Muggiò Città@perta

Un'altra Muggiò è possibile

  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

  • Il PRC Muggiò su Facebook:

  • Muggiò a Sinistra

  • Giovani Comunisti Monza Brianza

  • L’Altra Europa

  • SOTTOSCRIZIONE FEDERALE

    Vintage ornate card in east style. Golden Victorian floral decor. Template frame for greeting card and wedding invitation. Ornate vector border and place for your text.

  • NO alla modifica costituzionale

  • REFERENDUM SOCIALI

  • ISCRIZIONI 2015

  • Il fascismo è un crimine

  • I soldi dei caccia F35 vadano ai terremotati!

    Chiediamo che i fondi per i caccia F35 siano destinati interamente per la ricostruzione
  • SCIOPERO GENERALE

  • No alla Buona Scuola

  • In piazza con la FIOM

  • Ricordando il compagno Mandela

  • Electrolux non deve passare

  • 17 APRILE NO TRIV

  • Lotto per il 18 – iniziata la raccolta delle firme per indire il referendum

  • BASTA CEMENTO, PIU’ VERDE SUBITO! FIRMA ANCHE TU

  • ALCOA, la lotta continua

    ALCOA, la lotta continua
  • Col governo Monti cresce solo l’ingiustizia

  • Paghi chi non ha mai pagato

  • Manovra Monti – NO al governo dei banchieri

  • Manovra Monti – paghi chi non ha mai pagato

  • 2 SI per acqua bene comune

    2 SI per acqua bene comune
  • La legge è uguale per tutti: VOTA SI

    La legge è uguale per tutti: VOTA SI
  • MANDIAMOLI A CASA!

    Berlusconi e Marchionne vogliono la stessa cosa; comprimere i diritti e la democrazia a proprio vantaggio
  • A voi i profitti, a noi i lutti

  • Basta con il bipolarismo degli affari

    Basta con il bipolarismo degli affari

    Basta con il bipolarismo degli affari

  • Articoli Recenti

Posts Tagged ‘Succede a Muggiò’

Hotel Imperial: comunicato congiunto M5S – PRC

Posted by PRC Muggiò su venerdì 13 maggio 2016

COMUNICATO STAMPA

EsternoLa chiusura dell’Hotel Imperial di Muggiò, dopo l’arresto del proprietario Francesco Consolazio che ebbe in concessione l’uso del bene confiscato alla mafia, impone non poche riflessioni e perplessità.

Innanzitutto i gruppi politici scriventi esprimono solidarietà ai lavoratori che hanno perso il posto di lavoro da un giorno all’altro.

La loro protesta è inevitabilmente figlia di tale frustrazione e indignazione dato che tali eventi non son dipesi da loro ma sono certamente frutto di una serie di pesanti errori di valutazione.


Se l’amministrazione si professa di sinistra dovrebbe in primo luogo pensare alle possibili soluzioni per i problemi occupazionali cosi’ come anche per interventi sul sociale.

Molte sono le domande che ci si pone, sul passato e sul futuro dell’immobile.

Lo stabile può trasformarsi in un bene pubblico utile per la città di Muggiò: non solo con progetti di riutilizzo sociale ma anche solo con una più semplice messa a reddito della struttura, riattivando l’attività commerciale affidandone la gestione tramite bando pubblico e incassando gli affitti da investire nel sociale.

Perché il comune non presenta progetti? Perché non prende in considerazione di mettere a reddito il bene, evitando oneri organizzativi?

La Prefettura – interessata al bene ma che comunque non può prendere decisioni unilaterali – ha il dovere di prendere in esame le proposte progettuali degli altri enti.

Pare però che il comune di Muggiò subisca o voglia subire con inerzia decisioni altrui senza entrare nel merito della questione.

L’ente è perciò parte lesa perché perde oneri e deve farsi carico di un problema sociale generato dalla superficialità degli organi di livello superiore.

La gestione politica del Sindaco Fiorito lascia a desiderare. Pesa il ritardo nel dare risposte agli ex dipendenti e alle forze politiche.

Pesa ancora di più la difesa e la continuità di questa amministrazione con la precedente: perché i funzionari incaricati dall’amministrazione Zanantoni (Forza Italia e Lega Nord) non sono stati chiamati in causa dall’attuale amministrazione Fiorito (Partito Democratico) per giustificare gli atti e le concessioni rilasciate negli anni precedenti? Cui prodest?

La continuità amministrativa non può coincidere con la mera attuazione di quanto deciso dalla precedente amministrazione ma deve scegliere ed indirizzarsi sulla base delle proprie prerogative.

Già nel 2013 la situazione appariva poco trasparente e Rifondazione Comunista chiese chiarimenti con un’interpellanza all’ex Assessore Vantellino. Lo stesso ha fatto recentemente il Movimento 5 Stelle, ma alla luce degli ultimi avvenimenti, ci viene il dubbio che qualcuno abbia messo la testa sotto la sabbia per non vedere la fedina penale ed i carichi pendenti, fallimenti precedenti, debiti pregressi, mancati pagamenti, fidejussioni false, assegni scoperti ecc. (cosa che per ottenere la licenza SCIA e’ un obbligo).

La complessità della faccenda richiede l’intervento di amministratori competenti e proattivi, che abbiano a cuore il benessere cittadino e le istanze dei lavoratori.

E’ altresì preoccupante sapere che un Tribunale abbia preso determinate decisioni.

Anche su questo si spera andrà fatta chiarezza.

Ma non ci pare che ciò stia avvenendo.

Muggiò, 13\05\2016

Logo_M5S_2015-11-18.png

MOVIMENTO 5 STELLE – MUGGIO’

logo_rifo

PARTITO DELLA RIFONDAZIONE COMUNISTA – CIRCOLO DI MUGGIO’

Annunci

Posted in Muggiò, Politica | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 2 Comments »

Errare è umano, perseverare diabolico

Posted by PRC Muggiò su lunedì 1 febbraio 2016

Ancora una volta la maestra Fiorito viene bocciata in Memoria Storica.

Esattamente un anno fa pubblicammo un articolo (https://prcmuggio.wordpress.com/2015/02/11/giornata-della-memoria-e-giorno-del-ricordo-accostamento-aberrante/) per denunciare la bassezza storica dell’Amministrazione di centrosinistra, erede delle politiche “culturali” (se così si possono chiamare) della passata Amministrazione di centrodestra.

È stato pubblicizzato sui canali istituzionali e addirittura sul gruppo Facebook dell’ANPI di Muggiò un volantino che sponsorizza eventi in occasione della Giornata della Memoria (27 gennaio) e del Giorno del Ricordo (10 febbraio) come se fossero la stessa cosa!

Manca solo la firma dell’assessore alla cultura (che firmò l’anno scorso, dimissionaria oggi) e ci si presenta lo stesso volantino. Ancora si ripete quell’accostamento subdolo e aberrante denunciato da molti storici.

Riproponiamo il testo dell’articolo pubblicato un anno fa, nella speranza di mettere fine alle ipocrisie della storia e ai revisionismi interessati. Invitiamo pertanto le cittadine e i cittadini a BOICOTTARE LA SERATA teatrale del 10 febbraio 2016 (e non la presentazione del libro del 3 febbraio) organizzata dal Comune di Muggiò fintanto che le istituzioni – nate dall’immenso sacrificio della Resistenza antifascista – commettano l’errore storico di equiparazione delle due date e di revisione degli eventi storici della Resistenza e della guerra civile jugoslava.
Invitiamo inoltre i cittadini e le istituzioni a contattarci per un dibattito franco ed una discussione storica seria e non viziata da strumentalizzazioni.

La storia insegna ma non ha scolari” (Antonio Gramsci).

———————————–

Giornata della Memoria e Giorno del Ricordo, “accostamento aberrante”

Posted by PRC Muggiò su mercoledì 11 febbraio 2015

Sindaco ed assessore alla cultura del comune di Muggiò hanno firmato e propagandato questo volantino:

Volantino

Due giornate nazionali accostate come se fossero equiparabili.

Non si tratta solo di un errore storico ma di una forma subdola ed “aberrante” – per dirla con le parole dello storico Miccoli che nel ’76 scriveva questo articolo: http://www.diecifebbraio.info/2013/05/risiera-e-foibe-un-accostamento-aberrante-articolo-di-giovanni-miccoli-del-1976/ – di revisionismo.

Riportiamo qui due articoli redatti dal gruppo Wu Ming Fundation e Dieci Febbraio Millenovecentoquarantasette che trattano il tema maldestramente cavalcato dall’amministrazione comunale.

