso delle videocamere.
  • Estende la precarietà estrema con l’uso generalizzato dei vaucher.

Il Jobs Act ci fa tornare indietro di 50 anni. Nel semestre di presidenza dell’UE, il governo Renzi fa da battistrada dunque ai falchi di un’Unione Europea che mira a smantellare una delle maggiori conquiste dell’Europa stessa, il welfare state.

NOI VOGLIAMO UN ALTRO LAVORO, UN’ALTRA EUROPA

Posted in Lavoro | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Leave a Comment »

Rifondazione Comunista aderisce ai referendum contro l’austerità

Posted by PRC Muggiò su giovedì 24 luglio 2014

Pubblicato il 22 lug 2014

di Roberta Fantozzi e Paolo Ferrero

Rifondazione Comunista aderisce ai 4 referendum abrogativi di parte della legge 243/2012.

logo-for1

I referendum, anche oltre il loro oggetto specifico, sono un’occasione per denunciare con una campagna di massa nel paese, le politiche di austerità: il principio del pareggio di bilancio sciaguratamente introdotto in Costituzione con la modifica dell’articolo 81 ed ulteriormente inasprito dalla legge 243 che elimina ogni residua possibilità di politiche anticicliche, ed il Fiscal Compact, i cui folli obiettivi su deficit e debito peggiorano persino l’impianto liberista del Trattato di Maastricht.

I vincoli del Fiscal Compact, a cui il governo Renzi si attiene, acuiscono la crisi e distruggono i diritti sociali e del lavoro, a solo vantaggio dei grandi poteri economici e finanziari che vogliono mercificare ogni ambito della vita sociale, per trarre profitto da una nuova ondata di privatizzazioni.

Sosteniamo i referendum, come sosteniamo la proposta avanzata da un vasto arco di giuristi di una legge costituzionale di iniziativa popolare di intera riscrittura dell’articolo 81. Proporremo anche una analoga iniziativa perché, come avvenne nel 1989, il popolo italiano possa pronunciarsi direttamente con un referendum di indirizzo sul Fiscal Compact.

Siamo impegnati affinchè le campagne in corso possano intrecciarsi con la ripresa delle mobilitazioni in Italia ed in Europa contro le politiche neoliberiste, per un’alternativa sempre più urgente.

Per info: http://www.referendumstopausterita.it/

Posted in Politica | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , | Leave a Comment »

Lo “STILE” Zanantoni. Post-elezioni.

Posted by PRC Muggiò su venerdì 18 luglio 2014

Le elezioni passano, i danni no.

A poche settimane dal voto dello scorso maggio l’ex giunta Zanantoni si impegna nella spesa per la stampa dell‘informatore comunale, in palese violazione della normativa vigente in merito alla propaganda elettorale. In particolare ci riferiamo al comma che impone il “divieto a tutte le pubbliche amministrazioni di svolgere attività di propaganda di qualsiasi genere, ancorché inerente alla loro attività istituzionale, nei trenta giorni antecedenti l’inizio della campagna elettorale e per tutta la durata della stessa”.

Articolo de Il CIttadino 05/07/2014

Articolo de Il CIttadino 05/07/2014

Nelle pagine dell’informatore quindi i contenuti delle sue pagine e gli spazi utilizzati dai partiti politici rappresentati in consiglio comunale violavano sia il principio del silenzio elettorale delle amministrazioni pubbliche sia il principio di uguaglianza, dato che solo buona parte delle forze politiche in campo non avevano quello spazio solitamente dedicato ai gruppi politici eletti.

La stampa locale ora dà conferma di questo spreco di risorse, richiamando anche il timore di una denuncia ai danni dell’amministrazione Zanantoni.

Rifondazione Comunista per prima ha denunciato il fatto alla Prefettura e alla Polizia locale, chiedendo di verificare e monitorare la situazione, prevedendo un sequestro preventivo delle copie.

Assieme a noi hanno sottoscritto anche i gruppi locali di Sinistra Ecologia Libertà, Movimento 5 Stelle, Ora per Muggiò.

Ora queste copie risultano già stampate…più di 6.000 euro spesi.

Le nebulose politiche di trasparenza di Zanantoni lo hanno ripagato con un tracollo elettorale; si vigilerà comunque sulla nuova amministrazione, nella speranza che non vengano più buttati al vento i soldi dei cittadini muggioresi!

Rifondazione aveva visto correttamente: questo è uno stimolo ulteriore per proseguire – anche se non più rappresentata – la difesa dei cittadini e dei lavoratori muggioresi.