Ci solleva il fatto che almeno non abbiamo assistito a manifestazioni nostalgiche come negli anni passati.

FOIBE O ESODO? 24 FAQ SUL GIORNO DEL RICORDO di Wu Ming Fundation: clicca qui per leggere tutto.

[…] 3. Perché la «Giornata della memoria» va bene e il «Giorno del ricordo» no?

La monetizzazione politica della Shoah da parte del sionismo ha sempre colpito il neoirredentismo nostrano, che ha cercato di mutuarne spregiudicatamente i meccanismi di legittimazione. Nel dopoguerra l’unico frasario disponibile per riprodurre il paradigma vittimario era quello dell’olocausto, così si iniziò a parlare di «genocidio delle genti giuliane», facendo inorridire storici come Giovanni Miccoli dell’IRSML, che lo definì un «accostamento aberrante»[3].
Poi arrivò la guerra nell’ex-Jugoslavia, il massacro di Srebrenica permise di giocare sullo stereotipo dell’atavica barbarie orientale-balcanica e così un nuovo vocabolo, la “Pulizia etnica” (ma in verità esisteva già “bonifica etnica”, usata storicamente per descrivere la snazionalizzazione della Venezia Giulia operata dal fascismo), soppiantò il genocidio che tuttavia rimase in sordina per poi riemergere proprio nel linguaggio del giorno del Ricordo, strategicamente piazzato due settimane dopo quello della Memoria a scimmiottarne nome e forma.
Lo scopo malcelato è quello di ingenerare confusione – vedasi le «Foibe Ardeatine», tragicomica crasi segnalata da Federico Tenca Montini[4] – tra due episodi incomparabili: da un lato una commemorazione mondiale dal significato universale, dall’altro una commemorazione di impianto nazionale. Uno squilibrio che si manifesta a ogni livello di questo accostamento: emigrazione equiparata a deportazione, epurazioni politiche e rese dei conti equiparate a sterminio e massacri indiscriminati.
Interessante è anche confrontare i significati simbolici dei giorni prescelti dalle due commemorazioni: mentre nella giornata della memoria si celebra la liberazione di Auschwitz da parte delle truppe sovietiche – la fine del male per gli ebrei – dall’altra parte si celebra la firma del trattato di pace – l’inizio del male secondo una certa narrazione esule – un male che continua e che idealmente soltanto la restituzione delle terre sottratte o dei “beni abbandonati” potrebbe chiudere.
Se proprio si volesse prendere ad esempio la giornata della memoria si dovrebbe indicare una data che celebrasse la fine delle ostilità, magari il 10 novembre, firma del Trattato di Osimo. Nessuna associazione di esuli lo accetterebbe, quella data in zona suscita ancora malumori (riemersi persino in recenti avventure politiche, come MTL) ma se non altro significò la normalizzazione dei rapporti italo-jugoslavi e la fine definitiva delle ostilità fra i due paesi. In realtà il giorno del Ricordo non ricopia quello della memoria, ma ne è un detournement: si ricalcano gli aspetti emotivi ma si perseguono diverse finalità. […]

L’ACCOSTAMENTO TRA I GENOCIDI OPERATI DAL NAZIFASCISMO E LE COSIDDETTE “FOIBE” E’ UN ABOMINIO STORIOGRAFICO di Dieci Febbraio Millenovecentoquarantasette: clicca qui per leggere tutto.

Il parallelo che viene talvolta tracciato, in alcuni ambienti e circostanze, tra “Auschwitz” – o altri luoghi ed episodi della violenza genocidaria nazifascista – e le cosiddette “foibe”, è un abominio storiografico che va rigettato con sdegno.

Simili accostamenti sono fuorvianti dal punto di vista storico e sono profondamente diseducativi dal punto di vista didattico, quando vengono usati come espediente per inculcare negli studenti certe interpretazioni “semplificate” dei fatti accaduti nel corso della II Guerra Mondiale. Sono accostamenti insostenibili sotto il profilo morale, innanzitutto, in base ad elementari considerazioni: di carattere numerico (il “conteggio dei morti” ha una sua importanza nella storiografia, ed è ipocrita affermare il contrario); di carattere logico (non avrebbe avuto senso per il movimento partigiano e lo Stato jugoslavo nascente pianificare operazioni di “pulizia etnica” contro chicchessia, visto che quello Stato si fondava sul suo carattere multi-nazionale e internazionalista e gli italiani furono una componente importante dello stesso Esercito Popolare di Liberazione, con ben quattro Divisioni di combattenti inquadrate al suo interno); di opportunità politica (equiparare la violenza strutturale e programmatica del nazifascismo a qualsivoglia episodio criminale avvenuto ad opera delle altre parti in conflitto era e dovrebbe rimanere esclusiva dei reduci ed eredi del nazifascismo stesso).

Già negli anni Settanta, il professor Giovanni Miccoli ebbe occasione di intervenire con parole cristalline su questo tema, scrivendo un articolo che rimane -purtroppo- attualissimo. Diciamo “purtroppo” perché l’aria è cambiata, dagli anni Settanta ad oggi, al punto che persino l’A-B-C della Storia e della storiografia va riaffermato. Così, in troppi casi registriamo che proprio quell’accostamento aberrante (così lo definì Miccoli) viene proposto in tutte le sue più incredibili varianti […]

Posted in appello, Muggiò, Politica | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , | Leave a Comment »

Eppur si vende

Posted by PRC Muggiò su venerdì 22 gennaio 2016

Manca solo il martelletto e sembra un’asta.

asta-620x330Il martelletto ovviamente lo tiene il Presidente del Consiglio Comunale, l’ex democristiano Carlo Fossati.

La seduta del 22 dicembre 2015 – guarda – ha approvato con solo qualche astensione (della destra…mancava Zanantoni a dare indicazione di voto in effetti) e un voto contrario, l’alienazione di 4 alloggi popolari. È una delibera che con qualche aggiustamento si rinnova da almeno 8 anni.

Ok, gli appartamenti sono dispersi sul territorio.

Ok, sono situati in immobili privati.

E quindi? Quale scelta politica sottende queste logiche di vendita del patrimonio pubblico?

Non saranno queste le motivazioni strategiche che spingono un comune a vendere pezzi di patrimonio immobiliare che dovrebbe essere gestito per risolvere le sempre più diffuse emergenze abitative delle famiglie muggioresi. Duecentotre cittadini sono infatti in lista per un alloggio ERP (Edilizia Residenziale Pubblica).

Solo pochi giorni fa fece notizia la condizione di due famiglie, colpevoli di essere troppo numerose per i nuovi alloggi “Ca’ degli Orti”. Leggi la notizia.

Forse l’amministrazione non intende spendere un centesimo di più del budget destinato alle ristrutturazioni, nonostante il comune debba per legge reinvestire in edilizia economica popolare gli utili derivanti dagli affitti e da queste alienazioni. Eppure le canne fumarie in via Marx vengono rimandate dal 2008 di anno in anno, di giunta in giunta.

Gli appartamenti hanno un notevole costo” risponde l’Assessore Radaelli. Altro che scelta strategica, questa è la giustificazione! Una scelta strategica pari a quella dell’allungamento delle scadenze e l’aumento degli importi nella rinegoziazione dei mutui: ovvero oneri e debiti per le nuove generazioni.

La cassa piange e svendo la bigiotteria (i gioielli sono già andati…): che si tratti di alloggi comunali oppure quote azionarie (in particolare le quote detenute da Muggiò nella società AEB pari all’1% del totale, messe in vendita nella stessa seduta del Consiglio Comunale). Ma in entrambi i casi è lecito chiedersi: ci saranno acquirenti? E se anche ci fossero…quali opere pubbliche saranno finanziate? Ad oggi pare che si prediliga l’ampliamento della caserma dei Carabinieri (quasi 810.000 euro!) ad opere volutamente chiuse in un cassetto (Dopo di Noi, biblioteca…).

Come la prese il PD quando Zanantoni volle svendere 15 alloggi di residenza pubblica nel 2010?

Si oppose.

Cosa fa oggi? Copia il centrodestra. Nessuna sorpresa, la coerenza non è il suo forte.

Sorprende però che si vogliano prendere in giro i cittadini. Il programma che ha convinto gli elettori a votare per il centro-sinistra nel 2014 impegna la giunta ad “agire con le leve decisionali, in materia urbanistica e fiscale, che il comune detiene, per dare una risposta ad una domanda reale di alloggi”. Tolto il completamento degli alloggi “Ca’ degli Orti”, deliberato da Zanantoni, non rimane nussun progetto di questa amministrazione.

Eppur si vende!

Posted in Muggiò, Politica | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , | Leave a Comment »

DA CHE PARTE STA IL PARTITO (DEMOCRATICO)?

Posted by PRC Muggiò su martedì 17 novembre 2015

Come si legge negli articoli di stampa il C.d.A. di BEA, nella seduta del 23/10/15 ha deciso in una seduta “fantasma” di soli 6 minuti l’aumento della tariffa per lo smaltimento dei rifiuti portandola da 80 a 87 euro la tonnellata.

A parte l’ipervelocità decisionale dei presenti, un primo ordine di problemi che emerge dalla vicenda è la contrazione dei tempi di finanziamento dell’investimento necessario al rinnovo tecnologico dell’inceneritore (ben 15 milioni di euro!) portandolo a 3 anni invece dei 15 originariamente previsti (vedi registrazione della seduta del Consiglio Comunale del 28/09/15).
Ciò implica una modifica sostanziale del piano industriale di BEA, con l’inevitabile intervento economico dei Comuni che forse saranno costretti a riversare sui cittadini costi che prima si diceva non li avrebbero interessati.

Ma l’aspetto più grave della vicenda è secondo noi un altro.
Facciamo notare che nella relazione di accompagnamento alla delibera del Consiglio Comunale di Muggiò del 28/09/15, quella che affida per 15 anni lo smaltimento dei rifiuti a BEA e ne recepisce il piano industriale che costituisce la base dell’affidamento, una delle ragioni principali per questa decisione è la prevista progressiva riduzione delle tariffe. (Dagli 80 euro del 2016 ai 70 del 2020; vedi pagina della relazione allegata).
DeliberaCC
CostiSmaltimentoGelsiaQuindi, ad un solo mese dalla deliberazione del Consiglio Comunale, questa previsione viene smentita dal C.d.A. di BEA! E’ evidente che qui qualcuno sta facendo il gioco delle tre carte.
Altra dimostrazione ne è la tabella dei costi di smaltimento allegata alla suddetta relazione, nella quale si vede che GELSIA ha i costi di smaltimento più bassi dei concorrenti: nonostante questo si preferisce fare la scelta tutta politica (o di corrente partitica?) della fusione con CEM.

Eppure tutto tace.
L’ Amministrazione Comunale non ha niente da dire su queste pratiche elusive delle decisioni prese dagli organi istituzionali.
Ben due membri del CdA hanno ricoperto incarichi pubblici eletti tra le fila del PD: la presidente Mazzucconi, ex parlamentare, e Alberto Suppa, già assessore per il Comune di Muggiò.
Si conferma – come abbiamo già detto – la natura tutta partitica (ed opaca aggiungiamo adesso) di una operazione giocata sugli interessi dei cittadini…. a prescindere dal colore del braccialetto indossato dal Sindaco.

Posted in Muggiò, Politica | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , , | 1 Comment »

MUGGIÒ CITTÀ SOLIDALE…MA LAICA

Posted by PRC Muggiò su martedì 13 ottobre 2015

Siamo alle fasi operative del fondo “Muggiò città solidale, una iniziativa voluta dal PD muggiorese – attuata dall’Amministrazione – a favore dei cittadini che versano in stato di disagio socio-economico e/o di bisogno.

FondosolidaleIl fondo, che è una novità veramente positiva per la città di Muggiò, parte con una dotazione economica pubblica del 95,4%…. e confessionale del 4,6%.

La quota pubblica iniziale destinata al fondo ammonta infatti a 41.242,88€ (dei quali ben 31.439,94€ provenienti dai fondi che i cittadini hanno destinato al comune con il loro 5Xmille, ed i rimanenti 9.802,94€ provenienti dalla auto-riduzione degli emolumenti di Sindaco e Giunta municipale).

Per contro gli altri promotori del fondo

  •  Parrocchia Santi Pietro e Paolo, Parrocchia San Carlo Borromeo, Parrocchia San Francesco d’Assisi, Parrocchia San Giuseppe Taccona,
  • Associazione S. Vincenzo Taccona e S. Vincenzo S. Carlo, “Conferenze” locali appartenenti all’Associazione Società di San Vincenzo De Paoli Consiglio Centrale di Monza

contribuiscono alla dotazione economica iniziale con soli 2.000€ (cumulativi tra tutti loro).

Da notare che la dotazione pubblica, in virtù della auto-riduzione degli emolumenti di Sindaco e Giunta è destinata ad incrementarsi di non meno di 12.000€ annui.

Ciò premesso destano stupore le modalità gestionali e di trasparenza che l’Amministrazione ha sottoscritto con i rappresentanti delle Parrocchie e delle San Vincenzo.

Modalità gestionali

  • Il fondo “Muggiò Città Solidale” è retto da un Consiglio di Gestione composto al 25% dalla parte pubblica e al 75% da quella confessionale (4 membri di cui uno in rappresentanza dell’Amministrazione e 3 in rappresentanza di Parrocchie e San Vincenzo di Monza).
  • Il conto corrente dove affluiscono i contributi è intestato al Legale Rappresentante del Consiglio Centrale Monza della San Vincenzo
  • Il Tesoriere è nominato dalla San Vincenzo di Monza
  • Alla scadenza del Fondo il Consiglio di Gestione deciderà la destinazione sociale della eventuale somma giacente
  • È istituita una Commissione per l’attività del Fondo composta al 20% dalla parte pubblica e al 80% da quella confessionale (5 membri di cui uno in rappresentanza dell’Amministrazione e 4 in rappresentanza di Parrocchie e San Vincenzo)
  • La Commissione opera sulla base del suddetto Regolamento e riferisce trimestralmente al Consiglio di Gestione
  • I cittadini che sono in stato di disagio e vorrebbero chiedere un sostegno economico telefonano ad un numero della Commissione (presumibilmente della San Vincenzo) ed espongono il loro caso

Trasparenza del Fondo

  • Il Consiglio di Gestione redige ed approva il Regolamento per l°attività del Fondo,
  • Il Consiglio di Gestione verifica l’attuazione del Regolamento da parte della Commissione ed apporta le eventuali modifiche al Regolamento stesso
  • Non è dato sapere se il Regolamento sarà reso pubblico
  • Non è dato sapere se ci sarà o meno un registro delle telefonate ricevute
  • Non è dato sapere se gli elenchi dei beneficiati, con i relativi importi, sarà reso pubblico
  • Non c’è menzione di controlli degli uffici pubblici né sui contenuti né sull’attuazione del Regolamento, così come non c’è menzione di alcuna rendicontazione da fornire ai pubblici uffici

Attenzione, lo stupore non è un giudizio prevenuto dell’iniziativa (che ribadiamo qui di apprezzare nella sostanza).

Lo stupore nasce dal constatare l’ incapacità degli Amministratori locali di assumersi la responsabilità di organizzare un servizio pubblico capace di intervenire efficacemente sui fenomeni di povertà e disagio che vengono invece delegati alle associazioni cattoliche.

Lo stupore nasce dal constatare che agli occhi dei cittadini in condizione di rischio di povertà, che lo costringe a chiedere letteralmente la carità, l’ente pubblico non esisterà; esisterà la parrocchia che può erogargli quel sussidio o integrazione che i Servizi Sociali gli negano.

Passato lo stupore, quindi, chiediamo per il fondo “Muggiò città solidale” la massima laicità e trasparenza amministrativa, ad esempio fissando nel Regolamento che i cittadini che chiedono a qualsiasi titolo di accedere alle prestazioni del fondo siano tenuti a contattare esclusivamente i Servizi Sociali i quali, dopo aver verificato le problematiche, la sussistenza dei requisiti e l’impossibilità a intervenire direttamente, attivano la collaborazione del fondo e ne monitorizzano le pratiche.

Sono gli oltre 31.000€ del 5Xmille dei cittadini che richiedono la massima trasparenza amministrativa, a prescindere dal colore dei braccialetti che indossa il Sindaco.

Posted in Muggiò | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , , | Leave a Comment »

Goodbye and Goodluck

Posted by PRC Muggiò su mercoledì 23 settembre 2015

IL TAGLIO DEI SERVIZI SANITARI COLPISCE ANCHE MUGGIÒ E IL SINDACO PROTESTA…MA CONTRO CHI?

L’UONPIA di Muggiò (Unità Operativa di Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza) ha chiuso i battenti, si trasferisce a Desio.