SCARICA IL TESTO DELL’ESPOSTO:

esposto

Posted in Muggiò, Politica | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , , , | Leave a Comment »

COMUNICATO STAMPA

Posted by PRC Muggiò su martedì 10 giugno 2014

TESTATA_2013_se

Rosso un fiore in petto c’è Fiorito?

Maria Fiorito e la coalizione di Centrosinistra hanno vinto le elezioni locali ottenendo il 53,2% dei voti al ballottaggio, sconfiggendo la Destra di Zanantoni.

Prendiamo atto del risultato elettorale e auguriamo buon lavoro alla squadra di governo (di cui però non si conoscono ancora i nomi e chi ne sarà il formatore). Ci duole però constatare come sia in allarmante aumento l’astensionismo: meno della metà degli elettori han votato al ballottaggio; più di 4.000 cittadini, che hanno partecipato al primo turno, hanno preferito non votare al ballottaggio. Il vincitore, volente o nolente, rappresenta quindi solo un quarto di tutta la popolazione cittadina.
Giudicheremo, comunque, la nuova amministrazione in merito ai fatti e alla capacità di rappresentare sufficientemente lo spirito di cambiamento e di buona gestione della cosa pubblica, di cui Muggiò veramente necessita.

Ci batteremo affinché le proposte programmatiche che avanzammo per dare valore alle istanze della Sinistra vengano realmente accettate e attuate: dalla gestione totalmente pubblica della rete idrica, al blocco delle vendite ai privati delle azioni delle società responsabili del ciclo dei rifiuti; dalla lotta alla precarietà a partire dai dipendenti Afol, alla realizzazione di una nuova e degna Biblioteca.
Queste elezioni segnano una pesante sconfitta della coalizione Destra-Lega e dei suoi programmi: 853 elettori in meno rispetto al primo turno e, se consideriamo gli elettori di Solo per Muggiò, la cifra sale a 1.958.

scheda-elettorale2Zanantoni perde voti in tutti i seggi (anche nella roccaforte del centro); al contrario, Fiorito guadagna quasi in tutti i seggi, in particolare alla Taccona.
Il Centrosinistra porta a casa 408 voti in più rispetto al voto del 25 maggio; anche se, sommando le preferenze di Sel e Ora per Muggiò, avrebbe in realtà perso 157 voti.

Nell’ottica di ottenere istanze di concreto cambiamento, riteniamo possibile attuare – considerando nel merito le questioni – prove di dialogo, pur consci della nostra radicale alternatività e differenza dalla progettualità del PD (anche per questo motivo, non abbiamo dato indicazione di voto al ballottaggio); manifestando la volontà di proseguire una risoluta attività politica comunista e di sinistra in città.

Continueremo a lottare sul territorio; speranzosi, dopo l’inaspettato risultato alle Europee, di rappresentare nuovamente un punto di riferimento per i lavoratori e i cittadini tutti.  

Posted in Muggiò | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Leave a Comment »

COMUNICATO STAMPA

Posted by PRC Muggiò su martedì 27 Mag 2014

TESTATA_2013_se

ELEZIONI COMUNALI – L’esito del voto

Vogliamo ringraziare vivamente tutti gli elettori, i militanti ed i simpatizzanti che, pur consci della difficoltà della prova elettorale, con slancio e passione ci hanno confermato il loro sostegno votandoci e scegliendo anche la lista europea Per un’Altra Europa con Tsipras.
Il risultato elettorale ci consegna però una sconfitta netta per il progetto di cambiamento di un’altra Muggiò che abbiamo proposto.

Le divisioni delle forze che storicamente si richiamano alla sinistra, che pure pesano molto sulle cause di tale sconfitta (e peraltro mostrano la precarietà dello straordinario risultato del PD nel voto per le europee), non possono tuttavia essere un alibi alla mancanza complessiva di credibilità che la nostra proposta ha suscitato nella cittadinanza.

I cittadini hanno scelto “altro” perché vogliono altro.

Detto questo, la sconfitta elettorale incoraggia una riflessione e un’analisi sia sulle modalità che sui contenuti del nostro agire politico a favore della città che non ci spaventa e, anzi, ci stimola nella ricerca di maggiori relazioni con la città.

Per noi comunisti, che non siamo un comitato elettorale che si attiva nella parentesi di una campagna elettorale, le elezioni non costituiscono il fine, bensì sono uno dei tanti strumenti da affiancare alle lotte per una società libera dallo sfruttamento, giusta e solidale … la lotta continua!