È arrivata come un fulmine a ciel sereno, a fine agosto, la notizia che la neuropsichiatria infantile, che ha in carico i bambini di 200 famiglie, viene ricollocata a Desio in conformità ad un piano di ristrutturazione più ampio dell’Azienda Ospedaliera .

spending-review-sanita_01La mobilitazione dei genitori ha indotto anche i rappresentanti istituzionali ad esprimersi: sono state presentate delle interrogazioni in Regione dal M5S e dal PD. Il Sindaco Maria Fiorito ha espresso più volte la sua contrarietà al trasferimento.

Rifondazione Comunista si unisce allo sdegno e alla preoccupazione di tante famiglie e tanti ragazzi che da un giorno all’altro vedono sparire dal proprio territorio un servizio così delicato nel sostegno ai bambini che soffrono di disturbi di questa natura.

Non è accettabile ridurre i servizi, creando disagi e danni e per di più dandone scarsissimo preavviso, sulla base si sole valutazioni ragionieristiche.

Ma la riflessione deve essere più ampia.

Il manager dell’Azienda Ospedaliera ha chiaramente dichiarato che il progetto ha una genesi di vecchia data e non c’è nulla di nuovo sotto il cielo.

Stiamo “solo” assistendo al realizzarsi di un’opera imponente quanto discriminante di razionalizzazione dei servizi sanitari in Lombardia.

Maroni, sostenuto dalla Lega Nord e dalle destre, applica senza fiatare e senza nessuna analisi di merito sui “danni collaterali” che vengono arrecati agli utenti, i diktat di riduzione della spesa pubblica, in particolare nella sanità.

Tagli le cui linee guida sono già state dettate a livello nazionale da governi di destra ai tempi di Berlusconi e Lega, da Renzi e PD adesso.

Muggiò non è un’isola felice.

Anche la nostra città inizia a subire il contraccolpo di questi attacchi al sistema dei servizi pubblici. Una politica dannosa, che va combattuta per riaffermare il diritto ad una sanità pubblica e universale.

Ma qualcosa stride nelle dichiarazioni politiche locali…

L’ipocrisia è insopportabile: chi a livello nazionale teorizza e applica i criteri della spending review, a livello locale partecipa ai presidi contro i suoi effetti dannosi.

Il PD segue le linee marcate dalla destra nei tagli alla spesa pubblica e il Sindaco di Muggiò scende in piazza a protestare…

A questo punto se il Sindaco non è in grado di difendere i servizi pubblici di Muggiò è meglio che si dimetta.

Rifondazione sostiene la battaglia per la difesa dei diritti, chiamando a raccolta chi non ne può più di tutta questa ipocrisia.

Posted in Muggiò | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , , , , , , | Leave a Comment »

“Una costruzione nel nulla”

Posted by PRC Muggiò su giovedì 2 luglio 2015

Muggiò – Fallimento del Magic Movie. Tornano in Tribunale Lo Mastro, Zaccaria e Firmano

di Pier Attilio Trivulzio

imageEsattamente dieci anni fa di questi tempo il multiplex pomposamente battezzato Magic Movie Park spegneva i 15 schermi e al piano -5 dello “scatolone” costruito dentro al parco del Grugnotorto arrivarono i commercianti cinesi. Portati da Song Zhicai e Patrizio Coppola che nello studio del notaio Luciano Quaggia avevano dato vita alla società “Cinamercato srl”. Song Zhicai possedeva un grande, fatiscente centro commerciale dietro la stazione ferroviaria di Napoli. Voleva affittare il Magic Movie; ma Felice Vittorio Zaccaria – procuratore di Tornado Gest – gli disse che no, l’immobile – inaugurato da soli sei mesi e che mai aveva acceso tutti gli schermi – era in vendita.

Il cinese versò 2,2milioni di euro e da quel momento fu costretto a fare i conti con Saverio Lo Mastro e Rocco Cristello che da un anno con la società Valedil (di Lo Mastro, Cristello e Andrea Simone Zaccaria), erano subentrati alla Coel per completare i lavori del multiplex. Dentro il Magic Movie Park aveva già messo radici la n’drangheta. Il padre di Cristello era andato anche lui dal notaio Quaggia per costituire “Cinamercato a Milano srl”, successivamente trasformata in “New Las Vegas srl”.

Felice Vittorio Zaccaria, padre di Andrea Simone, aveva fissato a 40milioni il prezzo dell’immobile. Prese un pacco di cambiali firmate da Rocco Cristello, girate ai fornitori che avevano lavorato per erigere il multiplex, finite tutte in protesto e per qualche mese gli affitti dei commercianti cinesi. Poi gli schiaffi. Le quote di Tornado Gest in mano alla Sef della famiglia Firmano passarono a Saverio Lo Mastro che nel maggio 2006 ne divenne amministratore.

Gennaio 2007 il Tribunale di Monza dichiara il fallimento di Tornado Gest.

Il processo con Italo Ghitti che legge la sua ultima sentenza prima di lasciare Monza per trasferirsi al Tribunale di Piacenza condanna Felice Vittorio Zaccaria 5 anni e la moglie, Aldina Stagnati, a 4 anni. Davanti al Gip Claudio Tranquillo Saverio Lo Mastro aveva patteggiato 4 anni, Stefano Firmano 3 anni.

Ora, sempre per il fallimento di Tornado Gest il Collegio 2 composto da Airò, Barbara e Sechi sta processando l’ex direttore di Banca Intesa di Cinisello Balsamo Giancarlo Garavaglia (difeso dall’avvocato Giuseppe Pezzotta) e Angelo Bartone, amministratore della società Hipponion (difensori avv.i Valaguzza e Maria Traverso).
Martedì 30 giugno a testimoniare il collegio ha chiamato Saverio Lo Mastro, Felice Vittorio Zaccaria e Stefano Firmano.

Lo Mastro che ha patteggiato 4 anni per Tornado Gest, nell’aprile 2009 ha accumulato un’altra condanna a 4 anni per bancarotta fraudolenta per distrazione della “Lo Mastro Costruzioni” fallita nel 2003, deve rispondere di truffa a società telefoniche ed era stato arrestato nel gennaio 2012 a Vibo Valentia su ordine della Procura di Monza, adessso si trova – incredibile ma vero – ai domiciliari a Nova Milanese presso l’abitazione del fratello e potrà raggiungere il Tribunale di Monza senza l’accompagnamento dei carabinieri!

Nel corso dell’ultima udienza il maresciallo Antonio Carotenuto della Guardia di finanza di Monza, su domande del pubblico ministero Donata Costa ha ricostruito la genesi dell’indagine partita da una ipotesi di bancarotta e sviluppatasi poi nella triangolazione Tornado Gest-Sef-Coel per recuperare quel finanziamento soci, rivelatosi fittizio, che Mediocredito aveva richiesto per erogare 18 milioni di euro (17,5 versati) necessari per la costruzione del multiplex di Muggiò sul terreno acquistato da Zaccaria per 1,6 miliardi di lire.

L’arrivo della Valedil di Lo Mastro Cristello è stata la chiave di volta per gestire il riciclaggio di soldi della n’drangheta”, ha spiegato il teste ricordando il lavoro di monitoraggio effettuato al “Giardino degli Ulivi” di Carate.

Il Giardino era di fatto il centro della n’drina che Rocco Cristello si era creato. E’ qui che avvenivano i summit, da noi seguiti grazie all’installazione di telecamere e cimici per captare le conversazioni. Dopo l’arresto l’8 luglio 2006 e alcuni mesi di carcere a Monza, Cristello era stato dimesso in regime di semilibertà e affidato durante il giorno al Giardino degli Ulivi”.

E’ al “Giardino degli Ulivi”, gestito da Tommaso Calello, che Lo Mastro, Antonio Stagno, Antonino Belnome, Salvatore Strangio e Andrea Pavone s’incontravano; all’indomani dell’uccisione di Rocco Cristello (27 marzo 2008) davanti alla sua villetta di Verano Brianza la perquisizione del “Giardino” porta a scoprire, sotterrato, un vero e proprio arsenale d’armi.

Riferisce anche dell’attività tecnica svolta nel novembre 2007 nei confronti di Giancarlo Garavaglia . “L’attività è durata poco. Garavaglia non era più dipendente di Banca Intesa, si occupava di tre società, che operavano nel settore immobiliare. Unici elementi di rilievo le conversazioni con Marika Vassalli (vice direttrice ex collega, anch’essa poi dimessasi dalla banca – ndr) durante le quali parlano di Tornado Gest, di Coel e della società Delle Grazie. Garavaglia cercava la documentazione. Che è sta stata da noi trovata ed acquisita presso la sua abitazione e le società che fanno riferimento a lui”.

Donata Costa, che sostiene la pubblica accusa, chiede al maresciallo Carotenuto di spiegare il ruolo di Angelo Bartone. “Era titolare di una società che si occupava di movimento terra, nel 2006 era stato nominato amministratore unico della Hipponion srl, carica passata l’anno dopo a Saverio Lo Mastro nato a Vibo Valentia”. “Hipponion è l’antico nome della località che dal 1932 ha avuto la denominazione latina di Vibo Valentia”, chiosa il presidente Giuseppe Airò.

Tornado Gest ha accumulato un passivo di 52milioni di euro”, esordisce Emanuele Gentili, uno dei curatori nominati dal Tribunale che hanno fatto un lavoro certosino di controllo dei conti, spesso ritrovandosi con documenti mancanti. “Sull’immobile c’è un credito ipotecario di 18 milioni generato da un contratto del 2003 che prevedeva un’ipoteca sul terreno. Il Comune di Muggiò è tra i creditori privilegiati. La Cassazione è stata chiara in merito. Finanziamento soci? Tornado Gest aveva un socio unico: la Sef che non aveva nulla e non era in grado finanziare. Mediocredito però aveva posto una precisa clausola: aveva chiesto ai soci il finanziamento di 10milioni. Dalle verifiche è risultato che esisteva una vera e propria triangolazione: c’era interrelazione tra Tornado Gest, Sef e il fornitore Coel. In più occasioni Tornado Gest faceva affluire risorse proprie come pagamento fatture pagate con Riba e bonifico. Abbiamo scoperto estratti conti non veritieri di Banca Intesa filiale di Cinisello dove direttore era Garavaglia e Tornado Gest, Sef e Coel avevano i loro conti”.

Il pm chiede a quanto ammonti il passivo della Hipponion. La risposta è: “Stranamente Hipponinon non è fallita”, risponde Ester Palermo che con Emanuele Gentili e Maurizio Oggioni ha avuto l’incarico dal Tribunale. E racconta di quell’incredibile falso ordito da Saverio Lo Mastro per entrare nel fallimento con una falsa cambiale da 10milioni di euro.
Avremmo ammesso la Sef al chirografaro per 9.936.535 euro e però non essendoci il documento originale e la fideiussione bancaria l’avevamo ammessa al chirografo postergato per 7.800.000 euro. Il 5 maggio 2008 Hipponion s’insinua nel fallimento vantando un credito di 10 milioni. Abbiamo chiesto la cambiale originale e l’abbiamo chiusa in cassaforte. Emerge che il 18 maggio 2006 Lo Mastro acquista il 100% delle quote Sef e amministra Tornado Gest. Ci siamo rivolti alla Guardia di finanza per capire quale rapporto causale c’era tra Hipponion e Sef. Ci arriva una lettera firmata da Angelo Bartone, non sottoscritta da Saverio Lo Mastro, nella quale si dice “che il titolo cambiario è a totale ristoro delle cifre elargite”e che “Hipponion riceve il titolo cambiario di 10 milioni da Tornado Gest che era presso Sef”.

Ad un attento esame della Gdf la lettera firmata da Bartone presenta il timbro della posta di Muggiò contraffatto. “Per quale motivo Hipponion attende oltre i termini per insinuarsi nel fallimento? Ci siamo posti la domanda ben sapendo che Hipponion non aveva rapporti di lavoro con Tornado Gest e quindi abbiamo interessato il giudice delegato affinché venisse verificato il titolo che, stranamente, non aveva assolta l’imposta di bollo. Il risultato: la cambiale era una fotocopia! In seguito è saltato fuori l’originale che comunque non era titolo esecutivo non essendo stata pagata l’imposta di bollo. Nè Sef né Hipponion sono state poi ammesse al passivo” testimonia Emanuele Gentili.
Guido Zambetti si è occupato del fallimento della società Coel. Depone in aula.
Coel è fallita il 9 novembre 2006, un anno prima di Tornado Gest lasciando un passivo di 38milioni. L’amministratrice Paola Baitieri e Giovanni Bono hanno patteggiato mentre Carlo Alberto Longo ha avuto la pena di 3 anni e 6 mesi (a cui si è aggiunta quella per la vicenda Blu Call -ndr) che la Corte di Cassazione ha confermato. Di fatto Coel grazie al gioco delle doppie Riba ha finanziato il socio Sef Tornado Gest per 10.129.000 euro che in realtà erano 5.022.000. E non ha pagato 2milioni di euro di lavori fatti nel multiplex e con altre società di Felice Vittorio Zaccaria. Acquario Gest, Palazzo dei Conti Taccona e Delle Grazie”.

Chiede Donata Costa se c’erano anomalie nei pagamenti anche in altre società di Zaccaria. Risposta: “Sì, in Acquario Gest. Che aveva un consulente mai identificato”. Il legale di Garavaglia chiede: “Questo consulente poteva essere Gerosa?”. “No. Il soggetto che io ho incontrato appena insediato nel fallimento presente Giuseppe Bono non era Gerosa. Era persona che aveva forti aderenze con le banche ed aveva costruito un complesso immobiliare a San Govanni Bianco mai completato e da anni abbandonato”.

Si scopre poi che questo factotum è Maurizio Cerea, già chiamato a deporre nel fallimento con Tornado Gest dal pubblico ministero Giordano Baggio.

Concordi i curatori e il consulente della Procura col presidente Giuseppe Airò che chiede: “A vostro giudizio questa operazione del multiplex di Muggiò non doveva proprio partire perchè non c’era nulla di imprenditoriale in questa operazione”. “” è la lapidaria risposta.

Tornado Gest non aveva mai costruito prima, non aveva soldi. Zaccaria non aveva ancora firmato la convenzione con il Comune, non c’era la strada per raggiungere l’immobile. Una costruzione nel nulla”.

Posted in Ambiente, Muggiò | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Leave a Comment »

Giornalino del PRC Muggiò giugno 2015

Posted by PRC Muggiò su martedì 23 giugno 2015

giornalinoGIUGNOprc3-Pagina001

Clicca sull’immagine (oppure qui) per leggere il giornalino completo

Posted in Politica | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , | Leave a Comment »

Eccolo di nuovo, il multiplex!

Posted by PRC Muggiò su martedì 16 giugno 2015

MuggioApprendiamo da notizie di stampa (C.d.S. del 24/5/15) che sul tavolo dell’Amministrazione Comunale muggiorese ci sono 4 proposte di riutilizzo del Multiplex Magic Movie:

  • Campus Universitario
  • Parco giochi per bambini
  • Cittadella dello sport
  • Outlet commerciale

Dopo 11 anni di spreco di denaro e risorse pubbliche, si tenta di riesumare un cadavere di cemento che non avrebbe ma i dovuto vedere la luce.

Rifondazione Comunista è sempre stata per un riuso pubblico della struttura ma nessun organismo pubblico si è mai proposto per il suo riutilizzo.

Alcune proposte potrebbero essere anche interessanti, ma tra il progetto, la realizzazione pratica e la gestione c’è sempre di mezzo il … mare.

Anche perché con la modifica dei vincoli previsti dal P.G.T. per quell’area, deliberati dalla precedente Giunta Zanantoni e mai revocati, c’è il pericolo di un notevole aumento di volumetrie.

Riappare poi tra le proposte quella di un uso commerciale dell’immobile con ciò che ne consegue.

Tale ipotesi, esclusa finora dalla convenzione comunale in essere, si scontrerebbe anche con la moratoria regionale all’apertura di nuovi centri commerciali in atto.

Vogliamo rischiare di vedere attuato l’unico progetto fattibile (e decisamente non interessante né utile), e cioè il centro commerciale?

Comunque si concluda la vicenda, resta sempre da stabilire che tipo di risarcimento avranno Muggiò e i suoi cittadini alla fine di questa sciagurata avventura, voluta da politici miopi e speculatori arroganti, che ha arrecato solo danni alla comunità cittadina.

Quando il Comune siederà al tavolo per scrivere una nuova trattativa col privato sarebbe segno di responsabilità e intelligenza fare proprie alcune richieste e proposte che abbiamo anche scritto nel programma elettorale, come la copertura del tetto con pannelli fotovoltaici oppure l’interramento di metà dei parcheggi per ridare uno spazio verde al Parco oppure ancora utilizzare i parchegghi nell’ottica di un interscambio con la metrotramvia.