VOTI AL CANDIDATO CAPIZZI: 245 su 12.719 – 1,93%

VOTI ALLA LISTA: 238 su 12.719 – 1,90%

fonte: comune.muggio.mb.it

Posted in Muggiò, Politica | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , , , , , , | Leave a Comment »

Ambiente e rifiuti: dibattito e mostra. [22/05/2014, Muggiò]

Posted by PRC Muggiò su lunedì 19 Mag 2014

trashed

Posted in Ambiente, Muggiò, Politica | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 1 Comment »

RifondaFEST: festa di fine campagna elettorale [18/05/2014, Muggiò]

Posted by PRC Muggiò su domenica 11 Mag 2014

manifesto_festa-2

Posted in Muggiò | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Leave a Comment »

Comunicato stampa

Posted by PRC Muggiò su domenica 27 aprile 2014

TESTATA_2013_se

La lista dei candidati

Dopo 5 anni di impegno in Consiglio Comunale, unici seri oppositori alle scellerate posizioni della destra e all’immobilismo del centrosinistra, Rifondazione Comunista prosegue su questa strada di impegno a favore della città e candida Lorenzo Capizzi, 55 anni, consigliere comunale, alla guida della lista “Rifondazione Comunisti Italiani – Per un’altra Muggiò a Sinistra”.

La lista unisce la sinistra d’alternativa che non rinuncia agli ideali di difesa del mondo del lavoro, dei giovani e dell’ambiente, pur rimanendo saldamente ancorata alla realtà locale. Una lista aperta che accoglie militanti ed iscritti ai partiti così come cittadini non iscritti e semplici sostenitori dei valori della sinistra; che rinsalda la collaborazione tra Rifondazione Comunista ed il Partito dei Comunisti Italiani, una lista formata 5 donne e 9 uomini, da giovani, lavoratori, precari, commercianti e pensionati.

Si è scelto di non organizzare il classico “show” di presentazione della lista perché rifiutiamo la spettacolarizzazione della politica, in particolar modo i format già prestabiliti in cui i riflettori si posano solo momentaneamente sui singoli candidati. I nostri candidati non hanno bisogno di nessuno show, potete incontrarli nelle nostre iniziative e manifestazioni, in strada, sul posto di lavoro, nelle associazioni, vivono il territorio e ne conoscono le esigenze.

Ecco la lista con una breve presentazione (più completa su https://prcmuggio.wordpress.com/elezioni-comunali-2014-unaltra-muggio-a-sinistra/i-candidati-nella-lista/ ):

LORENZO CAPIZZI, Candidato Sindaco, 55 anni, tecnico informatico, quadro, consigliere ed ex-Presidente del Consiglio Comunale, socio fondatore degli Amici del Parco Grugnotorto.

 

  1. CLAUDIO RENDINA, 23 anni, studente e bibliotecario a Monza, Segretario del circolo di Muggiò di Rifondazione, ex presidente della sezione locale degli Amici del Parco Grugnotorto.
  2. ANNA MIGLIACCIO, 49 anni, funzionaria del Comune di Nova Milanese, membro del Comitato Centrale del PdCI, delegata FP-CGIL.
  3. RICCARDO DE TONI, 20 anni, studente e attivista del movimento studentesco, membro del Comitato Regionale del PRC.
  4. FRANCESCO CORESTINI, 53 anni, dipendente presso la Cancelleria del Tribunale di Monza, delegato FP-CGIL.
  5. GIUSEPPINA DI BLASI, 53 anni, educatrice di asilo nido comunale a Cinisello Balsamo, membro del coordinamento regionale dell’USB.
  6. ALESSANDRO FRIGHI, 29 anni, studente e impiegato a Milano, membro del Collegio di Garanzia del PRC di Monza e Brianza.
  7. VILMA GAETANI, 71 anni, pensionata ex FIOM, membro del direttivo SPI-CGIL di Muggiò.
  8. PATRIZIA GIUSSANI, 52 anni, commerciante a Desio, attivista ambientale.
  9. ANTONELLA MAZZABÒ, 51 anni, impiegata Macchingraf in mobilità, naturopata, delegata sindacale, volontaria AUSER di Muggiò.
  10. FEDERICO NARDI, 41 anni, lavoratore presso la Coop di Desio.
  11. PIERO CARLO PALEARI, 65 anni, pensionato, collaboratore Patronato INCA-CGIL di Monza, segretario di Circolo uscente.
  12. RICCARDO PARIS, 68 anni, pensionato, membro della Cooperativa Sociale ONLUS “Lo Sciame” di Arcore.
  13. FILIPPO ROSALIA, 54 anni, ex dipendete di un giornale locale, attivista nei movimenti e nei sindacati per il diritto alla casa.
  14. ELIO SCHIAVON, 60 anni, operaio CRAI di Taccona.

Posted in Muggiò, Politica | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , , , , , , | Leave a Comment »