ULTIME NOTIZIE DA Infonodo.org: Muggiò – Confermata in appello la condanna a Felice Zaccaria per il fallimento di Tornado Gest – 15/06/2015

Posted in Ambiente | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , , , , , , | Leave a Comment »

PANEM ET CIRCENSES

Posted by PRC Muggiò su sabato 23 maggio 2015

Intervista al segretario FLAI-CGIL di Monza e Brianza – Matteo Casiraghi, a cura del Partito della Rifondazione Comunista di Muggiò.

flai_cgil-2Ne è passato di tempo dal 2013, quando al Gruppo Novelli venne assegnata la gestione della Panem di Muggiò, con lo scopo di garantire la continuità produttiva e lavorativa.

Gestione che però ha visto brusche frenate dal Gruppo stesso che ha ostacolato in parte il piano industriale che oggi – pare – stia dando alcuni risultati.

“Il caso della Panem – afferma il segretario provinciale Flai-Cgil Matteo Casiraghi – non ha precedenti in Italia. La cassa integrazione per esempio è durata ben 5 anni e lo scorso anno è stata rinnovata dopo il suo esaurimento”.

Nel dicembre di quest’anno scadranno i mandati dei tecnici che avrebbero dovuto risollevare l’azienda, ma allo stato di cose attuali non si esclude che il prossimo anno veda l’ingresso di finanziarie e banche se non si presenteranno industriali convinti ad investire.

Il rischio è l’ennesima esternalizzazione della produzione, e qui i giochi si possono fare duri, panem et circenses appunto, “pane e giochi”.

Su oltre 100 dipendenti almeno il 20% è composto da muggioresi. Alcuni sono andati in pensione, altri cercano lavoro, molti restano attivi nella Rappresentanza Sindacale Unitaria, la situazione sembra però ormai meno critica rispetto agli anni passati, opinione condivisa anche dal sindacalista Cgil: “da settembre non ci sarà più cassa integrazione, anche grazie al fatto che la produzione è pressoché raddoppiata”.

Rimane un’incognita, uno scoglio che i lavoratori dovranno ancora superare, e cioè quel che avverrà nel gennaio 2016, quando scadrà il mandato dei tecnici – che, come ricordato prima, gestiscono di fatto il piano industriale.

“I lavoratori ed il sindacato chiedono tutele, la tenuta del lavoro è imprescindibile”, queste le richieste che arrivano dalla Flai, richieste che erano state esposte già un paio di anni fa alla Amministrazione Comunale guidata dal centrodestra, che ha lasciato cadere nel nulla questa voce collettiva.

logo“Bisogna parlare della Panem – continua Casiraghi – i lavoratori non devono più sentirsi soli, isolati dal paese”. Per di più la crisi ha costruito nuovi problemi sociali per i lavoratori cassaintegrati, il mutuo, l’affitto, la scuola dei figli e la spesa…urgenze quotidiane a cui far fronte.

Da questa intervista la proposta di Rifondazione: se i lavoratori sono soli vanno riconnessi col tessuto cittadino e amministrativo, il comune potrebbe perciò essere promotore nelle molte feste di quartiere che organizza, di uno spazio riservato alle aziende locali in crisi – tra cui Panem – per creare coscienza tra i cittadini, dare nuovi spazi sociali ai lavoratori e contribuire ad affrontare la crisi assieme ai lavoratori e alle piccole-medie aziende. Una proposta del genere nasce dall’evidenza dei fatti, buona parte delle aziende presenti sul nostro territorio hanno chiuso: Kerry, Meroni, Officine Monzesi…solo per citarne alcune.

La proposta dovrebbe partire in prima battuto dal sindacato stesso, impegnato nella difesa dei diritti dei lavoratori, diritti sotto attacco da tutti i fronti, in particolare dalle manovre economiche nazionali.

Noi non vogliamo stare a guardare né vogliamo tantomeno tacere sui delitti perpetrati dal Governo Renzi a danno del lavoro, dallo smantellamento dello Statuto dei Lavoratori, al demansionamento, alla legalizzazione e proliferazione della precarietà, soprattutto giovanile, al Jobs Act, all’attacco ai sindacati: il lavoro non è una merce, è un diritto!

Posted in Lavoro, Muggiò | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Leave a Comment »

Via De Nicola ha fatto scuola; trova la differenza…

Posted by PRC Muggiò su lunedì 18 maggio 2015

In perfetta continuità con la precedente amministrazione di destra anche l’Amministrazione Fiorito non può farsi mancare il suo edificio alto ma non alto, con le finestre ma senza finestre, che eccede la volumetria consentita ma che non la eccede, che non è condonato ma che forse sarà necessario condonare, che ha il sottotetto ma che non ha il sottotetto, che è stato autorizzato ma che non è a norma, che non è abitabile ma che sarà abitabile…

Sottotetto costruito nuovo con le finestre murate, in attesa di cambio di destinazione d'uso

Sottotetto costruito nuovo con le finestre murate, in attesa di cambio di destinazione d’uso

Posted in Ambiente, Muggiò | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , | Leave a Comment »

Regolamento per la concessione di contributi e sussidi economici di Muggiò; un grave errore che causa una forte ingiustizia

Posted by PRC Muggiò su venerdì 31 ottobre 2014

Nel novembre 2009 la ex-Giunta di destra ha deliberato una versione del “Regolamento per la concessione di contributi e sussidi economici a persone fisiche” che criticammo ampiamente e sul quale proponemmo diversi emendamenti migliorativi (vedi qui); Tutte le proposte furono bocciate da PDL, Lega Nord e Brianza 2009, con l’astensione di PD e Lista Fossati (oggi lista Insieme per Muggiò). Assurda fu la posizione del PD che nel 2004 aveva votato contro il precedente regolamento sebbene fosse migliore della versione votata nel 2009.

A distanza di anni emerge però un ulteriore e grave errore in quel regolamemento, un errore a danno di uno dei soggetti più deboli destinatari degli interventi di sostegno, i disabili.

disabileLa vicenda è tecnicamente complessa e nasce dalla traduzione in atti amministrativi dei Decreti Legislativi 109/1998 e 130/2000 dove si fissano “criteri unificati di valutazione della situazione economica di coloro che richiedono prestazioni o servizi sociali o assistenziali non destinati alla generalità dei soggetti” (leggasi criteri ISEE  per accedere ai servizi sociali individuali). La normativa nazionale, art. 3 comma 2ter, recita: “Limitatamente alle prestazioni sociali agevolate assicurate nell’ambito di percorsi assistenziali integrati di natura sociosanitaria, erogate a domicilio o in ambiente residenziale a ciclo diurno o continuativo, rivolte a persone con handicap permanente grave, … omissis …, nonchè a soggetti ultrasessantacinquenni la cui non autosufficienza fisica o psichica sia stata accertata dalle aziende unità sanitarie locali, … omissis … al fine di favorire la permanenza dell’assistito presso il nucleo familiare di appartenenza e di evidenziare la situazione economica del solo assistito, anche in relazione alle modalità di contribuzione al costo della prestazione, … omissis”
Cosa vuole dire questo testo di legge? Vuole dire che per le persone con handicap grave necessarie di permaenza diurna o continuativa  in RSA, comunità alloggio e similari, il reddito ISEE da considerare è quello personale del singolo assistito e non quello familiare.

Su questo testo negli ultimi 5 anni si sono scontrate nelle aule dei tribunali amministrativi le ragioni delle famiglie con soggetti portatori di handicap contro le interpretazioni delle Amministrazioni Locali che hanno ignorato quel testo e continuato a computare all’interno dei requisiti ISEE i redditi di tutti i membri del nucleo familiare. Ma di recente è intervenuta una sentenza del Consiglio di Stato (la n. 05355/2013) che censura l’illegittima richiesta dell’Amministrazione di considerare il cumulo dei redditi familiari al posto del reddito personale del singolo assistito.

Torniamo ora al regolamento per la concessione di contributi e sussidi economici di Muggiò, anche a seguito delle giuste rimostranze di alcuni concittadini che si sono rivolti a noi lamentando la mancata applicazione delle norme nazionali.

Rileviamo che effettivamente nè la formulazione dell’ articolo 17 (Interventi economici per la fruizione di servizi residenziali per anziani e diversamente abili), nè quella dell’articolo 18 (Interventi di residenzialita’ temporanea) del nostro regolamento hanno in alcuna considerazione il diverso metodo di calcolo del requisito ISEE che deve essere applicato in questi casi.

C’è inoltre un ulteriore e delicato aspetto che deve essere chiarito nel nostro regolamento in merito ai documenti da allegare alla domanda di contributo , infatti il nostro art. 17 recita: “Il richiedente per accedere alla prestazione ha l’obbligo di dimostrare di avere richiesto innanzitutto ai propri familiari (per la definizione dei quali si rimanda ai precedenti artt. 11 e 12) gli alimenti per far fronte alla propria situazione di difficoltà economica. Insieme alla domanda di accesso ai benefici economici, il richiedente pertanto deve presentare idonea dichiarazione dei tenuti per legge attestante l’impegno a partecipare al progetto di aiuto, secondo le rispettive possibilità economiche, da definire successivamente sulla base del minimo vitale

Quando, per contro, la citata sentenza del Consiglio di Stato testualmente recita:  “Inoltre, proprio perché la disciplina in esame è diretta ad individuare solo un metodo di calcolo del reddito dell’avente diritto alla prestazione, essa non può essere interpretata nel senso di dilatare il novero dei soggetti obbligati a sostenere le spese della prestazioni erogate al disabile, ed in particolare non consente di considerare obbligati altri familiari. Insomma, obbligato al pagamento può essere ritenuto solo il soggetto che riceve la prestazione anche se il suo reddito viene calcolato con riferimento alla sua situazione familiare (cfr. Tar Lombardia Milano, sez. I, 7 febbraio 2008, n. 291). Ecco, allora, che la presenza di obbligati agli alimenti può rilevare ai fini del calcolo dell’ISEE familiare del disabile, ma non può integrare una causa di esclusione dal beneficio, come invece previsto dal regolamento impugnato.

 

Abbiamo già detto che nel 2009 l’Amministrazione Comunale votò un regolamento peggiore di quello in vigore nel 2004. Adesso, dopo i rilievi del Consiglio di Stato, non capiamo cosa si stia aspettando per correggere le norme illegittime presenti nel regolamento e sospendere le scorrette modalità applicate fino ad oggi dai servizi sociali.

Se negli scorsi anni si poteva avanzare un pretestuoso dubbio interpretativo, oggi non ci sono più alibi, ed ogni mese che passa è una colpevole vessazione nei confronti di una delle fasce più bisognose della nostra società.

Posted in Muggiò, Società | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , , , , , , | Leave a Comment »

Dopo i primi mesi di amministrazione Fiorito i voti alla maestra li diamo noi (Il Giornale di Monza, martedì 28 ottobre 2014).

Posted by PRC Muggiò su giovedì 30 ottobre 2014

154543_848188845232195_552424678807485270_n

Posted in Muggiò, Politica | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , , , , , | Leave a Comment »

La cura dei beni comuni per l’amministrazione Zanantoni

Posted by PRC Muggiò su venerdì 2 maggio 2014

Ecco lo stato indecente in cui questa Amministrazione ha ridotto gli alloggi comunali.
Da quando si è insediata nel 2009, su questo stesso immobile, la giunta Zanantoni rinvia il rifacimento delle canne fumarie (che pure era già stato finanziato dalla precedente Amministrazione) esponendo gli assegnatari ai rischi conseguenti alla presenza di strutture non a norma di legge.

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Posted in Muggiò, Politica, Società | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , | Leave a Comment »

Lutto per la morte del partigiano Carlo FANTIN

Posted by PRC Muggiò su mercoledì 9 aprile 2014

I partigiani Margherita Redetti e Carlo Fantin

I partigiani Margherita Redetti e Carlo Fantin

  Esprimiamo cordoglio per la scomparsa del partigiano Carlo Fantin e solidarietà ai suoi familiari.

  Dopo l’otto settembre 1943, seguito dallo sbandamento dell’esercito nazionale, nel marzo del 1944 Carlo si unisce ad un battaglione partigiano di Giustizia e Libertà con il nome di battaglia “SCAFFA”, e lì combatte per la Libertà fino al 25 aprile 1945.

  Rifondazione Comunista lo ricorda con gratitudine oltre che per aver partecipato alla lotta di Liberazione, anche perchè ha sempre contribuito a mantenere vivo presso le generazioni che si sono soccedute lo spirito antifascista che lo ha animato.

 

Posted in Muggiò, Società | Contrassegnato da tag: , , , , , , | 1 Comment »

Sono questi gli “amministratori” della cosa pubblica che si candideranno alle prossime elezioni comunali?

Posted by PRC Muggiò su sabato 1 marzo 2014

Costretta” dalle nostre continue interpellanze e pressioni politiche in Consiglio Comunale,

l’Amministrazione Zanantoni ha avviato il recupero delle somme indebitamente percepite dal CDA dell’Azienza Multiservizi a seguito della delibera di Giunta n. 36 del 22-03-2011.

L’ironia del termine “costretta” è legata alla celerità con cui stanno recuperando i soldi della collettività, evidentemente una incombenza che non è  ai primi posti delle priorità delle amministrazioni guidate da Zanantoni visti i tanti danni apportati alla citta e la lena con cui si è poi mossa per porre un qualche rimedio (mancata realizzazione del Campo 25 Aprile o della piazza Fillattice, Multiplex nel Grugnotorto, appalto rifiuti a Gelsia… tanto per fare alcuni esempi).

Arretrati Multiservizi

Con l’ultima richiesta sui compensi non dovuti al CDA della Multiservizi si scopre che a TRE ANNI dall’inizio della vicenda solo uno dei cinque componenti di quel CDA ha restituito integralmente all’Azienda quei compensi, mentre gli altri 4 devono ancora restituire la bellezza di quasi 10.000€!

Attenzione! Oltre allo scontato Zanantoni è possibile che qualcuno di questi “solerti” amministratori della cosa pubblica abbia il coraggio di candidarsi alle prossime elezioni comunali.

VOTATELI, LORO E LE LISTE CHE LI DOVESSERO CANDIDARE… SE VOLETE FARVI DEL MALE!

Posted in Muggiò, Politica | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , | Leave a Comment »

Fermate quella oratrice!

Posted by PRC Muggiò su giovedì 6 febbraio 2014

Il 16 febbraio si celebra il Giorno del Ricordo.

L’amministrazione comunale, non sappiamo se per dabbenaggine oppure per voluta strumentalizzazione di una giornata di riflessione su un periodo funesto della storia italiana, mette in campo una manifestazione pubblica nella quale interverranno esponenti nostalgici dell’oppressione nazifascista, con l’effetto pratico di riabilitare l’ideologia degli irriducibili fascisti che dall’8 settembre 1943 fino alla giornata della Liberazione hanno combattuto a fianco dei tedeschi contro le forze alleate e partigiane.

Ci riferiamo in particolare al ruolo pubblico svolto dalla signora Francesca Montagni Marchiori, che svolge con sollecitudine e vivo attivismo il ruolo di Vicepresidente dell’Associazione Battaglione Bersaglieri Volontari “Benito Mussolini”, ed in tale veste animatrice di siti internet dove si tramanda l’ideologia dell’estrema destra che tanti lutti ha prodotto a centinaia di migliaia di italiani.

La signora Francesca Montagni Marchiori, in qualità di Vicepresidente dell’Associazione Battaglione Bersaglieri Volontari “Benito Mussolini”, è intervenuta più volte nella pagina che l’Associazione Nazionale Bersaglieri ha, incautamente secondo noi, riservato a questo Battaglione nero (http://www.bersaglieri.net/default.aspx?S=1&L=1&D=293&idF=17&idM=62936 ), pagina che getta discredito agli innumerevoli meriti acquisiti in ben altre situazioni e con ben altre finalità dal Corpo dei Bersaglieri.

In questa pagina internet troviamo le motivazioni “simboliche” che hanno portato alla costituzione di questo Battaglione nero:

Questi ragazzi poi erano stati cresciuti nel sogno dell’uomo nuovo e della grande Nazione, non hanno potuto sopportare il tradimento di Casa Savoia e hanno portato fino all’estremo sacrificio il loro giuramento. Loro hanno tutto il mio amore, la mia stima e la mia missione” scrive accorato il Presidente dell’Associazione Battaglione “Benito Mussolini”, e successivamente, lo stesso Presidente dell’ Associazione Battaglione “Benito Mussolini” ricostruisce la nascita del Battaglione ripercorrendo le vicende del fondatore con queste parole:

Veneziano di nascita, volontario a 18 anni nella guerra di Spagna e poi in un Battaglione “M” nella Seconda Guerra mondiale, Cozzarini, sorpreso a Milano dall’armistizio e rientrato immediatamente nella sua caserma di Caserta, che trovò deserta, non si rassegnò agli eventi e riuscì a raccogliere attorno a se militari sbandati e volontari di ogni età ed estrazione, prima formando un plotone, poi una compagnia, infine – con una forza di circa 700 uomini – un Battaglione, denominato poi anch’esso Battaglione Mussolini, inquadrato nelle Forze armate tedesche, e impiegato nel settore operativo Falciano – Mondragone.

Ma al di la delle vicende specifiche del Battaglione “Benito Mussolini”, la signora Marchiori, sempre in veste di Vicepresidente, in occasione della morte del ex “presidente onorario” dell’Associazione di volontari “Benito Mussolini”, il 13 Agosto 2013 non ha mancato di far avere il suo saluto di commiato al sito di un’organizzazione politica denominata Unione per il Socialismo Nazionale – R.S.I. (http://socialismonazionale.wordpress.com/2013/08/21/presente-3/ dove R.S.I. è il triste acronimo che per riprodurre le iniziali della Repubblica Sociale Italiana aggiunge alla sua denominazione la specifica di Raggruppamento Sociale Italiano, questo il simbolo adottato).

L’ organizzazione politica Unione per il Socialismo Nazionale – R.S.I., al

Il simbolo di ispirazione nazi-fascista dell'Unione per il Socialismo Nazionale

Il simbolo di ispirazione nazi-fascista dell’Unione per il Socialismo Nazionale

fine riteniamo di aggirare le norme Costituzionali di divieto di ricostituzione del Partito Nazionale Fascista, rifugge dall’utilizzare in qualsiasi suo atto statutario il termine “fascista”… ma non si fa problemi di allegare allo Statuto (http://socialismonazionale.wordpress.com/statuto/) di detta organizzazione politica un ALLEGATO 2 denominato “Tavola dei valori” dove, tra l’altro, si legge:

  • Promulgazione di una Nuova Costituzione Repubblicana in sostituzione della attuale Costituzione ormai desueta e antistorica.
  • Tutela dell’integrità nazionale territoriale e amministrativa da tutte le mire da localistiche foriere di minacce secessioniste
  • Creazione di una Repubblica Presidenziale a Partecipazione Popolare
  • Riconquista della Sovranità Nazionale: militare, culturale, monetaria economica, politica.
  • Ricostruzione dell’integrità morale del cittadino italiano
  • Riforma del sistema scolastico come istituzione educativa nazionale
  • Ricostruzione del nucleo familiare come pilastro fondamentale della società.

ed altre amenità del genere.

Ebbene, questa signora Marchiori è stata chiamata dal Sindaco Zanantoni a chiudere la celebrazione della Giornata del Ricordo con una lettura pubblica che si terrà domenica 16 nella piazza della Ex Filattice.

Ripetiamo, non sappiamo se questa operazione è il frutto di dabbenaggine politica oppure se sia un’operazione imbastita di nostalgia ed indice di una pressante strumentalizzazione in chiave nazionalista di eventi storici, le foibe in primis, utilizzata al solo fine di riabilitare i criminali nazisti e i loro fiancheggiatori fascisti, ma la nostra conoscenza delle scelte politiche di questo Sindaco ci fanno propendere per questa seconda interpretazione, e riteniamo pertanto urgente schierarci per l’ennesima volta a difesa della Costituzione TUTTA, compreso il suo ineliminabile monito antifascista.

Nel fare questa dichiarazione richiamiamo le forze democratiche ad analogo atteggiamento di ripulsa del revisionismo fascista; è urgente e non più rinviabile l’azione delle forze democratiche, progressiste e antifasciste nel porre un argine a questi tentativi di giustificazione e di mitizzazione di coloro che si sono indegnamente alleati all’oppressore nazista.

Se invece dovesse essere uno “svarione” politico verificatosi ad “insaputa” del Sindaco siamo ancora in tempo a porre rimedio; il Sindaco si dissoci da questa presenza dequalificata e ne rifiuti non solo l’intervento pubblico ma anche la sua partecipazione alla manifestazione!
In caso contrario invitiamo gli antifascisti e tutti i democratici a non partecipare alla manifestazione e a prendere posizione, anche con azioni pubbliche di protesta, su un tema così pressante come la strumentalizzazione personale e politica della storia e di passaggi fondativi della democrazia italiana.

La locandina della celebrazione ufficiale

La locandina della celebrazione ufficiale

Posted in manifestazione, Muggiò | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , | 2 Comments »

Che titolo urbanistico è stato concesso in via De Nicola?

Posted by PRC Muggiò su mercoledì 21 agosto 2013

Questa ci mancava.

Dopo esserci fregiati per anni dell’appellativo di “comune virtuoso” (certo le tasse locali a Muggiò sono piuttosto care, e non ci siamo fatti neppure scappare l’occasione per introdurre, per le esumazioni, anche la “tassa sulla cassa”… salvo poi registrare che in base all’Indice Sintetico di virtuosità stilato dalla Regione Lombardia in Brianza, su 55 comuni, siamo collocati ad un lusinghiero 49° posto… e di questo passo l’Amministrazione può ancora migliorare, anche ambire… all’ultimo posto in classifica!), ecco che l’Amministrazione introduce un’innovazione straordinaria:  l’ intero ultimo piano di un edificio ancora in costruzione, in via De Nicola, con tutte le imposte murate!

Questo slideshow richiede JavaScript.

Un edificio alto ma non alto, con le finestre ma senza finestre, che eccede la volumetria consentita ma che non la eccede, che non è condonato ma che forse sarà necessario condonare, che ha il sottotetto ma che non ha il sottotetto, che è stato autorizzato ma che non è a norma, che non è abitabile ma che sarà abitabile…. che certo ci darà ancora più lustro e ci pone all’avanguardia delle migliori tecniche di programmazione urbanistica d’Italia e che scatena la corsa al nuovo Eldorado in Lombardia.

O NO!?

Posted in Ambiente, Muggiò | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , | Leave a Comment »

IGNORANZA O MALAFEDE?

Posted by PRC Muggiò su lunedì 27 maggio 2013

Ingnoranza o malafede? Le tariffe sono state votate dalla Giunta, non dal Consiglio Comunale

Ignoranza o malafede? Le tariffe sono state votate dalla Giunta, non dal Consiglio Comunale

Nell’articolo di replica il Sindaco ci rimprovera di non esserci opposti, nel 2007, all’approvazione del Regolamento Comunale che aggiornava la regolamentazione dei servizi cimiteriali.

Strano che il Primo Cittadino giustifichi una sua scelta con la risibile argomentazione che le tariffe siano imposte da una scelta della precedente amministrazione: il Sindaco dovrebbe sapere che i regolamenti non possono far altro che normare quanto previsto dalle leggi; ma nessuna di queste fissa gli importi da applicare! In sostanza, Lui non dice che il Regolamento fosse  solo l’attuazione obbligatoria della Legge Finanziaria del 2001, e che nessuna amministrazione, dal 2001 fino al 2012 (Zanantoni, Fossati, Zanantoni), avesse mai addebitato costi alle famiglie per le esumazioni ordinarie.

Su una scala della tariffa che va da 1 a 100, il Sindaco ha scelto di applicare il 100%! Niente male per chi accusa gli altri di fare disinformazione. Inoltre, dichiara di essere stato “costretto” –  dal Regolamento del 2007 –  a far pagare le esumazioni; ma la domanda cui non prova a rispondere è perché non sia stata varata subito una Delibera di Giunta nel 2009, quando è stato eletto, invece di aspettare il 2013. E perchè ha scelto tariffe così esorbitanti?  

E’ così difficile da capire?

Sicuramente le leggi vanno applicate, ma le modalità pratiche d’attuazione sono sempre mediate dall’opportunità politica e dal contesto socio-economico della città; contesto che per 11 anni ha fatto sì che si continuasse, come era sempre stato in precedenza, ad applicare l’esenzione dal pagamento per tali servizi.

E allora bisognava dire chiaro che si avesse bisogno di soldi; occorreva avvisare i cittadini che avrebbero dovuto pagare una nuova tassa mai pagata prima; e giustificare perché si scegliesse di recuperare risorse proprio dal cimitero, e non da altri settori deficitari; valutando altresì l’opportunità di compensare altrimenti i previsti introiti.

Certo che, se solo per il fatto di esprimere queste considerazioni, siamo ritenuti degli “agitatori”, possiamo assicurare che ci agiteremo sempre contro la disinformazione.

Istruitevi perché abbiamo bisogno di tutta la vostra intelligenza.
Agitatevi perché avremo bisogno di tutto il vostro entusiasmo.
Organizzatevi perché abbiamo bisogno di tutta la vostra forza”.

                                   Antoni Gramsci

 

Posted in Muggiò | Contrassegnato da tag: , , , , , | Leave a Comment »

La città dei morti paganti

Posted by PRC Muggiò su domenica 12 maggio 2013

Vola cimitero

Posted in Muggiò, Società, Volantini | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »